yes, therapy helps!
Benzodiazepine (psychodrugs): usi, effetti e rischi

Benzodiazepine (psychodrugs): usi, effetti e rischi

Gennaio 19, 2020

La storia della psicofarmacologia è piena di curiosità e scoperte di vario genere.

Poiché alcune di queste scoperte sono il frutto di una ricerca ardua e altre derivate dall'osservazione degli effetti nel trattamento di altri disturbi (come la tubercolosi o l'asma), la ricerca ha permesso la creazione e il consumo di sostanze che ci aiutano in modo tempestivo. efficace per trattare molteplici problemi psicologici. Questo è il caso delle benzodiazepine, uno dei più conosciuti tipi di farmaci psicotropi nel trattamento dell'ansia .

Benzodiazepine: cosa sono?

Le benzodiazepine sono un gruppo di psicofarmaci con effetto principalmente ansiolitico la cui scoperta fu una grande rivoluzione nel trattamento dell'ansia. Nati in un'epoca in cui i barbiturici erano indiscutibilmente il trattamento di scelta per i problemi di tipo ansiogeno nonostante l'alto rischio di sovradosaggio e dipendenza, il loro alto livello di successo nel ridurre i sintomi con rischi e effetti collaterali molto più bassi li rendeva rapidamente nel tipo più consumato di droga psicoattiva.


Queste sono sostanze rilassanti con un gran numero di applicazioni cliniche, nonostante ciò come tutte le droghe psicoattive presenta una serie di rischi ed effetti collaterali prendere in considerazione quando si applica. Al momento del consumo, di solito vengono somministrati per via orale, anche se nei casi in cui è necessaria un'azione rapida, può essere consigliabile la somministrazione endovenosa (che è molto più veloce).

Il meccanismo d'azione delle benzodiazepine si basa sulla loro performance come agonista indiretto del GABA o acido gamma-aminobutirrico, un neurotrasmettitore che consente una corretta gestione e non sovraccarica il cervello riducendo e impedendo la trasmissione degli impulsi nervosi. Nello specifico, le benzodiazepine inducono GABA ad esercitare una maggiore influenza sul sistema, il quale, essendo un neurotrasmettitore inibitorio, produce un effetto depressivo sul sistema nervoso. Considerando che nel sistema limbico ci sono un gran numero di recettori gabaergici, l'impatto delle benzodiazepine quando si trattano i processi e gli stati d'animo ansiosi è molto alto. In questo modo il livello di attivazione dell'organismo diminuisce, producendo un sollievo dei sintomi ansiosi insieme ad altri effetti come il rilassamento muscolare e la sedazione.


Tipi in base alla loro vita media

Esistono diversi tipi di sostanze che fanno parte del gruppo delle benzodiazepine . Sebbene possano essere raggruppati in modi diversi, una delle classificazioni più comuni è quella che tiene conto della vita media del farmaco nell'organismo, cioè il tempo che rimane attivo all'interno dell'organismo.

In questo modo possiamo trovare tre grandi gruppi di benzodiazepine, le cui caratteristiche li renderanno più adatti per alcune o altre situazioni.

1. Vita / breve durata delle benzodiazepine

Si tratta di sostanze che rimangono per un breve periodo (meno di dodici ore) nel corpo, non essendo adeguate per trattare disturbi d'ansia prolungati nel tempo. Tuttavia, sono le benzodiazepine che agiscono più rapidamente , con quello che suppongono un grande aiuto per combattere la comparsa di sintomi improvvisi ansiosi come la crisi di ansia o di problemi che richiedono solo un momentaneo rilassamento, come le difficoltà di conciliare il sogno.


Il problema principale di questo sottogruppo è che passando gli effetti rapidamente, volendo mantenerli, il consumo della sostanza sarà più comune, il che probabilmente finirà per generare dipendenza. Inoltre, di solito causano un più alto livello di effetti collaterali. Alcuni farmaci in questo gruppo sono triazolam o midazolam.

2. Benzodiazepine della vita / azione lunga

Questo tipo di benzodiazepina ha il grande vantaggio che rimane nel corpo per molto tempo , essere di aiuto nei disturbi d'ansia. D'altra parte, il fatto che rimangano così nel corpo fa sì che gli effetti delle dosi si accumulino, il che potrebbe avere effetti sedativi indesiderati.

Inoltre, impiegano un po 'di tempo per entrare in vigore, il che non è indicato quando è necessaria una risposta immediata. Possono rimanere e agire per più di trenta ore dopo il consumo. All'interno di questo gruppo è il più noto ansiolitico, diazepam, insieme ad altri come clonazepam.

3. Benzodiazepine della vita / azione intermedia

In un punto intermedio tra i due tipi precedenti le benzodiazepine a vita intermedia presentano un'azione precoce (sebbene non così immediata come un'azione a breve durata d'azione) per un periodo di tempo relativamente lungo. Durano tra le dodici e le ventiquattro ore. Alprazolam o lorazepam sono alcuni dei farmaci in questo gruppo.

Alcuni farmaci polivalenti: indicazioni

Come indicato sopra, le benzodiazepine hanno un gran numero di utilità. Alcuni dei principali problemi in cui vengono utilizzati questi farmaci sono i seguenti.

1. Disturbi ed episodi di ansia

L'applicazione con la quale le benzodiazepine sono meglio conosciute, essendo stata il trattamento farmacologico di scelta per questo tipo di problema per molti anni (al giorno d'oggi sono stati detronizzati come trattamento di scelta in più disordini). Il tipo di benzodiazepina da utilizzare in ciascun tipo di disturbo dipenderà dalle caratteristiche del disturbo .

