yes, therapy helps!
Fase sonno REM: cos'è e perché è affascinante?

Fase sonno REM: cos'è e perché è affascinante?

Settembre 25, 2020

Oggi, una grande maggioranza della popolazione conosce o ha sentito parlare del concetto di Fase REM o sonno REM . Sappiamo che fa parte del nostro sogno e che, almeno, presenta alcune differenze rispetto al resto del sogno, non-REM.

Molte persone non sanno cosa rende questo sogno così necessario per noi. Ecco perché in questo articolo faremo un breve commento su cosa sia il sonno REM e le sue peculiarità.

  • Articolo correlato: "Tipi di onde cerebrali: Delta, Theta, Alpha, Beta e Gamma"

Le fasi del sogno

Dormire è un bisogno essenziale per l'essere umano e per la maggior parte degli esseri viventi. Il nostro corpo è una struttura che consuma energia continuamente, specificando gli elementi del nostro "macchinario" in riposo per funzionare correttamente.


Dormire è fondamentale. Tuttavia, il sogno non è qualcosa di uniforme che appare bruscamente. Infatti, durante il sogno, si verificano diversi cicli composti da diverse fasi, in cui diverse funzioni sono alterate e in cui il nostro cervello riduce o aumenta determinati tipi di attività bioelettrica . Nello specifico, di solito abbiamo tra 4 e 9 di questi cicli divisi in cinque fasi. Queste fasi di solito seguono un certo ordine.

Prima di tutto, nella fase 1 ci troviamo in una fase di torpore, in cui la nostra coscienza si riduce gradualmente, anche se alla minima stimolazione possiamo liberarci. Il nostro cervello registra principalmente le onde alfa, che sono i soliti stati di rilassamento anche quando siamo svegli.


Più tardi e se nulla lo interrompe, entriamo in una seconda fase, in cui i movimenti oculari si riducono completamente e c'è una marcata diminuzione del tono muscolare. Ogni volta che siamo più rilassati e scollegati dall'ambiente. Se osserviamo il funzionamento del cervello a livello d'onda con un elettroencefalogramma, osserviamo come prevalgono le onde theta, con la particolarità che le oscillazioni appaiono nell'attività cerebrale. sotto forma di complessi K e fusi del sonno .

Dopo queste fasi, entrambe di sonno leggero, entreremmo nelle fasi 3 e 4 del sonno, note come sonno profondo. Riguarda le fasi in cui ha luogo un vero riposo dell'organismo. L'attività fisica è praticamente inesistente per la maggior parte delle persone, sebbene c'è un aumento del tono muscolare . Terrori notturni e altre parassitie come il sonnambulismo si verificano durante queste fasi del sonno. La registrazione delle onde cerebrali mostrerebbe una prevalenza generale delle onde delta.


Queste fasi corrispondono interamente al sonno non REM. Ma dietro di loro, possiamo ancora trovare un'altra fase, la fase REM o MOR.

  • Articolo correlato: "Le 5 fasi del sonno: da onde lente a REM"

La fase REM o MOR

La fase REM (REM è l'acronimo di Rapid Eye Movement) o MOR (Rapid Eye Movement), è una delle fasi più importanti del sonno. È caratterizzato dalla presenza di attività cerebrale elevata, che può essere visibile nelle prestazioni di movimenti oculari rapidi e costanti .

È considerato sonno desincronizzato. L'attività cerebrale è simile a ciò che avremmo dovuto svegliare o in fasi di torpore, vi sono abbondanti onde theta con denti di sega (quest'ultimo particolarmente caratteristico delle aree parietali del cervello) e beta. Il corpo rimane totalmente immobile e paralizzato, con completa scomparsa del tono muscolare tranne che negli occhi e nel diaframma.

È nella fase REM del sogno che appaiono i sogni e gli incubi, oltre alla capacità di ricordarli. Vi è anche un aumento dell'attivazione fisiologica (nonostante l'atonia muscolare), l'aumento della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e respiratoria e l'insorgenza di erezioni. Mentre i cicli continuano, aumenta la quantità di sonno REM.

Funzione principale di questa fase del sonno

Le funzioni di questo tipo di sogno non sono chiaramente definite. Tuttavia, si ritiene che durante il sonno REM riorganizziamo i nostri contenuti mentali, fissando i nuovi ricordi e integrandoli nella memoria allo stesso tempo, scartiamo quelle informazioni o ricordi considerati irrilevanti. Quindi, questo tipo di sogno converte l'esperienza in memoria immagazzinata nella memoria a lungo termine.

Inoltre, è durante queste fasi che si verifica il più alto livello di sviluppo del cervello, essendo fondamentale per la sua maturazione soprattutto durante la fase di crescita. È considerato sonno desincronizzato.

questo non è solo importante a livello cognitivo , ma anche per quanto riguarda l'elaborazione sensoriale, in quanto sembrano indicare studi come quelli di Marcos Frank presso l'Istituto Nazionale di Sanità degli Stati Uniti, ad esempio permettendo la proteina ERK (una proteina che viene attivata solo in questa fase del sonno). ) rifinisce i cambiamenti nella corteccia visiva e regola le connessioni che permettono lo sviluppo della percezione visiva. Lo stesso vale per altre abilità.

Evoluzione per tutto il ciclo di vita

Per tutta la vita i nostri bioritmi e i nostri cicli del sonno variano enormemente . Non dormiamo lo stesso durante il nostro primo anno di vita a trent'anni, e anche meno di ottant'anni.

I neonati, ad esempio, dedicano gran parte della giornata al sonno, essendo circa il 50% di questo tempo nella fase REM. Dal quarto mese questa percentuale è ridotta a 40 e inizia ad essere preceduta da un sonno non REM. Man mano che il bambino cresce, il tempo in cui si sveglia aumenta e la quantità di sonno diminuisce. All'età di circa sei anni, i cicli del sonno e i cicli si stabilizzano, assomigliando al sogno di un adulto.

Durante l'età adulta, la proporzione approssimativa del sonno REM è del 20%, mentre il resto è il sonno non REM. Con l'età, il tempo di sonno totale è ridotto e frammentato, soprattutto quando raggiungiamo la vecchiaia, con molti risvegli notturni . La quantità di sonno è drasticamente ridotta, inclusa quella del tipo REM. Nonostante questo, si osserva una minore latenza del sonno REM (ci vuole meno per fare un'apparizione).

Riferimenti bibliografici:

  • McCarley, R.W. (2007). Neurobiologia del sonno REM e NREM. Sleep Med, 8

CURIOSITÀ SUI SOGNI (Settembre 2020).


Articoli Correlati