yes, therapy helps!
Le 10 leggende giapponesi più interessanti

Le 10 leggende giapponesi più interessanti

Settembre 20, 2019

In tutto il mondo ci sono molti miti e tradizioni, provenienti dalla grande diversità di culture che sono state (e sono tuttora) nel corso della storia. Una delle mitologie che più spesso affascina il mondo occidentale è il giapponese, che genera grande interesse ed è diventato popolare nel tempo.

Sono multipli i miti e le leggende giapponesi attraverso i quali gli antichi abitanti dell'isola cercavano di dare una spiegazione al mondo che li circondava e che continuano ad essere oggetto di ispirazione per molti scrittori e artisti.

Ecco perché in questo articolo faremo una breve raccolta di dieci leggende giapponesi, brevi o più complesse, prova della ricchezza culturale di questa regione dell'Asia . Questi ci permettono di vedere la prospettiva tradizionale del popolo giapponese su argomenti diversi come l'amore o l'origine di elementi della natura o la geografia del loro territorio.


  • Articolo correlato: "10 brevi leggende messicane basate sul folklore"

Una selezione delle più famose leggende giapponesi

Poi vi lasciamo con una breve raccolta di dieci leggende giapponesi molto conosciute e rilevanti, che ci spiegano dal folklore giapponese la ragione dell'esistenza di elementi della natura o storie d'amore o terrore basate su divinità, creature e spiriti tipici di la sua mitologia

1. Il cutter di bambù e la principessa della luna

Una delle figure mitologiche più famose del Giappone è la Kaguya-hime, sulla quale ci sono numerose leggende. Tra questi possiamo vedere come alcune delle sue leggende si riferiscono ad alcuni dei più importanti elementi geografici dell'isola, come il Monte Fuji. Uno di questi è il seguente, che incorpora anche i riferimenti alla ragione della nebbia che copre questa montagna (in realtà un vulcano che mostra ancora una certa attività).


Secondo la leggenda c'era una volta un'umile vecchia coppia che non era mai stata in grado di avere figli nonostante la volesse profondamente. Per vivere, la coppia dipendeva dalla collezione di bambù e il suo uso per fare articoli diversi . Una notte, il vecchio andò nella foresta per tagliare e raccogliere bambù, ma improvvisamente notò che uno dei campioni che aveva tagliato brillava alla luce della luna. Dopo aver esaminato la radice, trovò al suo interno una bambina di pochi centimetri.

Poiché sua moglie e lui non erano mai stati in grado di avere figli, l'uomo la portò a casa sua, dove la coppia gli avrebbe dato il nome di Kaguya e avrebbe deciso di allevarla come sua figlia. Inoltre, il ramo da cui era partita la ragazza iniziò a generare oro e pietre preziose, rendendo la famiglia ricca.

La ragazza è cresciuta con il passare del tempo, diventando una bella donna. La sua bellezza sarebbe stata tale che avrebbe cominciato ad avere numerosi pretendenti, ma lei si rifiutò di sposarne qualcuno. Le notizie sulla sua bellezza raggiunsero le orecchie dell'imperatore , chi incuriosito gli chiese di venire alla sua presenza, a cui Kaguya-hime rifiutò. Prima del rifiuto l'imperatore sarebbe venuto di persona a visitarla, innamorandosi rapidamente di lei e facendo finta di portarla con sé nel suo castello, a cui anche la giovane avrebbe rifiutato. Da quel momento in poi l'imperatore avrebbe continuato a mantenere la comunicazione con Kaguya-hime attraverso numerose lettere.


Un giorno, la giovane donna parlò con il padre adottivo della ragione delle sue smentite, e del motivo per cui ogni notte trascorreva ore a guardare il cielo: veniva dalla Luna, la sua casa, di cui era una principessa e alla quale Ero destinato a tornare in breve tempo. In difficoltà, i genitori hanno detto all'imperatore, che ha mandato delle guardie per cercare di impedire che la donna tornasse sulla luna.

Nonostante le misure di sicurezza, una notte di luna piena una nuvola discese dalla Luna con l'intenzione di prenderla. Prima di lasciare di nuovo a casa, tuttavia, Kaguya-hime salutò i suoi genitori e lasciò una lettera d'amore per l'imperatore , insieme a una bottiglia in cui ha lasciato al secondo l'elisir della vita eterna. La lettera e la bottiglia furono date all'imperatore, che decise di portarli sulla montagna più alta e creare un falò. Lì, una volta che la Luna venne fuori, l'imperatore gettò la lettera e l'elisir nel fuoco, generando un fumo che sarebbe salito nel luogo in cui era andato via il suo amato. Quella montagna è il monte Fuji-yama, e ancora oggi possiamo vedere nella sua cima il fumo del falò dell'imperatore.

