yes, therapy helps!
Qual è il Leviatano di Thomas Hobbes?

Qual è il Leviatano di Thomas Hobbes?

Agosto 20, 2019

L'idea che l'essere umano sia fondamentalmente egoista è stata nutrita da molti pensatori nel corso dei secoli, e ciò ha in parte influenzato il modo in cui comprendiamo la nostra mente.

Il filosofo Thomas Hobbes, ad esempio, è uno dei grandi rappresentanti di questa tradizione ideologica, ed è in parte a causa di uno dei concetti più famosi che ha sviluppato: il Leviatano .

  • Potresti essere interessato: "Gli impressionanti contributi di Platone alla psicologia"

Cos'è il Leviatano in filosofia?

il Leviatano, in inglese, o Leviatano, come è popolarmente conosciuto, è sicuramente il lavoro più importante e trascendentale del filosofo, politico e pensatore inglese del diciassettesimo secolo, Thomas Hobbes.


Facendo riferimento e scrivendo con splendida maestria, l'autore fa riferimento al mostro biblico più temuto per spiegare e giustificare l'esistenza di uno stato assolutista che soggioga i suoi cittadini . Scritto nell'anno 1651, il suo lavoro è stato di grande ispirazione nelle scienze politiche e, paradossalmente, nell'evoluzione del diritto sociale.

Nelle scritture bibliche

Come abbiamo sottolineato in precedenza, il personaggio di Leviatano viene dalla mitologia e dalle scritture della Bibbia , i cui governi del Medioevo erano soliti giustificare i governi reali "per grazia di Dio".

Il Leviatano è un essere temibile che non ha pietà, scrupoli o compassione. È di dimensioni gigantesche e, secondo l'Antico Testamento, è stato messo in relazione con il diavolo stesso e chi è stato sconfitto da Dio per far prevalere il bene sul male.


Ma ... dov'è la relazione tra questo mostro e il ruolo dello Stato, secondo Hobbes ?

  • Forse ti interessa: "Come sono la Psicologia e la Filosofia allo stesso modo?"

Thomas Hobbes e il suo adattamento politico del Leviatano

Thomas Hobbes nacque in Inghilterra nel 1588 in un'epoca storica in cui la Gran Bretagna era minacciata dalla temuta e invincibile armata spagnola. Questo filosofo si è laureato all'Università di Oxford negli studi scolastici e nella logica filosofica che, influenzato da autori come Pierre Gassendi e René Descartes, sarebbe considerato un autore chiave nello sviluppo della teoria politica occidentale.

Tornando al suo lavoro, il Leviatano è un libro formato da 4 parti, in cui spiega la relazione tra l'uomo e lo stato attraverso un patto consensuale nel rapporto di potere tra mandato e mandato .


Fondamentalmente, il Leviatano, il governo, è una figura terrificante ma necessaria che, per Hobbes, serve a far prevalere una certa pace e ordine, necessaria affinché la civiltà progredisca e gli individui non minacciano o subiscono minacce o attacchi da parte di altri individui.

1. L'uomo

In questa parte, l'uomo viene analizzato come individuo umano, essendo di conoscenza e saggezza. L'uomo è fatto e sviluppato attraverso l'esperienza; esperienza che è definita come la ripetizione di atti ed esperienze che modelleranno la società. Prenderà la parola per eseguire l'imposizione della verità, attraverso l'oratoria e il discorso politico .

Il problema sorge con gli stessi desideri dell'uomo. A causa degli impulsi materiali e appassionati delle persone, gli interessi individuali gireranno sempre contro gli altri , generando così un conflitto, specialmente dalla ricerca di potere e ricchezza.

In questa enclave Hobbes pronunciato in quella che sarà ricordata come una delle frasi più famose dell'umanità: "homo homini lupus est" (l'uomo è un lupo per l'uomo). Per questo motivo, i pilastri nella costruzione della società sono etica, morale e giustizia . Ma per Hobbes è necessario qualcosa di più.

2. Lo stato

È in questo spazio d'azione in cui Hobbes introdurrà il concetto di "patto sociale" o "contratto sociale" , manipolato ed elaborato dagli uomini per garantire sicurezza e protezione individuale al fine di porre fine ai conflitti affrontati dagli interessi individuali.

È nello stato in cui le leggi morali prevalgono sulle leggi naturali. Cioè, i desideri collettivi contro i desideri appassionati degli uomini prevalgono. Per Hobbes, l'unica funzione del governo è stabilire e assicurare la pace , stabilità nella società.

L'autore difende solo tre possibili modelli di governo: la monarchia (il suo preferito), l'aristocrazia e la democrazia , in questo preciso ordine. Ha una preferenza per l'assolutismo perché giustifica il bene comune, dove gli interessi privati ​​e pubblici sono uno, ammettendo che "è impossibile che se un re è ricco, il suo popolo sia povero".

  • Articolo correlato: "Gli 11 tipi di violenza (e i diversi tipi di aggressione)"

3. Lo stato cristiano

Thomas Hobbes era un credente dichiarato, ma non per questo il destino di un'intera città era subordinata alla divinità . Inoltre, è venuto a mettere in discussione i Dieci Comandamenti di Mosè per l'assenza di prove per dimostrare chi e per quale scopo reale sono state dettate tali leggi.

Pertanto, l'autore ha sottolineato molto nella dipendenza della Chiesa dal sovrano, in questo caso il monarca, per evitare interpretazioni pretenziose che danneggiano il bene comune, la pace che ha difeso così tanto.

conclude attribuendo un ruolo secondario alla Chiesa , subordinato dal capo supremo dello Stato (i re cattolici), e sarà considerato i pastori supremi del proprio popolo, mostrando il potere unico di legiferare per i loro sudditi.

4. Il regno delle tenebre

Essendo forse la sezione più controversa, Hobbes fa una critica chiara e severa alle istituzioni religiose, in particolare alla Chiesa. Chiamate questo capitolo "Il regno delle tenebre" come parte del quadro corrotto e cinico che ha avuto la casa di Dio attraverso la storia di grandi imperi, come il romano.

Accusa le autorità cristiane di aver ignorato la verità , di voler imporre l'ignoranza per il proprio beneficio e quindi avere la massa ben indottrinata con pratiche false, come l'idolatria ai santi, figure, immagini o reliquie proibite dalla parola di Dio.

Tuttavia, e prendendo le distanze dalle macchinazioni che rifiuta così tanto, Hobbes afferma che in alcuni casi specifici la parola di verità può essere messa a tacere o messa a tacere, se ciò porta a la destabilizzazione dello stato attraverso la ribellione questo altera l'ordine stabilito e lo status quo.


Il contrattualismo 2. Hobbes: Leviathan e Behemoth (Agosto 2019).


Articoli Correlati