yes, therapy helps!
3 modi in cui i social network distruggono le nostre relazioni

3 modi in cui i social network distruggono le nostre relazioni

Settembre 20, 2019

I social network sono una realtà e hanno modificato il modo in cui comunichiamo tra loro. Non solo prestiamo molta attenzione alla nostra presenza in queste reti, ma deleghiamo loro anche il canale di comunicazione con gli amici che non vediamo spesso.

I social network hanno anche cambiato l'esperienza del viaggio. Non è più solo la presenza incipiente (e fastidiosa) dei bastoncini selfie da soli. L'esperienza di viaggiare, sempre associata a vedere con i propri occhi monumenti, culture e città sembra essere obsoleta: ora molti turisti sono limitati a vedere la realtà attraverso gli schermi degli smartphone . Immortalare il momento attraverso un gadget sembra essere più importante che scoprirlo da soli, con i sensi con cui Madre Natura ci ha dotato. Sono viaggi di 2.0, e non sto parlando di camminare su Google Street.


La vita dietro uno schermo

È un vero peccato e molti psicologi avvertono che vivere la vita attraverso l'esposizione costante ai social network può causare molti problemi quando si tratta del modo in cui ci relazioniamo con le altre persone. E non solo per l'ovvia difficoltà di impegnarsi in conversazioni e "amicizie" attraverso le reti, ma anche dai problemi di autostima associati a questa dipendenza dal cellulare . Dipendenza che, a proposito, si chiama nomofobia.

Passiamo più tempo a pensare a come le altre persone ci percepiscono che a non vivere le nostre avventure ed esperienze. Siamo in attesa per tutto il giorno per verificare se abbiamo nuove notifiche nei social network, invece di svolgere attività che ci piacciono e che ci permettono di incontrare altre persone con cui esibirsi nella vita reale. Dobbiamo sentirci in contatto con altre persone, perché è uno degli elementi necessari per sentirsi felici, per essere sani e per vivere più a lungo, ma ... stiamo facendo bene?


I 3 modi in cui i social network distruggono le nostre relazioni

Dobbiamo recuperare la capacità di relazionarsi senza la necessità di avere uno schermo in mezzo. I social network possono aiutarci a mantenere i contatti con amici che vivono lontano, ma dovrebbe essere solo questo: il supporto.

Rivediamo alcuni modi in cui le nuove tecnologie e i social network possono ridurre la qualità delle nostre relazioni personali nella vita reale ... e alcuni consigli per migliorare la situazione.

1. Pensi di perdere qualcosa? La sindrome FOMO

Cosa ci attrae davvero sui social network? Condividi momenti Sotto forma di fotografia, video, stato, scherzo ... ma condividere momenti con gli altri. Ma anche se questo suona molto bello, la verità è che molte persone vivono così consapevoli dei social network che finiscono per perdere quei momenti unici, nell'entusiasmo di scattare una foto o di spiegarla ai loro contatti.


Stiamo negando a noi stessi la possibilità di sperimentare la felicità e momenti speciali solo a causa del bisogno narcisistico di mostrare al pubblico quanto siamo felici o la vita interessante che abbiamo. Inoltre, viviamo oggetto di rinforzo positivo, sotto forma di Mi piace e commenti, che aggrava il problema.

Questo è uno dei problemi, ma non è l'unico. In realtà, sta già iniziando a parlare dell'esistenza della sindrome FOMO, i cui affetti hanno la brutta sensazione di "mancare qualcosa". È una situazione di angoscia permanente, che non ci permette di godere giorno per giorno e di rapporti personali nella carne.

Maggiori informazioni sulla sindrome FOMO: "Sindrome FOMO: sensazione che la vita degli altri sia più interessante"

2. Dipendenza e autoassorbimento: Nomofobia

C'è una linea sottile che separa il piacere dal comportamento di dipendenza. Quando abbiamo iniziato a utilizzare i social network, inconsciamente, possiamo usarlo come un modo per ottenere la convalida dai nostri contatti e questo può farci entrare in una dinamica negativa.

Le regioni cerebrali che regolano la sensazione di piacere ci ricompensano positivamente di fronte alla novità, e va da sé che i social network ci bombardano con migliaia di notizie attuali: nuovi post, nuove immagini, nuove notizie, ogni secondo che passa.

È ironico uno strumento che è stato progettato per connettersi con altre persone ci fa sentire isolati e ossessionati per l'immagine che stiamo offrendo. La dipendenza dai social network arriva anche di pari passo con l'ansia e, nei casi gravi, i sintomi depressivi.

Quando passiamo alcuni giorni in spiaggia, la nostra motivazione principale dovrebbe essere quella di goderci quei momenti di relax e non essere consapevoli della fonte di piacere generata dai social network attraverso le foto e i commenti che pubblichiamo.

3. Social network e felici relazioni sociali: possono coesistere?

Una ricerca recente ha dimostrato che la semplice presenza di uno smartphone nel contesto di una conversazione tra due persone (faccia a faccia) interferisce con la sensazione di intimità , connessione e qualità della comunicazione. Quasi niente.

Siamo esseri sociali e dobbiamo essere in contatto con altre persone. Quando interagiamo con qualcuno nella vita reale, comprendiamo le loro emozioni e sentimenti e scambiamo altre informazioni oltre il rigorosamente verbale. Se i dispositivi tecnologici ottengono le nostre conversazioni, rischiamo di diventare desensibilizzati e la nostra capacità di entrare in empatia con gli altri, a poco a poco, diminuisce, e quindi la nostra capacità di connettersi genuinamente con gli altri. Sebbene i social network siano stati progettati per connettersi l'un l'altro, potrebbero allontanarci dal percepire i bisogni e i pensieri delle persone che ci circondano, e questo mette in pericolo la qualità della comunicazione e, in definitiva, delle relazioni sociali e parenti.

Social network e felicità

In realtà, dovremmo cercare di fare una riflessione molto semplice: essere connessi in modo permanente ai social network ci fa vivere momenti magici? Probabilmente, la tua risposta sarà negativa. Devi imparare a vivere il momento senza l'intermediazione dell'esposizione pubblica. Non facciamo della nostra vita una specie di Truman Show.


GIOVANI E SOCIAL NETWORK - INTERVISTE (Settembre 2019).


Articoli Correlati