  • Forse ti interessa: "10 leggende irlandesi piene di mitologia e folklore"

2. Il filo rosso del destino

Una delle più famose leggende d'amore del popolo giapponese è quella che ci parla del filo rosso del destino, che parte dal nostro mignolo (che è irrigato dalla stessa arteria del dito medio, qualcosa che ha finito per associare il primo a la trasmissione di sentimenti) da legare a quella di un'altra persona a cui siamo destinati a conoscere, mantenendo un profondo legame con loro. Queste sono leggende che di solito parlano di amori che sono predisposti ad accadere . Sebbene ci sia più di una leggenda basata su questo concetto, il più famoso è quello che segue.

La leggenda narra che molti anni fa, un imperatore ricevette la notizia che esisteva nel suo regno una potente maga capace di vedere il filo rosso del destino. L'imperatore le ordinò di essere portato davanti alla sua presenza, chiedendogli di aiutarlo a trovare colui che avrebbe dovuto essere sua moglie.

La strega accettò e cominciò a seguire quel filo, portandoli entrambi al mercato. Lì, la maga si fermava di fronte a un plebeo , un povero contadino che vendeva prodotti sul mercato con il suo bambino in braccio. Quindi, la maga disse all'imperatore che lì finiva il suo filo. Tuttavia, e vedendo che stava affrontando un contadino di grande povertà, l'imperatore pensò che la maga stava prendendo in giro e spingendo il contadino, facendo cadere il suo bambino e una grande ferita sulla sua testa. Dopo aver ordinato l'esecuzione della strega, l'imperatore tornò al palazzo.

Molti anni dopo, guidato dai suoi consiglieri, l'imperatore decise di sposare la figlia di uno dei più importanti generali del paese, anche se non la vedeva fino al giorno del matrimonio. Quel giorno, vedendo la sua faccia per la prima volta, scoprì che la sua futura moglie aveva una cicatrice in testa, il risultato di una caduta da bambina. Evidentemente: proprio come la predica aveva previsto, la donna che avrebbe condiviso la sua vita era la piccola del contadino.

3. Sakura e Yohiro

Un'altra delle leggende più famose ci spiega da una storia d'amore l'origine e la fioritura di Uno degli alberi più belli ed emblematici del Giappone: il ciliegio . La storia è la seguente.

La leggenda dice che molto tempo fa, in un periodo di grandi conflitti bellici, esisteva una foresta piena di bellissimi alberi. Tutti avevano un bicchiere abbondante e florido, e tale era la loro bellezza e consolazione che non offrivano combattimenti per svolgersi nella foresta. Tutti tranne uno: c'era un giovane esemplare che non fiorì mai, e nessuno si avvicinò per il suo aspetto asciutto e l'aspetto decrepito.

Un giorno una fata, vedendo la situazione dell'albero, fu commossa e decise di aiutarlo: propose all'albero di lanciare un incantesimo grazie al quale poteva sentirsi lo stesso di un cuore umano per vent'anni, sperando che l'esperienza dell'emozione lo facesse prosperare . Anche durante questo periodo potrebbe diventare un essere umano a volontà. Tuttavia, se dopo quegli anni non potesse riprendersi e prosperare, sarebbe morto.

Dopo aver accettato l'incantesimo e aver ricevuto l'abilità di sentire e trasformare, l'albero ha iniziato ad entrare nel mondo degli uomini. Ciò che trovò fu la guerra e la morte, qualcosa che lo costrinse a evitarli per lunghi periodi. Gli anni passarono e l'albero stava perdendo la speranza. Tuttavia, un giorno in cui divenne umano, l'albero fu trovato in un ruscello a una bellissima giovane donna, che lo trattò con grande gentilezza. Riguardava Sakura, con chi Dopo averla aiutata a portare l'acqua a casa, ha trascorso una lunga conversazione sullo stato di guerra e sul mondo.

Quando la ragazza ha chiesto il suo nome, l'albero è riuscito a farfugliare Yohiro (speranza). Sono stati visti ogni giorno, è emersa una profonda amicizia. Questa amicizia finirà a poco a poco diventando più profonda, fino a diventare amore. Yohiro decise di dire a Sakura cosa provava per lei, insieme al fatto che si trattava di un albero in procinto di morire. La ragazza tacque.

