yes, therapy helps!
Differenze tra fame fisica e fame emotiva: mangiare senza bisogno passa il conto

Differenze tra fame fisica e fame emotiva: mangiare senza bisogno passa il conto

Agosto 10, 2020

La fame è un istinto di tutti gli animali, incluso l'essere umano. È un bisogno di prim'ordine che ci spinge a dirigere le nostre azioni verso il raggiungimento di un obiettivo molto semplice: cercare e consumare cibo.

ma, Possiamo davvero mangiare senza essere affamati, anche se senti che lo fai? Può sembrare strano, ma questo può accadere: le nostre abitudini alimentari non si basano solo sui bisogni oggettivi del corpo, ma anche sulle nostre convinzioni su quanto è normale consumare ogni giorno e cosa no.

In questo articolo parleremo di quel curioso fenomeno con cui siamo in grado di creare la necessità di mangiare automaticamente e senza che il nostro stomaco lo richieda. È ciò che è noto come fame emotiva .


  • Forse ti interessa: "I 10 disturbi alimentari più comuni"

Le 4 differenze tra fame emotiva e fame fisica

Per sapere qual è la natura della fame emotiva, niente è paragonabile alla "normale" fame.

1. Modalità di apparizione

Da un lato, La fame fisica aumenta gradualmente e normalmente l'individuo ha il controllo su ciò che mangia, in modo che possano prendere decisioni nutrienti per nutrirsi.

La fame emotiva, d'altra parte, appare improvvisamente e richiede soddisfazione immediata, e cercando solo alcuni "cibi confortanti" come dessert, cioccolato o cibo con zucchero.


2. Le sue cause

La fame fisica è causata da qualcosa di molto semplice: il nostro corpo ha bisogno di materiale per continuare a funzionare e in buone condizioni.

La fame emotiva è una ricerca di piacere o di "riempire un vuoto" . È molto comune quando si ha troppo stress, ansia, si sente solo e depresso, o al contrario, quando si prova euforia o felicità eccessiva come in una festa, un matrimonio, un Natale o un nuovo anno, ecc.

Ci sono diverse teorie che cercano di spiegare questo fenomeno. Uno di loro parla dei ricordi che sono rimasti nel subconscio quando i bambini ci hanno premiato con i dolci e questo era un simbolo di affetto, quindi mangiare questi cibi ci ricorda questo sentimento.

Un'altra teoria è che cerchiamo di mangiare zucchero per il semplice fatto che eleva i nostri livelli di ormoni che generano piacere, come la serotonina .

3. La sensazione che se ne vadano

Normalmente dopo aver consumato cibo a causa della fame emotiva, c'è un senso di colpa, rimpianto o vergogna; come porta ad eccesso di cibo e binge eating .


Ciò accade in contrasto con la fame fisica, che, al momento di soddisfarla, produce una sensazione di benessere e soddisfazione.

4. Facilità con cui sono sazi

La fame emotiva è molto più difficile da saziare; anche se si consumano dolci o dessert, l'effetto positivo è di breve durata e in poche ore, riappare. Questo perché non è un bisogno fisiologico che può essere incontrato con il cibo, ma un bisogno affettivo.

Certamente, con la fame fisica ogni pasto mangiato conta e ci lascia sazi per ore.

Come combattere la fame emotiva?

Il primo passo per combattere questo è identificare, nel momento in cui siamo affamati, che tipo è.

Se è fisico, nessun problema possiamo razionalizzare e scegliere ciò che ci può meglio nutrire e soddisfare. D'altra parte, se è emotivo, sarebbe importante per noi scoprire quali sentimenti o emozioni l'hanno scatenato e controllare i nostri impulsi in modo da non mangiare cose spazzatura o cose con una grande quantità di zucchero. In questo caso, cerca di stabilizzare il nostro bisogno di mangiare e scegliere di mangiare un po 'di frutta, verdura o solo un bicchiere d'acqua.

La strategia per controllare la fame emotiva è impara a controllare le tue emozioni , non seguirli nel momento in cui appaiono, dal momento che ci porteranno a prendere la decisione meno favorevole di sentirsi soddisfatti.

Andare a fare una passeggiata, prendere l'aria fresca, meditare, chiamare un amico intimo o un parente, ascoltare musica o qualsiasi attività che ci rilassi è utile per calmarsi e far sparire la fame a poco a poco senza dover ricorrere a una baldoria .

Un'altra opzione un po 'più pratica è creare un menu per la settimana . Non deve essere una dieta, serve solo come guida e cerca di attaccare il più possibile, senza abbuffarsi. È importante che la pianificazione alimentare sia fatta in un momento di stabilità emotiva, per selezionare i cibi in modo razionale e non emotivo. Al momento di sentirsi "affamati" e non sapendo cosa sia, è bene chiedersi se in quel momento si mangerebbe una mela, un cetriolo, un tonno, se la risposta è no, e invece, si brama qualcosa con molto zucchero, probabilmente cosa stai sperimentando la fame emotiva.

conclusiva

A un certo punto tutti hanno mangiato senza essere affamati davvero, e non c'è motivo di vergognarsene. Ma è importante agire in modo che non continui a influenzarci. La fame emotiva, oltre ad avere un impatto sulla figura e quindi sull'autostima, può anche portare a malattie dovute ad una dieta squilibrata.

Se questo non può essere risolto individualmente, gli psicologi possono essere di grande aiuto per incanalare tutte queste emozioni intrappolate e aiutarci a condurre una vita più piena e, soprattutto, sana.

Non mangiare le tue emozioni!


VIVI SI DIVENTA - Simone Perotti (Agosto 2020).


Articoli Correlati