yes, therapy helps!
Miglioramento di sé attraverso la resilienza

Miglioramento di sé attraverso la resilienza

Settembre 25, 2020

Di solito ci associamo eventi traumatici o difficile come qualcosa di negativo e tendiamo a provare compassione o pietà con le persone che stanno attraversando, ma vorrei offrire l'altra faccia della medaglia. Possiamo imparare da loro e crescere in vari aspetti della nostra vita grazie ai cattivi incantesimi o ai momenti che ci hanno causato un grande impatto psicologico. Non per questo motivo dobbiamo ridurre l'importanza o la gravità dell'evento, ma dobbiamo valutare il fatto che abbia sia aspetti negativi che positivi e si concentri su quest'ultimo.

Sicuramente ti viene in mente un evento che da quando è successo, la tua vita non è mai stata più la stessa, ed è normale che tu creda che le cose ora siano migliori di prima . Perché, dopo tutto, la maggior parte delle persone è in grado di trasformare la pagina in questi brutti momenti.


Questo è esattamente ciò di cui voglio parlare oggi, elasticità .

Cos'è la resilienza?

Resilienza è la capacità di affrontare le avversità della vita che emergono rafforzate da loro . È il risultato di un processo dinamico che varia in base alle circostanze, alla natura della situazione, al contesto e allo stadio della vita dell'individuo, che possono essere espressi in modo diverso a seconda della cultura (Manciaux et al., 2001).

Come è il processo, non è tanto la persona stessa, ma piuttosto l'evoluzione e il processo di strutturazione del proprio storia di vita (Cynulnik, 2001).

Come sono le persone resilienti?

Per sapere quanto resilienti sono, niente di meglio che leggere l'articolo di Bertrand Regader intitolato "La personalità resistente: sei una persona forte?", Dove puoi avere una visione più ampia su questo argomento. Le caratteristiche fondamentali della personalità resiliente, riassunte, sono le seguenti:


  • Hanno fiducia in se stessi e nella loro capacità di far fronte.
  • Hanno un sostegno sociale.
  • Hanno uno scopo significativo nella vita.
  • Credono di poter influenzare ciò che accade intorno a loro.
  • Sanno che puoi imparare da esperienze positive e negative.
  • Concepiscono e affrontano la vita in modo più ottimistico, entusiasta ed energico.
  • Sono persone curiose e aperte a nuove esperienze.
  • Hanno alti livelli di emotività positiva.

Affrontano esperienze difficili usando el umorismo , esplorazione creativa e pensiero ottimista (Fredickson e Tugade , 2003). Questo cambiamento positivo che sperimentano il risultato del processo di lotta li porta a una situazione migliore in cui si trovavano prima che accadesse l'evento (Calhoun e Tedechi, 1999). I cambiamenti possono essere in se stessi (a livello individuale), nelle relazioni interpersonali (con altre persone) e nella filosofia della vita.


Cambiamenti in uno stesso o : aumenta la fiducia nelle nostre capacità per affrontare le avversità che il futuro ci presenta. È comune nelle persone che sono state sottoposte a regole molto severe in passato e dalla loro lotta, sono riuscite a reindirizzare le loro vite.

Cambiamenti nelle relazioni personali : l'esperienza traumatica può rafforzare l'unione di relazioni con persone che sono state in questi tempi difficili.

Cambiamenti nella filosofia della vita : le esperienze difficili devono scuotere le idee su cui è costruita la nostra visione del mondo (Janoff-Bulman, 1992). Le scale di valori cambiano e il valore delle cose che sono state precedentemente ignorate o date per scontate è più spesso apprezzato.

Significa che non c'è sofferenza?

Certo che provi emozioni negative e stress, infattisenza la sua crescita personale non sarebbe possibile attraverso di loro, non elimina il dolore, ma coesiste con esso.

Né significa che cresci in tutti gli aspetti della vita della persona, ma che potresti sperimentare cambiamenti positivi in ​​alcune aree ma non in altre.