Quando non passò molto tempo prima che i venti anni dell'incantesimo fossero finiti, Yohiro divenne di nuovo un albero. Ma anche se non me l'aspettavo, Sakura arrivò e lo abbracciò, dicendogli che anche lei lo amava . In essa apparve di nuovo la fata, offrendo al giovane Sakura due opzioni: rimanere umani o fondersi con l'albero. Sakura ha scelto di fondersi per sempre con Yohiro, qualcosa che ha dato origine ai fiori dell'albero: il ciliegio. Da quel momento il tuo amore può essere visto durante la fioritura del ciliegio.

4. La leggenda di Yuki Onna

Yuki-Onna è uno yokai o spirito, di forma femminile, che appare durante le notti di neve per nutrirsi dell'energia vitale di coloro che si perdono nel loro territorio e trasformarli in statue congelate . Questo essere è parte di numerose leggende, che rappresentano la morte per congelamento. Tra questi, uno dei più eccezionali è quello che segue.

La leggenda narra che un giorno due giovani boscaioli e carpentieri, Mosaku e Minokichi, stavano tornando a casa dalla foresta quando furono immersi in una tempesta di neve. Entrambi, rispettivamente insegnante e studente, si sono rifugiati in una capanna e subito dopo si addormentarono.

Tuttavia, in quel momento un'esplosione aprì violentemente la porta, entrando con lei una donna vestita di bianco che, avvicinandosi al maestro Mosaku, assorbì la sua energia vitale e lo congelò, cosa che lo uccise sul colpo. Il giovane Minokichi era paralizzato, ma vedendo la sua giovinezza, Yuki-Onna ha deciso di perdonarlo in cambio di non rivelare mai quello che è successo , nel qual caso lo ucciderebbe. Il giovane fu d'accordo.

Un anno dopo, Minokichi si incontrò e in seguito sposò una giovane donna di nome O-Yuki, con la quale ebbe figli e una relazione felice. Un giorno, il giovane decise di dire a sua moglie ciò che aveva vissuto. In quel momento O-Yuki si trasformò, scoprendo se stessa come Yuki-Onna e pronta a uccidere Minokichi dopo aver ruotato questo patto. tuttavia all'ultimo momento ha deciso di perdonarlo quando lo considerava un buon padre e dopo aver lasciato i suoi figli nelle cure di Minokichi, lasciò la casa per non tornare mai più.

5. Shita-kiri Suzume: il passero della lingua tagliata

Alcune antiche leggende giapponesi hanno la forma di una favola che ci mostra il prezzo dell'avidità e la virtù della gentilezza e della moderazione. Uno di questi è la leggenda del passero della lingua tagliata.

Questa storia ci dice come un vecchio nobile e benevolo andò nella foresta per tagliare la legna, per trovare un passero ferito. Il vecchio ha avuto pietà dell'uccello, portando l'animale a casa sua per occuparsene e alimentarlo La moglie del vecchio, una donna avida e avida, non lo sosteneva, ma questo non lo fermò. Un giorno, quando il vecchio tornò nella foresta, la donna lasciò da sola l'uccello ferito, che trovò la farina di mais che finì per essere mangiata. Quando tornò, vedendo che aveva finito, si arrabbiò e tagliò la lingua del passero prima di espellerlo dalla casa.

Più tardi, quando il vecchio taglialegna tornò e scoprì cosa era successo, andò a cercarlo. Nella foresta e con l'aiuto di alcuni passeri, il vecchio trovò la locanda dei passeri , dove era il benvenuto e poteva salutare quello che aveva salvato. Quando si salutava, i passeri gli davano la scelta come dono di gratitudine tra due canestri, uno grande e uno piccolo.

Il vecchio scelse il piccolo, per scoprire una volta a casa che nascondeva un tesoro di grande valore. Sua moglie, dopo aver saputo la storia e che c'era un altro cestino, andò alla locanda e chiese l'altro cestino per lei. Glielo hanno dato con l'avvertimento di non averlo aperto finché non fosse tornato a casa . Nonostante ciò il vecchio li ignorò, aprendo il cesto della montagna. Ciò ha causato che ciò che vedeva nel suo interno erano diversi mostri, qualcosa che la spaventava in modo tale da inciampare e cadere giù dalla montagna.

6. Amemasu e tsunami

Il Giappone si trova in un territorio che, a causa della sua situazione geologica e fin dall'antichità, è spesso punito da numerose catastrofi naturali come terremoti o tsunami. In questo senso possiamo anche trovare miti e leggende che cercano di spiegare perché questi fenomeni. Un esempio si trova nella leggenda di Amemasu, che cerca di spiegare il motivo per cui gli tsunami.

