yes, therapy helps!
Come gestire le emozioni negative: 9 consigli

Come gestire le emozioni negative: 9 consigli

Settembre 25, 2020

Rabbia, rabbia, tristezza, disperazione, angoscia ... sono tutte emozioni e sensazioni che non sono esattamente piacevoli e che coinvolgono la sofferenza di un certo disagio che molti di noi vorrebbero evitare. Tuttavia, il fatto che non siano accettabili non implica che non siano in buona salute fino ad un certo punto, avendo soprattutto un senso che ci spinge a un tipo di comportamento che può essere adattivo a patto che non siano portati all'estremo.

Ecco perché anziché evitarli, dovremmo imparare a gestirli. In questo articolo vedremo una serie di linee guida che ci consentono capire come gestire le emozioni negative .

  • Articolo correlato: "Cos'è l'intelligenza emotiva?"

Emozioni e loro considerazione

Comprendiamo per emozione uno stato affettivo specifico e soggettivo che viene vissuto durante un periodo di tempo relativamente breve e che è caratterizzato dalla generazione di qualche tipo di attivazione o modalità di funzionamento determinate nel nostro corpo che a sua volta può servire a favorire qualche tipo di comportamento .


Ci permettono di dare un certo valore all'esperienza , sia esso interno o esterno, e nato dall'interno delle persone in modo innato. La sua apparizione in una situazione specifica, tuttavia, è ampiamente mediata da influenze ambientali e precedenti esperienze e dall'apprendimento della materia.

Generalmente generalmente dividiamo le emozioni tra positivo e negativo, a seconda del tipo di attivazione che genera in noi e dell'associazione tra quell'attivazione e l'esperienza vissuta. Di solito consideriamo positivi quelli che generano qualche tipo di piacere (gioia, illusione o calma sarebbero esempi) mentre quelli che sono fastidiosi o dolorosi sono negativi (tristezza, rabbia o disperazione).


Entrambi i tipi di emozioni, così come altri considerati neutrali (ad esempio, sorpresa) in realtà hanno una funzione adattiva per l'organismo, dal momento che ci portano a tendere ad agire in un certo modo.

  • Forse ti interessa: "Psicologia emotiva: principali teorie dell'emozione"

Linee guida su come gestire le emozioni negative

Questo include anche i negativi, anche se non sono desiderabili. Ad esempio, la rabbia, l'angoscia o la rabbia ci spingono a muoversi contro qualcosa che consideriamo ingiusto o che genera disagio, e la tristezza ci fa cercare protezione o ridurre il nostro livello di attività in certe situazioni in cui un eccesso di azione potrebbe essere un dispendio energetico).

Questo è importante dato che molto spesso vogliamo evitare le emozioni negative a tutti i costi, anche se in una certa misura sono sani e ci permettono di sopravvivere e di far fronte a situazioni complicate. E come abbiamo detto nell'introduzione, piuttosto che evitarli, dovremmo imparare a gestirli correttamente in modo tale da permetterci di sentirli senza diventare disfunzionali.


Ciò richiede intelligenza emotiva questo tipo di intelligenza può infatti essere addestrato. Di seguito offriamo una serie di linee guida per imparare a gestire le emozioni negative.

1. Non bloccarli

Il primo passo e uno dei più importanti quando si tratta di imparare a gestire le emozioni negative è, semplicemente, non evitarli. E di solito tendiamo a ridurre la nostra sofferenza e ignorarli o coprirli senza altro. È necessario evitare l'elusione e accetta che dobbiamo affrontarli .

2. Valuta perché appaiono e cosa vogliono dirti

Come abbiamo detto, le emozioni sono qualcosa di adattivo che ci aiuta a sopravvivere. È necessario che oltre a consentirci di sentirli, ascoltiamo ciò che vogliono dirci, ciò di cui ci stanno informando.

Mentre questo punto può sembrare molto logico, la verità è che molte persone non sono in grado di dire perché sentono il loro modo di sentire. Perché siamo tristi? È successo qualcosa che ci porta ad essere così? Dobbiamo fare un esercizio non solo di percezione ma anche di ragionamento emotivo su questi temi.