Tra gli eventi della vita più studiati ci sono il divorzio dei genitori e stressanti traumatici come l'abuso, l'abbandono e la guerra (Grarmezy e Masten, 1994 ).

Tra i casi più noti di resilienza c'è quello di Tim Guenard e lo spiega nel suo libro: "Più forte dell'odio ”.

Quando aveva 3 anni sua madre lo abbandonò su un palo della potenza. A 5 anni, suo padre gli ha dato un pestaggio che lo ha fatto rimanere in ospedale fino alle 7. Il resto della sua infanzia è stato speso in una casa adottiva in una casa adottiva. Ha subito abusi da parte delle persone incaricate della sua cura e finito in un ospedale psichiatrico a causa di un errore amministrativo e da lì a un riformatorio, dove ha imparato a odiare tutto il mondo e solo il desiderio di uccidere suo padre lo ha tenuto in piedi.

Il circolo vizioso continuò con più fughe, abusi fisici, esperienze di strada, uno stupro e le mafie della prostituzione.

Dopo 16 anni la sua vita ha cominciato a cambiare e ora Tim è un uomo di quasi 50 anni felicemente sposato con 4 figli . Accoglie nella propria casa persone con problemi a cui si orienta e le incoraggia a trovare nuovi motivi per vivere offrendo loro un tetto e una mano. Così adempie la sua promessa fatta nell'adolescenza: accogliere gli altri con gli stessi bisogni che ha sofferto.

Possiamo fare qualcosa per sviluppare la resilienza?

Secondo il Associazione sociologica americana Ci sono 8 cose che sono nelle nostre mani e possiamo fare per essere più resilienti:

  • Stabilire relazioni : in questi momenti dobbiamo aiutare più che mai e stabilire legami emotivi con la famiglia, gli amici e le persone che per noi sono importanti. Aiutare gli altri può anche essere utile per rafforzare la resilienza.
  • Evita di vedere gli eventi come ostacoli : non si può evitare che alcuni eventi che ci danneggiano compaiano ma il modo in cui li interpretiamo e reagiamo a loro. Pensa al futuro e continua a sperare che tutto cambi prima o poi.
  • Fare attività che ti fa sentire meglio riguardo alla situazione finché dura: se ti senti meglio a camminare, a parlare con un amico, ad abbracciare il tuo animale domestico, fallo spesso.
  • Effettuare azioni decisive : in situazioni avverse cerca soluzioni e agisci nel modo migliore che puoi in base alla tua situazione. Sentirai che stai facendo qualcosa di produttivo per cambiare la tua situazione.
  • Trova le opportunità per scoprire te stesso : pensa a quelle cose che grazie a questo hai imparato e in quali aspetti hai migliorato. Vedrai che la sofferenza non è stata invano e che sei cresciuto in questo processo, guarda tutte le cose che hai guadagnato e non quelle che hai lasciato sulla strada.
  • Coltiva una visione positiva di te stesso : Fidati delle tue capacità per risolvere i conflitti che stai attraversando e quanto sei valido.
  • Non perdere la speranza a: non importa quanto sia scuro il cielo, il sole sorgerà sempre. Visualizza te stesso nella situazione in cui vuoi essere e non in ciò che temi.
  • Abbi cura di te : Presta attenzione ai tuoi bisogni e desideri. Ti aiuterà a mantenere il corpo e la mente sani e pronti ad affrontare la situazione che stai vivendo.

Riferimenti bibliografici:

  • Poseck, V., Carbelo, B., Vecina, M. (2006). L'esperienza traumatica della psicologia positiva: resilienza e crescita post-traumatica. Carte dello psicologo. Vol. 27 (1). 40-49.
  • Gómez Campos, A. M. (2008). Dieci azioni per sviluppare la resilienza. Portfolio. Estratto il 12 novembre da: //search.proquest.com/docview/334389604?accountid=15299

Superare un abuso e un trauma con resilienza può essere l’occasione per migliorare la tua vita (Settembre 2020).


Articoli Correlati