yes, therapy helps!
Pensare alle porte ci fa dimenticare ... letteralmente

Pensare alle porte ci fa dimenticare ... letteralmente

Agosto 10, 2020

Molte volte succede che, andando da un posto all'altro, dimentichiamo quello che stavamo per fare .

È frequente che ciò accada quando disegniamo percorsi a cui siamo già abituati: andare al lavoro, a scuola, ecc. Ci rendiamo conto, quindi, che abbiamo inconsciamente preso la strada per il nostro ufficio quando vogliamo davvero andare a trovare un amico, solo perché entrambi i percorsi condividono il tratto iniziale e siamo più abituati ad andare a lavorare che a visitare l'appartamento. compagna.

Pensa alle porte

Questo è spiegato perché, avendo attraversato lo stesso sito così tante volte, il nostro cervello codifica questa rotta come il percorso predefinito, dà il pulsante "autopilota" e, mentre i nostri piedi ci portano in sicurezza lungo il percorso sbagliato, possiamo dedicarci a pensare ad altre cose più interessanti. Tuttavia, altre volte abbiamo completamente dimenticato cosa avremmo fatto quando siamo nella nostra casa , un sito che frequentiamo così tanto che non esiste un "percorso predefinito".


In questi casi, l'unica cosa che rimane nella nostra coscienza è la sensazione di avere avuto un obiettivo molto chiaro qualche secondo fa, uno scopo che non esiste più se non come un disorientamento inspiegabile. Inoltre, a causa di questo frastuono, è difficile per noi ricapitolare mentalmente le azioni che abbiamo intrapreso prima di ritrovarci dove siamo e, forse a causa di ciò, non ci rendiamo conto che l'ultima cosa che abbiamo fatto prima che il nostro destino scompaia dalla nostra mente è ... attraverso una porta.

Sequenze tagliate

sorprendentemente, la chiave di questi piccoli misteri quotidiani potrebbe essere proprio lì, alle porte . Ci sono indicazioni che il passaggio attraverso una influenza i nostri ricordi inconsciamente e che, in realtà, il semplice atto di immaginare di passare attraverso una porta possa causare queste macchie di memoria (Radvansky et al, 2011) (Lawrence & Peterson, 2014) . Questo è quello pensare alle porte può rendere più facile per noi dimenticare il filo conduttore di ciò che stavamo facendo . La spiegazione è problematica, ma potrebbe essere la seguente: le porte fungono da divisori dei nostri ricordi.


Forse a causa delle prestazioni, il nostro cervello inizia il nostro flusso di esperienze in porzioni più piccole. In questo senso, la rappresentazione mentale di una porta agirebbe da innesco per una di queste divisioni esercitate sulla nostra mente, inconsciamente tagliando la "narrazione" dei fatti che stiamo vivendo Possiamo pensare a questi frammenti come agli scatti cinematografici che dividono ogni film. In modo fortuito, aspetti importanti nello sviluppo di un piano d'azione possono essere persi in questo processo di "taglio" e non passare al frammento successivo: è per questo che spesso ci alziamo dal divano e finiamo paralizzati dall'incertezza a pochi metri di distanza.

Accade solo pensando alle porte?

Tuttavia, con questa stessa logica ci sono altri elementi che possono avere lo stesso effetto su di noi. Ad esempio, è stato osservato come le frasi che introducono una discontinuità temporanea producono lo stesso effetto . Quindi, quando leggiamo qualcosa di simile a "una settimana dopo ...", la nostra capacità di associare le memorie è inferiore per quei ricordi che sono su entrambi i lati di quella divisione temporale se li confrontiamo con i ricordi che si trovano in un singolo frammento (Ezzyat et al, 2010).


È anche per questo meccanismo di divisione quindi è così facile avere la necessità di rileggere le ultime righe dopo aver compreso che la narrazione che stiamo leggendo ha fatto un salto nel tempo o nello spazio (e, quindi, è diversa dall'ultima che ricordiamo ). La colpa non è il libro, né lo deve essere perché ciò che leggiamo manca di interesse. L'unico responsabile di queste cose è il sistema di assemblaggio della memoria che opera nel nostro cervello.

Quest'ultimo è interessante perché mette in evidenza la natura simbolica di questo processo. Non è che siamo biologicamente predisposti a dimenticare quando pensiamo alle porte, è questo è un effetto collaterale della carica simbolica di questi artefatti . Ciò significa che praticamente qualsiasi altro fenomeno percettivo può produrre in noi lo stesso effetto se nel subconscio gli assegniamo un significato simile a quello che normalmente hanno le porte. Lo senti? Sono gli psicoanalisti, che stanno già affilando le loro matite.


Doing Kylie Jenner's Halloween Makeup (Agosto 2020).


Articoli Correlati