La leggenda ce l'ha nei tempi antichi c'era un gigantesco yokai (un termine che si riferisce a una serie di spiriti soprannaturali di grande potenza che costituiscono gran parte della mitologia giapponese) nella forma di una balena chiamata Amemasu, che abitava il Lago Mashu in modo tale che il suo enorme corpo bloccasse il passaggio delle acque del Oceano Pacifico.

Un giorno, un piccolo cervo si avvicinò al lago per placare la sua sete. In quel momento il gigantesco yokai saltò a mangiare il cervo, inghiottendolo in flagrante. Il piccolo cervo, dentro Amemasu, pianse. Ha pianto in modo tale che le sue lacrime, di una purezza eccezionale, Hanno perforato lo stomaco della bestia con una tale forza che è stato aperto un buco nelle viscere di Amemasu , uccidendolo mentre lascia andare il cervo.

La morte dello yokai fu vista da un uccello che passò attraverso l'area, che correva verso i diversi villaggi per avvertire del pericolo che la morte dell'essere fosse supposta, essendo il suo corpo che rallentava le acque dell'oceano. Tuttavia, Con l'eccezione degli Ainu, che fuggirono in alti territori, la maggior parte degli abitanti dell'isola erano curiosi e andarono al lago per vedere cosa accadde.

Una volta lì e vedendo l'enorme corpo dello yokai ha deciso di mangiarlo senza alcun rispetto. Ma questo ha avuto gravi conseguenze: dopo essere stato divorato il corpo di Amemasu era scomparso ciò che bloccava le acque del Pacifico, che allo stesso tempo le acque contenute inondarono la zona e uccisero tutti i presenti .

Ciò causerebbe il primo tsunami, che lascerebbe in vita solo gli Ainu, i quali hanno ascoltato gli avvertimenti dell'uccello. Si dice che dopo, il resto degli tsunami che devastano il Giappone sono causati dall'ira dello spirito prima dei crimini diretti agli animali marini.

7. Teke-teke

Una leggenda urbana del terrore basata sui tempi moderni, la storia di Teke-teke ci dice come una giovane donna timida che si è trasformata in uno spirito che continua a vagare per le stazioni ferroviarie del paese .

La leggenda racconta come una ragazza timida e fragile sia stata vittima del bullismo scolastico. La giovane donna ha ricevuto continue umiliazioni e vessazioni, senza poter difendersi. Un giorno, la giovane donna fu assorta nei suoi pensieri e in attesa di un treno per tornare a casa quando alcuni dei suoi torturatori la individuarono.

Hanno preso una cicala dalla strada, gettandola sulla schiena. Quando l'animale cominciò a cantare sulla schiena, la ragazza si spaventò e cadde sui binari , in modo tale che solo un treno passò sopra: la ragazza morì, essendo divisa in due dal treno.

Da allora in poi si dice che durante le notti è possibile vedere la parte superiore del suo corpo strisciando con le unghie, cercando l'altra metà in modo disperato e arrabbiato. Se trova qualcuno, chiede dove sono le sue gambe, e qualche volta li attacca con i suoi artigli (arrivando a spingere altre persone sulle tracce e persino ucciderle e trasformarle in creature come lei).

8. Yamaya no Orochi

Le leggende giapponesi includono spesso la presenza di varie divinità shintoiste, nonché grandi opere e l'ottenimento di tesori. Un esempio di questi è la leggenda del drago Yamaya no Orochi .

La leggenda ci dice come all'inizio del tempo l'umanità viveva nella stessa terra con divinità e animali, essendo in equilibrio e aiutandosi a vicenda. Tuttavia, Arrivò il momento in cui il dio Izanagi entrò in conflitto con sua moglie Izanami , qualcosa che ha distrutto l'equilibrio per sempre.

Nel contesto della guerra tra entrambi gli dei, il male è emerso in molte divinità e gli oni ei draghi sono venuti nel mondo (quest'ultimo nato dalla vegetazione che aveva assorbito il sangue degli dei). Tra questi ultimi esseri sorse uno dei draghi più potenti, Yamata no Orochi, che aveva otto teste e croce . La creatura ha chiesto ai coloni umani di Izumo il sacrificio di otto ragazze ogni notte di luna piena, una volta al mese.

