yes, therapy helps!
Educazione ai valori: l'uso responsabile della libertà

Educazione ai valori: l'uso responsabile della libertà

Settembre 20, 2019

La società sta attualmente vivendo una chiara crisi di valori. L'ambiguità morale è l'ordine del giorno e il relativismo postmoderno più forte che mai, forse a causa della globalizzazione, che facilita il contatto e l'empatia con altre culture, forse a causa di un declino dei valori precedentemente stabiliti, condannato a Controlla sistematicamente.

Comunque sia, non è così chiaro ciò che è buono e ciò che è male . Alcuni valori sono sostituiti da altri, a volte contraddittori, e le persone anziane sono riluttanti a cambiare mentre le nuove generazioni stanno smantellando tutto e ricominciando.

Uno dei valori che più devastano questi ultimi anni è la libertà . Libertà di espressione, libertà sessuale, ma soprattutto libertà di scelta, diritto di scelta. Molte volte questo valore viene messo in discussione dall'argomento "più libertà, meno sicurezza" e non è molto fuorviante.


  • Articolo correlato: "Psicologia dell'educazione: definizione, concetti e teorie"

Educazione ai valori e alla libertà

Dal punto di vista educativo, i cittadini sono stati in grado di autoregolarsi, scegliendo liberamente ciascuno dei loro passi e pur mantenendo una convivenza in armonia, è pura fantasia (in tutti i sensi della parola).

Tuttavia, la realtà è lì, e metà dei pensatori pensa che l'uomo sia un lupo per l'uomo. Se come società concediamo troppa libertà, ci saranno quelli che la usano per i propri benefici , anche andando oltre il vicino, quindi per questo creiamo leggi, corpi di sicurezza e prigioni, che non cessano di essere un meccanismo che regola questa libertà.


Questa tensione è insostenibile. Non possiamo, da una parte, difendere che il femminismo è vestire come vogliamo, ma dall'altra parte condannare certe forme di abbigliamento perché ipersessualizzano la figura delle donne, reificandola. Non possiamo, da un lato, educare i nostri studenti attraverso l'apprendimento costruttivo e, dall'altro, valutare le loro prestazioni accademiche su una scala numerica specifica da 0 a 10.

Il modo in cui questa nuova ondata di libertà scorre, è frequentando, come sempre, l'educazione ai valori . È vero che la libertà è la via per un funzionamento ottimale nella società, ma questa libertà, questa capacità di scegliere, ci dà potere, potere sulla nostra vita e potere sulla vita dei nostri simili. Questo può essere scritto in qualsiasi momento: tutta la grande potenza ha una grande responsabilità.

Responsabilità collettiva ed etica

La libertà porta responsabilità . Posso avere la libertà di vestire come voglio, ma agire responsabilmente e scegliere un'opzione che non contribuisca a mantenere valori egemonici di genere, dannosi per la mia società e, allo stesso tempo, legittimi che un'altra persona scelga l'altra opzione senza giudicarla.


La responsabilità non è una coercizione, non è una prigione. La responsabilità è la libertà, lo è la capacità di scegliere, ma di farlo con giudizio e con riflessione . Scegliere in modo responsabile non è scegliere "correttamente" (nulla ci garantisce di scegliere "correttamente"), semplicemente non è scegliere con leggerezza, essendo consapevoli che ciò che scegliamo può influenzare gli altri, così come quello che gli altri scelgono. Può influenzarci.

Questo è il motivo Riteniamo molto importante educare sul valore della responsabilità in tenera età e insistere su di esso durante la scuola.

È fondamentale insegnare agli studenti a chiedersi cosa possono fare per raggiungere i loro obiettivi, addestrarli a riconoscere quelle situazioni in cui godono di un qualche tipo di potere che comporta tale responsabilità o educarli all'empatia e ad altre abilità sociali. Più che altro perché questo tempo di cambiamento non può essere consumato se quel valore non ha la preminenza di cui ha bisogno, e poi ci lascerà in dibattiti eterni che, non solo non finiranno con i valori stabiliti, ma creeranno in molte persone la sensazione di fare cose contrariamente ai loro ideali, cadendo nel disagio noto come dissonanza cognitiva, o rendendoli incapaci di scegliere un'opzione o un'altra, cadendo nel disagio noto come impotenza appresa.


Economia 7_3 La tutela dei consumatori e le Associazioni dei consumatori (Settembre 2019).


Articoli Correlati