yes, therapy helps!
Effetto Galatea: credi nelle tue possibilità?

Effetto Galatea: credi nelle tue possibilità?

Settembre 25, 2020

"Questo bambino è stupido", "non otterrai mai nulla", "togliti, non sai come farlo". Queste frasi riflettono chiaramente un'aspettativa negativa nei confronti della persona a cui si riferiscono. E non solo, ma se si esprimono o meno, probabilmente eseguono una serie di azioni che porteranno il soggetto a introiettare quell'idea e finiranno per comportarsi nel modo previsto.

Questo è noto come effetto Pigmalione. Ma c'è anche un effetto collegato alla stessa situazione, anche se da una prospettiva diversa: stiamo parlando dell'effetto Galatea.

  • Articolo correlato: "Profezie auto-realizzate, o come farsi un fallimento"

Il mito di Pigmalione e Galatea

Per capire meglio come funzionano l'effetto Pigmalione e l'effetto Galatea, può essere utile vedere da dove provengono questi termini, essendo la sua storia legata alla mitologia .


Il mito di Pigmalione ci presenta come re di Cipro, che per tutta la sua vita ha cercato la donna perfetta per diventare sua moglie. Tuttavia, non ho potuto trovare nessuno. Il re decise di dedicare il suo tempo alla scultura, l'arte in cui si distingueva. Decise di rappresentare la donna perfetta in una delle sue opere, creando una statua in avorio di tale perfezione che finì per innamorarsene . Galatea la chiamò e passò molto tempo ad ammirarla. Ma la statua non ha smesso di essere una cosa del genere.

Pigmalione andò a varie celebrazioni religiose e pregò gli dei di dargli la vita, e Afrodite, dea dell'amore e della passione, rispose alle sue suppliche. Quando tornava a casa sua Pigmalione passava molto tempo a osservare con tristezza Galatea, per baciarlo finalmente. Ma sorprendentemente ha scoperto che il tocco era caldo. Con un secondo bacio, Galatea si animò, innamorandosi di Pigmalione.


  • Forse ti interessa: "Concetto di sé: cos'è e come si forma?"

L'effetto Pigmalione

Attraverso il mito, possiamo osservare come i desideri e le aspettative di Pigmalione gli abbiano causato una serie di azioni che a loro volta porterebbe a quei desideri e aspettative diventando una realtà .

Dallo stesso mito abbiamo estrapolato quello che viene chiamato l'effetto Pigmalione, secondo il quale le aspettative che proiettiamo sugli altri ci indurranno a compiere azioni che a lungo andare genereranno nella persona in questione quel tipo di comportamento. Ad esempio, se pensiamo che un bambino non raggiungerà alcun risultato e proiettiamo inconsciamente quell'idea, a lungo termine è più probabile che il bambino creda lo stesso e finisca per adempiere al comportamento e al ruolo che ci si aspettava da lui.

L'effetto Pigmalione è ben noto nel mondo della psicologia e dell'educazione n , può generare un grande effetto sugli individui ciò che gli altri si aspettano da loro. Ma la stessa cosa delle aspettative degli altri ha un effetto, così fanno le loro. In questo modo possiamo osservare l'esistenza di un altro importante effetto complementare a questo. Riguarda l'effetto Galatea.


  • Articolo correlato: "L'effetto Pigmalione: come i bambini finiscono per essere i desideri e le paure dei loro genitori"

L'effetto Galatea

L'effetto Galatea si riferisce al potere di credere nelle proprie capacità e possibilità o la mancanza di questi quando si tratta di raggiungere o meno il successo nei nostri obiettivi.

Se una persona si sente sicura e in grado di ottenere ciò che vuole, avrà una possibilità molto maggiore di raggiungere i propri obiettivi perché il suo comportamento sarà più focalizzato e focalizzato su di loro . Il soggetto tenderà a dipendere più dai propri sforzi e si sentirà molto più impegnato a raggiungere gli obiettivi.

Al contrario, chi si sente incapace di ottenere ciò che vuole, chi non ha fiducia, non oserà andare con tutto per raggiungere i propri obiettivi. Tenderà a dubitare, a rendere visibili errori e fallimenti e il suo impegno sarà più fragile, il che sarà più probabile che non per raggiungere il suo obiettivo.

La sua relazione con la percezione degli altri

L'effetto Galatea non ha solo una connotazione interna. La nostra auto-percezione e fiducia in se stessi viene proiettata all'esterno attraverso i nostri atteggiamenti e comportamenti, in modo che altri possano catturarli e addestrarli un'immagine di noi basata tra l'altro su di loro .

L'immagine che formeranno sarà più positiva o negativa in base a ciò che possono catturare e quell'immagine influenzerà il modo in cui ci trattano. Ad esempio, se ci vedono come deboli, potrebbero essere più propensi a cercare di approfittarci o proteggerci, mentre se proiettiamo un'immagine più determinata possono ammirarli o invidiarli. Anche nelle aspettative che gli altri si formano da noi

Allo stesso modo, la percezione che gli altri hanno di noi e ciò che ci trasmettono ci condizionerà modificando in una certa misura la nostra auto-percezione e con esso il nostro modo di agire, che a sua volta rende intimamente connessi l'effetto Galatea e l'effetto Pigmalione.

Tuttavia, ciò che è più importante di fronte a prevedere il nostro successo o fallimento è ciò che pensiamo di noi stessi e le nostre possibilità di realizzarlo, dal momento che una persona può avere successo anche se il suo ambiente non ci crede, mentre qualcuno che non crede in se stesso avrà molto più difficile anche se il suo ambiente lo supporta.

Collegamento con il locus di controllo

L'effetto Galatea è anche legato al luogo del controllo, comprendendo come tale il legame che stabiliamo tra ciò che accade e ciò che facciamo, vale a dire, l'attribuzione degli eventi alla performance stessa o ad altri fattori come il e .

Una persona che crede che i suoi successi siano dovuti a fattori interni, stabili e globali condurrà comportamenti molto più attivi e diretti agli obiettivi, mentre qualcuno che pensa di essere dovuto a fattori esterni, instabili e particolari potrebbe considerare che i loro successi non sono tali ma semplici possibilità e quindi perdere la motivazione a lottare per i loro obiettivi.

  • Articolo correlato: "Teorie sull'attribuzione causale: definizione e autori"

IL MITO RISCRITTO storie di pregiudizi, stereotipi e violenza di genere nell'immaginario greco (Settembre 2020).


Articoli Correlati