I cittadini stavano compiendo il sacrificio, rimanendo a poco a poco senza fanciulle. Il capo di Izumo aveva una figlia, Kushinada, che all'età di sedici anni vide come venivano sacrificate le ultime fanciulle. Lei sarebbe il prossimo. Ma un giorno il dio Susanowo venne a Izumo e si innamorò di Kushinada. Il dio promise di distruggere Yamata no Orochi se in cambio gli fosse stata concessa la mano della giovane donna, qualcosa a cui il re accettò rapidamente.

Quando venne la notte in cui Kushinada stava per essere sacrificata, Susanowo si travestì da serva e intratteneva il drago con otto barili di liquore prima che iniziasse il banchetto in cui la giovane donna doveva morire. Il drago bevve, ogni testa di un barile, finché si ubriacò e si addormentò. Dopo di ciò, il dio Susanowo procedette a tagliare le teste e le code all'essere, così come le loro interiora. Tra i resti ha estratto la spada Kusanagi no Tsurugi, lo specchio di Yata no Kagami e il medaglione Yasakani no Magatama, i tre tesori imperiali del Giappone.

9. Il pescatore e la tartaruga

Molte leggende giapponesi si basano sulla promozione del bene e della virtù, nonché sulla necessità di ascoltare gli avvertimenti. Questo è quello che succede con la leggenda del pescatore e della tartaruga, che è anche uno dei riferimenti più antichi per viaggiare nel tempo .

La leggenda ci dice che un tempo c'era un pescatore di nome Urashima, che un giorno osservò come sulla spiaggia alcuni bambini torturassero una tartaruga gigante. Dopo averli affrontati e averli pagati alcune monete, ha aiutato l'animale a tornare al mare. Il giorno seguente, pescando nel mare, il giovane sentì una voce che lo chiamava . Quando si voltò vide di nuovo la tartaruga, che gli disse che era un servitore della regina dei mari e che voleva incontrarlo (in altre versioni, la tartaruga stessa era la figlia del dio del mare).

La creatura lo portò al Palazzo del Drago, dove il pescatore fu ben accolto e divertito. Rimase lì per tre giorni, ma dopo voleva tornare a casa perché i suoi genitori erano vecchi e voleva visitarli. Prima di andarsene, la divinità del mare gli concesse una scatola, che avvertì che non avrebbe mai dovuto aprire.

Urashima tornò in superficie e si diresse verso la sua casa, ma mentre stava arrivando vedeva che la gente era strana e gli edifici erano diversi. Quando arrivò al suo caso, la trovò completamente abbandonata, e dopo aver cercato la sua famiglia non riuscì a trovarla. Chiedendo ai vicini, alcuni anziani le dissero che in quella casa viveva una vecchia con suo figlio, ma affogò. Ma la donna era morta da tempo, prima di nascere, e nel tempo la città si era sviluppata. Sebbene per Urashima fossero passati solo pochi giorni, nel mondo erano passati diversi secoli .

Desideroso del suo tempo al Dragon Palace, il giovane guardò la piccola scatola con cui la divinità del mare gli aveva dato e decise di aprirla. Dall'interno emerse una piccola nuvola, che cominciò a decollare verso l'orizzonte. Urashima la seguì sulla spiaggia, ma ogni volta era più difficile andare avanti e cominciò a notare sempre più debolezza. la sua pelle era rugosa e screpolata, come quella di una persona anziana.Quando raggiunse la spiaggia, finalmente capì che ciò che la scatola conservava non era altro che gli anni che gli erano passati, che dopo averlo aperto tornarono al suo corpo. Morì poco dopo.

10. La leggenda di Tsukimi

Alcune leggende giapponesi ci dicono l'origine di alcune celebrazioni e tradizioni, come la leggenda di Tsukimi, che spiega la tradizione di osservare la luna il primo giorno d'autunno .

La leggenda dice che una volta un vecchio pellegrino trovò un giorno con diversi animali, come la scimmia, la volpe o il coniglio. Esausto e affamato, ha chiesto aiuto per procurarsi del cibo. Mentre la volpe cacciava un uccello e la scimmia raccoglieva frutti dagli alberi, il coniglio non otteneva nulla che l'essere umano potesse mangiare.

Vedendo il vecchio così esausto e debole, l'animale decise di accendere un fuoco e gettarsi contro di lui, offrendo la propria carne come cibo . Prima del gesto nobile, il vecchio rivelava la sua vera identità: era una potente divinità, l'incarnazione della stessa Luna, che decise di ricompensare il gesto del coniglio portandolo sulla luna con lui.


Top 10 LEGGENDE METROPOLITANE GIAPPONESI più SPAVENTOSE! (Settembre 2019).


Articoli Correlati