yes, therapy helps!
Positivismo ed empirismo logico nell'Ottocento

Positivismo ed empirismo logico nell'Ottocento

Agosto 12, 2020

Il termine positivismo derivato da Agosto Comte . Per il suo lavoro critico, tuttavia, può essere considerato Hume come il primo grande positivista. Mostrò l'impossibilità del ragionamento deduttivo di produrre asserzioni di fatto, poiché la deduzione ha luogo e influenza un secondo livello, quello dei concetti.

Positivismo ed empirismo logico

Lo sviluppo del termine positivismo Tuttavia, è stato incessante. Le affermazioni di base del positivismo sono:

1) Che tutta la conoscenza dei fatti sia basata su dati "positivi" dell'esperienza . -la realtà esiste, la credenza opposta è chiamata solipsismo-.


2) Che al di là del regno dei fatti ci sono logica e pura matematica , riconosciuto dall'empirismo scozzese e soprattutto da Hume come appartenente al "rapporto delle idee".

In una fase successiva del positivismo le scienze così definite acquisiscono un carattere puramente formale.

Mach (1838-1916)

Afferma che tutta la conoscenza fattuale consiste nel organizzazione concettuale e elaborazione dei dati dell'esperienza immediata. Le teorie e le concezioni teoriche sono solo strumenti predittivi.

Inoltre, le teorie possono cambiare, mentre i fatti osservativi mantengono regolarità empiriche e costituiscono un terreno fermo (immutabile) per il ragionamento scientifico da fondare. I filosofi positivisti hanno radicalizzato l'anti-intellettualismo empirista, mantenendo una visione utilitaristica e radicale delle teorie.


Avenarius (1843-1896)

Ha sviluppato una teoria della conoscenza orientata biologicamente che ha influenzato gran parte del pragmatismo americano. Proprio come l'adattamento ha bisogno di sviluppare organi negli organismi - Lamarckismo -, così la conoscenza sviluppa teorie per la previsione delle condizioni future.

Il concetto di causa è spiegato secondo la regolarità osservata nella sequenza di eventi o come dipendenza funzionale tra le variabili osservabili. Le relazioni causali non sono necessarie logicamente, sono solo contingenti e determinate dall'osservazione e soprattutto dalla sperimentazione e dalla generalizzazione induttiva.

Molti scienziati del XX secolo, seguendo il percorso aperto da Mach, a cui è stata aggiunta l'influenza di alcuni "filosofi della matematica" come Whithead, Russell, Wittgenstein, Frege, ecc., Si sono riuniti più o meno all'unanimità attorno al problema positivista della legittimità delle teorie scientifiche.


Russell dice: "O sappiamo qualcosa indipendentemente dall'esperienza, altrimenti la scienza è una chimera".

Alcuni filosofi della scienza, noto come il gruppo di Cerchia di Vienna, ha stabilito i principi dell'empirismo logico:

1. Prima di tutto, loro lo credevano la struttura logica di alcune scienze potrebbe essere specificata senza tenere conto del loro contenuto .

2. Secondo stabilito il principio di verificabilità secondo cui il significato di una proposizione deve essere stabilito attraverso l'esperienza e l'osservazione. In questo modo l'etica, la metafisica, la religione e l'estetica erano al di là della considerazione scientifica.

3. In terzo luogo, hanno proposto una dottrina della scienza unificata , considerando che non c'erano differenze fondamentali tra la fisica e le scienze biologiche, o tra scienze naturali e scienze sociali. Il Circolo di Vienna raggiunse la sua massima attività durante il periodo che precedette la seconda guerra.

convenzionalisti

Un altro gruppo di induttivisti, di diverso orientamento, compresi quelli di influenza marxista , che è noto come scuola di francoforte - sono i convenzionalisti , che sostengono che le principali scoperte della scienza sono, fondamentalmente, invenzioni di nuovi e più semplici sistemi di classificazione.

Le caratteristiche fondamentali del convenzionalismo classico - Poincaré - sono, quindi, decisioni e semplicità. Sono anche, ovviamente, anti-realistici. In termini di Karl Popper (1959, pagina 79):

"La fonte della filosofia convenzionale sembra essere stupore per l'austera e bella semplicità del mondo rivelata dalle leggi della fisica. I convenzionali (...) considerano questa semplicità come la nostra stessa creazione ... (La natura non è semplice), solo le "leggi della Natura" sono; e questi, sostengono i convenzionali, sono le nostre creazioni e invenzioni, le nostre decisioni e convenzioni arbitrarie ".

Wittgenstein e Popper

Questa forma di empirismo logico fu presto contrastata da altre forme di pensiero: Wittgenstein , anche un positivista, affronta, tuttavia, le posizioni verificazioniste del Circolo di Vienna.

Wittgenstein sostiene che la verifica è inutile. Quale lingua può comunicare ciò che "mostra" è un'immagine del mondo. Per il positivismo logico di Wittgenstein, le formule logiche non dicono nulla sui significati delle proposizioni, ma mostrano semplicemente la connessione tra i significati delle proposizioni.

La risposta fondamentale verrà dalla teoria falsificazionista di bottone automatico , che supporta l'impossibilità di una probabilità induttiva con il seguente argomento:

"In un universo che contiene un numero infinito di cose distinguibili o regioni spaziotemporali, la probabilità di qualsiasi legge universale (non tautologica) sarà uguale a zero." Ciò significa che l'aumento del contenuto di un'affermazione diminuisce la sua probabilità e viceversa. (+ contenuto = - probabilità).

Per risolvere questo dilemma, propone di provare a falsificare la teoria, cercando la dimostrazione della confutazione o contro-esempio. Inoltre, propone una metodologia puramente deduttivista, in realtà negativa, ipotetica-deduttiva o falsificazionista.

Come reazione a questo approccio sorgono numerosi teorici che criticano il positivismo logico - Kuhn, Toulmin, Lakatos e persino Feyerabend - sebbene differiscano sulla natura della razionalità esibita dal cambiamento scientifico. Difendono nozioni come la rivoluzione scientifica, in opposizione al progresso - Kuhn - o l'intervento di processi irrazionali nella scienza - l'approccio anarchico di Feyerabend -.

Gli eredi di Popper sono ora raggruppati sotto il Razionalismo critico , in un ultimo sforzo per salvare la scienza, la teoria e la nozione di "progresso scientifico", che non fanno senza difficoltà, proponendo come alternative, tra l'altro, l'istituzione di programmi di ricerca rivali, definiti dalla loro euristica, e che competono l'uno con l'altro.

Le difficoltà dei modelli logici applicati alla metodologia della scienza, quindi, potrebbero essere riassunte come segue:

L'induzione della teoria, da particolari dati, era già chiaramente non giustificata. Una teoria deduttivista non otterrà nulla perché non ci sono certi principi generali da cui si può ricavare la deduzione. Una visione falsificazionista è inadeguata perché non riflette la pratica scientifica - gli scienziati non operano in questo modo, abbandonando le teorie, quando presentano anomalie.

Il risultato sembra essere un scetticismo generalizzato in termini di possibilità di distinguere tra teorie valide e teorie ad hoc, quindi di solito si chiude facendo appello alla storia, cioè al passare del tempo come unico metodo sicuro, o almeno con certe garanzie, per giudicare l'adeguatezza dei modelli - un'altra forma di convenzionalismo.


IL DECLINO DELL'UOMO - Ettore Gotti Tedeschi e Enzo Pennetta (Agosto 2020).


Articoli Correlati