3. Usa le tecniche di meditazione

Strettamente correlato al punto precedente, un buon modo per entrare in contatto con le nostre emozioni è l'uso della meditazione. Ci sono anche tecniche come Mindfulnnes (che si basa anche su un certo tipo di meditazione) che può esserci utile. Permettendo ai nostri pensieri ed emozioni di passare e osservali come un testimone, senza interferire con loro , può aiutarci a determinare la ragione del suo aspetto.

4. Esprimili

Un errore diffuso nella maggior parte delle società, almeno nelle società occidentali, è che la sofferenza e il disagio sono di solito un problema tabù e nascosto, qualcosa di persino vergognoso che di solito non condividiamo con nessuno o con poche persone. Le emozioni negative, quindi, sono spesso nascoste e represse socialmente, qualcosa del genere a lungo termine può generare un effetto cumulativo questo ci farà sentire sempre peggio e ciò che dovrebbe essere adattivo diventa dannoso e persino patologico.

Sebbene non si tratti di effettuare una dimostrazione costante, potrebbe essere utile condividerli con l'ambiente circostante o esprimerli in modi diversi, ad esempio attraverso l'arte. Si tratta di farli scorrere e lasciarli apparire e scomparire in un modo normale e adattivo.

5. Dai una risposta

Non si tratta solo di sapere perché sono lì o semplicemente di esprimerli, ma è anche fondamentale dare una risposta al bisogno che stanno esprimendo . Cioè, se siamo angosciati e abbiamo bisogno di essere rassicurati dovremmo cercare sollievo o se siamo tristi da qualche parte per sentirci protetti. Se siamo nervosi per il caos in una situazione, forse possiamo trovare un ordine, o se siamo dispiaciuti di aver ferito qualcuno, possiamo parlare con quella persona e provare a correggere la situazione.

6. Cerca di non essere dominato

Abbiamo detto che le emozioni negative sono anche adattive, purché fluiscano normalmente. Ma è anche possibile che un'emozione specifica diventi un elemento dominante nella nostra vita e che diventi un asse centrale che altera tutto il nostro comportamento, essendo anche qualcosa di resistente al cambiamento.

Dobbiamo cercare di ascoltare le nostre emozioni, ma imparare a gestirle in modo tale che siamo funzionali e ci permettono di avere una buona qualità della vita e una sensazione di benessere. Altrimenti, potremmo manifestare una sorta di reazione folle o persino una patologia come la depressione. Ecco perché capire come gestire le emozioni negative è qualcosa di molto importante nella nostra giornata.

7. Valuta le situazioni che suscitano sentimenti simili

Le emozioni sorgono di solito quando si verifica un qualche tipo di situazione. Se le emozioni che si presentano sono negative, come l'angoscia o la paura, a volte non possiamo sapere come affrontarle.

Un modo per ridurre l'intensità di queste emozioni negative può essere quello di ricordare situazioni simili a quelle generate dall'emozione stessa: si tratta di ricordare come ci siamo comportati nel caso in cui si fosse riusciti a risolverli, in modo tale da ispirarci e fornire linee guida applicabili nella situazione attuale. Questo ci permetterà di ridurre la tensione e il disagio.

Che sì, questo sarebbe valido solo se avessimo affrontato con successo una situazione simile: se non raggiunta una risoluzione positiva in ogni caso può addirittura generare un livello più elevato di disagio.

8. Il potere di osservazione

Finora abbiamo parlato di diversi aspetti su cui lavorare, ma la verità è che possiamo anche migliorare il nostro modo di gestire le emozioni negative attraverso l'osservazione e l'ascolto degli altri.

Osserva come gli altri esprimono le emozioni e come le gestiscono può permetterci non solo di identificarli negli altri, ma può anche portare all'autoidentificazione di aspetti come sintomi fisiologici o modi di agire. Anche l'uso di modelli che ci insegnano ad affrontare situazioni ed emozioni può aiutarci in larga misura.

9. Autoregistrazione e / o diari

Una tecnica tipica per imparare a gestire le emozioni negative ha molto a che fare con la capacità di organizzare e sistematizzare le informazioni. Tenere un diario o qualche tipo di auto registrazione può aiutarci osserva quali situazioni generano certe emozioni , la sua intensità o anche possibili interpretazioni alternative alle interpretazioni fatte o alle possibili risposte da fare ..


Emozioni negative: imparare a dominarle (Settembre 2020).


Articoli Correlati