yes, therapy helps!
Il disturbo dell'inibizione comportamentale di Russell A. Barkley, alternativa all'ADHD

Il disturbo dell'inibizione comportamentale di Russell A. Barkley, alternativa all'ADHD

Luglio 12, 2020

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività è una condizione implicata nelle discussioni e nelle controversie, in cui la stessa comunità scientifica differisce sia nei sintomi che nel trattamento, e persino in alcuni settori viene a mettere in discussione l'esistenza di questo.

Lo psicologo Russell A. Barkley, creato un modello di spiegazione alternativa chiamato disturbo di inibizione comportamentale , che mette sotto controllo il ruolo dell'attenzione nell'ADHD e che sarà discusso in questo articolo.

  • Potresti essere interessato: "Deficit di attenzione o attenzione selettiva nell'ADHD"

Qual è il disordine dell'inibizione comportamentale?

Il disturbo di inibizione comportamentale è un modello esplicativo creato dallo psicologo americano Russell A. Barkley, la sua intenzione era quella di costituire un'alternativa all'etichetta del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).


Questo modello esplicativo alternativo di ADHD ruota attorno alla funzione esecutiva nota come inibizione della risposta . Secondo Barkley, il principale vantaggio del disturbo di inibizione comportamentale è che si adatta meglio ai sintomi associati alle sottocategorie di ADHD: iperattivo e combinato.

Per comprendere meglio questo modello, il termine funzione esecutiva è descritto di seguito.

  • Articolo correlato: "Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), anche negli adulti"

Funzioni esecutive

Le funzioni esecutive corrispondono ai termini usati in neuropsicologia. Questa espressione si riferisce a tutte le abilità cognitive a cui una persona ricorre quando i loro sforzi sono diretti verso il raggiungimento di un risultato o di un obiettivo.


Queste funzioni esecutive sono essenziali per gestire i processi cognitivi, emotivi e comportamentali che consentono alla persona di rispondere a qualsiasi situazione. Allo stesso modo, questi sono fondamentali per la realizzazione della maggior parte dei compiti e delle funzioni che una persona deve svolgere durante il giorno; specialmente quelle azioni che implicano la generazione di piani, processi decisionali, problem solving, autocontrollo e regolazione emotiva.

I processi a cui si fa riferimento con il termine "funzione esecutiva" possono essere suddivisi in due gruppi: funzioni di base e funzioni derivate da essi. Queste funzioni sono:

  • Funzioni di base: inibizione della risposta, flessibilità cognitiva e memoria di lavoro.
  • Funzioni derivate: pianificazione e organizzazione.

Il ruolo dell'inibizione comportamentale

Di tutte le funzioni esecutive che l'essere umano serve, Barkley si concentra sull'inibizione del comportamento , dandogli un ruolo cruciale quando si tratta di creare il proprio modello esplicativo di ADHD.


Per inibizione del comportamento si intende la sospensione di una risposta o una serie di comportamenti che la persona ha interiorizzato o imparato prima e che di solito sono automatici. Lo scopo di questa inibizione o contenimento è di risolvere qualsiasi tipo di problema o compito.

L'operazione di inibizione della risposta consiste, nella comparsa di secondo quale stimolo, di sospendere certo comportamento o azione e sostituirlo con un'altra successione di atti o risposte . Un'altra opzione è quella di ritardare questa sequenza di azioni nel tempo fino a quando la persona percepisce che è il momento giusto per eseguirle.

Il modello esplicativo di Barkley

Nel suo lavoro "ADHD e la natura dell'autocontrollo", pubblicato nel 1997, Barkley si dedica a strutturare tutte le informazioni sull'ADHD raccolte durante più di 25 anni di studio e costituisce le basi esplicative del disturbo da inibizione del comportamento .

Barkley parte dal presupposto che i sintomi associati all'ADHD possono essere suddivisi in tre gruppi o sessi. Queste categorie sono: iperattività, impulsività e deficit di attenzione. Tuttavia, Barkley considera solo iperattività e impulsività. Barkley sostiene che considerare l'attenzione come un sintomo principale di questo disturbo può portare ad errori quando si tratta di trattarlo.

Inoltre, all'interno delle funzioni esecutive di cui sopra, Barkley evidenzia il lavoro di inibire la risposta . Inoltre, indaga su come questo possa esercitare una serie di effetti dannosi sulle altre funzioni, che sono subordinate ad esso per essere in grado di funzionare correttamente,

Quanto segue mostra la relazione che l'inibizione del comportamento ha con il resto delle funzioni esecutive e i sintomi che provoca come risultato di questa interferenza:

1. Alterazioni nella memoria di lavoro non verbale

L'inibizione del comportamento causa problemi nella rappresentazione e nella trasformazione delle informazioni, oltre che carenze nella capacità di anticipare azioni future e difficoltà nella gestione del tempo.

2. Problemi nella memoria di lavoro verbale

In questo caso, sia la memoria di lavoro verbale che l'interiorizzazione della parola sono seriamente compromesse. I principali sintomi associati comprendono l'ostruzione della capacità di riflessione, i problemi di conformità alle norme e l'integrazione di modelli di comportamento regolarizzati, diminuita capacità di risolvere problemi , deficienze nella comprensione della lettura e deficit nel ragionamento morale.

3. Deficit nell'autoregolamentazione emotiva e motivazionale

Problemi nella capacità di esprimere sentimenti ed emozioni, che diventano esageratamente sproporzionati; le carenze nel percepire il punto di vista dell'altro e le alterazioni nella regolazione della motivazione sono sintomi tipici che causano l'inibizione comportamentale nelle persone con ADHD.

4. Mancanza di ricostituzione

Infine, la persona può anche trovare ostacoli nello svolgimento di procedure di analisi e sintesi del comportamento; così come deficit nella capacità di imitare, copiare o riprodurre i comportamenti e una più piccola varietà di strategie di azione al momento di risolvere problemi o raggiungere un obiettivo.

La funzione dell'attenzione

Come accennato in precedenza, Barkley elimina l'effetto dell'attenzione come fattore o agente principale del modello di Disturbo dell'inibizione comportamentale.

comunque riconosce l'esistenza di due tipi di cure . Tale attenzione è controllata esternamente da rinforzi immediati e dall'attenzione che origina e controlla la persona dall'interno, che ha bisogno dell'inibizione dei comportamenti che sono in corso ed è più efficace per il raggiungimento di obiettivi a lungo termine.

In questo modo, Barkley accetta che l'attenzione sia inclusa anche nel suo modello, ma che sia subordinata ad altri fattori e che tutte le persone con diagnosi di ADHD presentino difficoltà nell'attenzione originata dall'interno.


Bulimia nervosa - causes, symptoms, diagnosis, treatment & pathology (Luglio 2020).


Articoli Correlati