yes, therapy helps!
Studi longitudinali: cosa sono e come funzionano nella ricerca

Studi longitudinali: cosa sono e come funzionano nella ricerca

Giugno 13, 2024

Gli studi longitudinali sono un metodo di ricerca che consiste nel misurare un fenomeno attraverso uno specifico intervallo di tempo. In questo senso, servono per analizzare e osservare in modo sequenziale l'evoluzione di un fenomeno o dei suoi elementi. Sono frequentemente utilizzati nella ricerca relativa alle scienze della salute, nonché in statistica, psicologia, sociologia e istruzione.

In questo articolo vedremo che si tratta di uno studio longitudinale e quali sono alcune delle sue caratteristiche e usi principali.

  • Articolo correlato: "I 15 tipi di ricerca (e caratteristiche)"

Che cos'è uno studio longitudinale e a cosa serve?

Gli studi longitudinali sono un metodo di ricerca , che in quanto tale è un insieme strutturato di procedure che ci consente di ottenere informazioni su un argomento specifico.


In particolare, l'obiettivo degli studi longitudinali è quello di ottenere informazioni su un processo di cambiamento . Servono anche a stimare gli incidenti e ad anticipare i rischi. Quanto sopra può avvenire attraverso l'osservazione e la misurazione di modelli individuali e la loro stabilità o modifiche nel tempo.

In altre parole, consentono stime del tasso di cambio in funzione del tempo e in relazione alle diverse caratteristiche dell'individuo come l'età o altre condizioni (Arnau e Bono, 2008).

In questo senso, gli studi longitudinali sono stati tradizionalmente considerati come metodi di ricerca contrario agli studi trasversali , che si basano su osservazioni momentanee o fisse in un determinato momento, sebbene non cessino di essere correlate l'una con l'altra.


  • Potresti essere interessato: "Qual è il metodo scientifico e come funziona?"

Discipline che lo usano e studi correlati

Gli studi longitudinali sono particolarmente usati nelle scienze della salute, ma consentono anche misurare l'evoluzione di alcuni fenomeni anche in psicologia, nell'educazione, nella sociologia o nella demografia , per citarne alcuni.

A sua volta, il termine "studio longitudinale" può presentare alcune variazioni in base alla specifica disciplina che lo utilizza. Ad esempio, se si tratta di studi condotti nel campo della sociologia, gli studi longitudinali sono legati a un tipo di studi chiamati "panel study"; mentre quando si tratta di studi nel campo epidemiologico e demografico si tratta di un sottotipo del classico studio di coorte (quelli che misurano gli elementi di un fenomeno tra due o più intervalli di tempo).


In relazione a quanto sopra, un altro tipo di studio di coorte è rappresentato dalle tabelle di vita. La differenza tra una tabella di vita e uno studio longitudinale è che il primo effettua una misurazione considerando solo l'inizio e la fine dell'intervallo (ovvero, il fenomeno viene osservato due volte, una volta all'inizio e alla fine e dati da lì). Al contrario, nello studio longitudinale le misurazioni sono fatte ripetutamente (Delgado, M. e Llorca, J., 2004).

Allo stesso modo, quando si tratta di studi che vengono applicati in campo statistico, sono anche noti per essere stati considerati come un tipo di studio di misurazioni ripetute. Sono così chiamati perché sono un tipo di studio basato sulla misurazione ripetitiva, cioè, consente di osservare un certo numero di aspetti del fenomeno o di alcune delle sue caratteristiche in un momento specifico.

Tipi di studio longitudinale

A seconda del campo specifico in cui viene applicato lo studio longitudinale, può essere di diversi tipi. Per illustrare, descriveremo brevemente le sue caratteristiche in epidemiologia e statistica.

1. In epidemiologia

La base dello studio longitudinale utilizzato in epidemiologia è conoscere l'esperienza della malattia di una popolazione nel tempo. Permettono conoscere le transizioni tra stati di salute e malattie e include variabili come l'età o il sesso.

2. In statistica

È uno studio che consiste di effettuare più di due misurazioni nel tempo . Cioè, non da solo e cerca di misurare un fenomeno all'inizio e un altro alla fine, ma per effettuare misurazioni ripetute del fenomeno. A sua volta, questo può essere applicato in diversi campi, ad esempio nella psicologia dello sviluppo.

Progettazione di questa forma di ricerca

Come per tutti i metodi di ricerca, gli studi longitudinali sono applicati in base all'obiettivo specifico perseguito dalla ricerca. La descrizione degli studi e degli elementi che la compongono e che consentiranno di realizzarla è ciò che conosciamo come progetto di ricerca.

Il design di uno studio è importante perché consente di garantire che la metodologia corrisponda agli obiettivi e renderà possibile arrivare a risultati coerenti con loro. In questo caso, gli studi longitudinali sono utilizzati in indagini che hanno l'obiettivo di conoscere un processo di cambiamento nel tempo.

Sebbene la progettazione specifica dipenda dal tipo di studio longitudinale che verrà effettuato, nonché dallo specifico campo di applicazione, in termini generali, questo tipo di ricerca richiede i seguenti elementi:

  • Dati longitudinali, quali sono il numero di ripetizioni in cui il fenomeno sarà osservato .
  • Gli elementi osservati possono essere unità, individui, soggetti, gruppi, popolazioni.
  • I punti temporali, che sono gli intervalli di tempo in cui l'elemento è registrato, possono variare da pochi minuti a diversi anni.
  • Profilo di risposta , detto anche trend o curva, che è l'insieme di risposta dell'unità misurata.

limitazioni

Sia in studi longitudinali che in altri studi basati su misure ripetitive, ci sono due implicazioni fondamentali: la prima è quella c'è una dipendenza tra il numero di volte in cui il fenomeno viene ripetuto e l'unità osservata . Cioè, il numero di ripetizioni è il criterio principale per spiegare il fenomeno in esame.

Il secondo è che le circostanze o le variabili in cui il fenomeno può ripetersi, spesso lasciano il controllo della persona che indaga , con cui, i dati possono spesso essere incompleti.

Riferimenti bibliografici:

  • Arnau, J. e Bono, R. (2008). