yes, therapy helps!
L'esperimento della caverna dei ladri: creare conflitti dal nulla

L'esperimento della caverna dei ladri: creare conflitti dal nulla

Agosto 10, 2020

Ci chiediamo spesso come possano esserci tanti conflitti sociali. Così tante guerre che sono successe all'umanità, tanti scontri etnici o religiosi, tanti problemi di convivenza o di collaborazione tra persone. L'esperimento della caverna del ladro è un modo per chiarire tutti questi dubbi , con risultati sorprendenti.

Questo tipo di studio è stato ideato nella metà del XX secolo, subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, momento in cui sono emersi molti esperimenti psicosociali che hanno risposto a molte incognite derivanti dal conflitto.

Qual è l'esperimento della caverna ladro?

L'esperimento di caverna dei ladri si è svolto negli Stati Uniti, vicino all'Oklahoma, ed è stato progettato per scoprire i pregiudizi e gli oneri ideologici che gli individui portano con sé sulle spalle, spesso causando i problemi più gravi come la xenofobia, la misoginia e l'omofobia. Intolleranza "dell'altro", insomma. Esiste una specie di mantra di "loro contro di noi" con cui spesso pensiamo di non sentirci identificati.


C'erano poi due professori dell'università dell'Oklahoma negli Stati Uniti, Muzafer Sherif e Carolyn Sherif, quelli che avevano l'idea di fare questa ricerca. Per questo ne hanno selezionati due gruppi di bambini tra i 10 e gli 11 anni Nessuna storia di conflitto, famiglie stabili e un'infanzia corretta per evitare condizioni esterne.

Prima di tutto, nessuno dei membri di entrambi i gruppi (un totale di 24 bambini) aveva una conoscenza preliminare dell'esperimento, e nessuno di loro sapeva o aveva attraversato percorsi, poiché erano stati selezionati da diverse scuole. È importante insistere su questa sezione per completare con successo l'esperimento.


Le 3 fasi dello studio

Un posto è stato selezionato in campo aperto, in natura. È il luogo ideale per scaricare qualsiasi stigma sociale, un modo per equiparare l'individuo con il resto per il fatto di indossare gli stessi vestiti, condividendo uno spazio simile e il rispetto per esso.

L'esperimento si è svolto nel noto Parco Naturale della Caverna dei Ladri (Oklahoma, USA), ed è da lì che viene il suo nome. Non appena sono calpestati, i tutor hanno diviso i bambini in due gruppi, chiamati Gruppo A e Gruppo B, in modo completamente casuale.

1. Sensibilità all'identità

In questa prima fase o fase dell'esperimento, gli autori sono responsabili incoraggiare il sentimento di appartenenza a un gruppo attraverso attività congiunte come nuotare, fare escursioni o trovare legna per i falò. In breve, attività che rafforzano le relazioni interpersonali.


2. Fase di conflitto

Nella seconda fase dell'esperimento di caverna dei ladri, gli insegnanti hanno introdotto elementi o situazioni di attrito tra i due gruppi partecipanti, differenziando i fatti che avrebbero provocato conflitti. Lo scontro verbale stava aumentando la sua presenza e i bambini hanno chiesto espressamente attività competitive per verificare chi era meglio.

3. Fase di collaborazione

Sorpreso da quanto sia stata facile la fase di attrito, Hanno deciso di interromperlo e passare rapidamente alla fase di riconciliazione . Per questo, i ricercatori si sono impegnati a svolgere attività con l'obiettivo comune di eliminare quei pregiudizi artificiali che erano stati creati. Fu presentato un agente immaginario che voleva porre fine alle sue riserve alimentari.

Ancora una volta, i risultati sono stati ancora significativi. Gruppi A e B Hanno deciso di mettere da parte le loro differenze per combattere un singolo nemico . Oltre ad andare nella stessa direzione, crescevano anche i gesti di solidarietà e fratellanza che erano tra loro. Il cattivo non era più "l'altro".

Risultati rivelatori

E a che serve l'esperimento della caverna dei ladri? Questo tipo di ricerca mira a chiarire alcune incognite che spesso solleviamo. I risultati del caso menzionato hanno mostrato dati curiosi, soprattutto tenendo conto che i partecipanti erano persone senza una particolare predisposizione al conflitto.

Gli insegnanti furono sopraffatti dalla facilità con cui i gruppi arrivarono a creare un sentimento di odio nei confronti degli altri. ** L'estremo di non voler sedersi l'uno con l'altro all'ora di pranzo , evitando qualsiasi tipo di contatto visivo e circostante. Come abbiamo discusso in precedenza, questa fase doveva essere abbreviata.

D'altra parte, la collaborazione stava superando lo scontro con la stessa velocità. Cosa ci dice questo? bene, sicuramente l'essere umano è più manipolabile di quanto molti pensino davvero , un fenomeno che le classi dirigenti, economiche e scientifiche sfruttano molto bene. Basta sentirsi dire che qualcosa è male o buono a crederci.


ОТ АТЕИСТА К СВЯТОСТИ (Agosto 2020).


Articoli Correlati