Ad esempio, se è necessaria un'azione rapida in risposta all'emergenza di una crisi d'ansia, può essere applicata una benzodiazepina di breve durata. In presenza di fobie con un'alta probabilità di comparsa dello stimolo fobico (come la fobia sociale), possono essere utilizzate benzodiazepine di media o lunga vita come alprazolam. Nei disordini come disturbo d'ansia generalizzato o disturbo di panico, il clonazepam, una versione a lunga durata d'azione, tende ad essere uno dei più efficaci.

2. Insonnia

Una delle proprietà delle benzodiazepine, che a volte si traduce in un indesiderato effetto collaterale, è il suo potenziale sedativo . Ecco perché sono utili quando si tratta di combattere i problemi del sonno.

Di solito le benzodiazepine di breve durata come il triazolam sono utilizzate quando la difficoltà è nella conciliazione del sonno, ma anche alcuni farmaci a vita lunga come il fluracepam se il problema è nei frequenti risvegli o nel mantenimento del sonno.

3. Disturbi dell'umore

Sebbene sia la depressione che il disturbo bipolare abbiano altri farmaci prioritari rispetto alle benzodiazepine, in alcuni casi vengono utilizzati alprazolam o clonazepam poiché consentono di calmare il paziente e ridurre l'angoscia.

4. Convulsioni, spasmi e agitazione motoria

Convulsioni di tipo epilettico compaiono quando uno o più gruppi di neuroni diventano ipersensibili e si eccitano molto facilmente. Come abbiamo indicato in precedenza, il principale meccanismo d'azione delle benzodiazepine è il potenziamento del GABA come inibitore dell'eccitazione neuronale, in modo che potenziando la depressione del sistema nervoso, le benzodiazepine sono utili per controllare le convulsioni.

Altri sintomi di tipo motorio possono anche essere mitigati a causa dell'effetto come miorilassante e sedativo.

5. Sindrome da astinenza da alcol

La brusca interruzione del consumo di alcol nei soggetti che hanno sviluppato tolleranza e dipendenza può produrre sintomi da astinenza, tra i quali i sintomi possono essere ansia, problemi di coordinazione e agitazione. Sia a livello ospedaliero che a livello ambulatoriale, l'uso delle benzodiazepine consente di controllare questi sintomi , sfruttando la sua attività sedativa per ridurne l'intensità.

Rischi ed effetti collaterali associati

L'uso e la somministrazione di benzodiazepine presentano molteplici vantaggi in un'ampia varietà di disturbi. Tuttavia, il suo uso non è esente da rischi, possiede caratteristiche diverse che lo inducono a dover regolare la dose e il tempo di utilizzo.

1. Dipendenza

Uno dei principali problemi di questo tipo di farmaci è il loro potenziale di dipendenza . Sebbene in confronto ai loro predecessori, le benzodiazepine siano molto meno coinvolgenti, sono sostanze il cui consumo prolungato può produrre tolleranza, dipendenza e persino sindromi da astinenza.

In questo aspetto, la maggiore emivita nell'organismo, minore sarà il consumo necessario per mantenere i suoi effetti, così che in generale le benzodiazepine a lunga vita sono le meno coinvolgenti. È necessario dosare correttamente le quantità di benzodiazepina e il tempo che verrà consumato per evitare questo tipo di problema.

2. Abuso e sovradosaggio

Un sovradosaggio di queste sostanze solitamente causa una esacerbazione degli effetti , causando una profonda depressione del sistema nervoso. Di solito non ha ripercussioni fatali a meno che non siano pazienti molto anziani e / o con problemi medici concomitanti.

3. Sindrome da astinenza

Per quanto riguarda i sintomi di astinenza, i sintomi appaiono spesso opposti a quelli prodotti dai farmaci, un effetto rimbalzo che evidenzia la presenza di insonnia, mal di testa, ansia , crampi e persino convulsioni. Per evitare ciò, è necessario guidare il ritiro con estrema cautela.

4. Sedazione, diminuzione della concentrazione e delle prestazioni

La sedazione che producono è un altro problema che può comportare l'uso di benzodiazepine . Anche se in molti casi sono usati proprio allo scopo di rilassare e facilitare gli stati di sonno, in occasioni in cui si vuole ridurre l'ansia questo effetto può essere dannoso perché diminuisce l'abilità motoria, la concentrazione e l'efficacia del soggetto nella realizzazione di compiti.

5. Problemi di memoria

Il consumo di benzodiazepine può causare, soprattutto quando si inizia a essere somministrato, problemi di memoria . Il tipo di problemi che causano è solitamente difficoltà nell'acquisire e consolidare nuove informazioni, nonché nel ricordare le informazioni precedenti.

6. Reazione paradossale

In alcuni casi e specialmente con gli anziani, l'uso di benzodiazepine può causare un effetto totalmente contrario a quanto previsto. In questi casi da un aumento dell'eccitazione del sistema nervoso, causando angoscia e agitazione sia cognitivamente che motoria .

Riferimenti bibliografici:

  • Gómez, M. (2012). Psicobiologia. Manuale di preparazione al CEDE PIR.12. CEDE: Madrid
  • Salazar, M; Peralta, C; Pastor, J. (2011). Manuale di psicofarmacologia. Madrid, Panamericana Medical Publishing House.
  • Stevens, J.C. & Pollack, M.H. (2005). Benzodiazepine nella pratica clinica: considerazione del loro uso a lungo termine e agenti alternativi. J Clin Psychiatry; 66 (Suppl 2): ​​21-7.

The Hard Lives of Britain's Synthetic Marijuana Addicts (Gennaio 2020).


Articoli Correlati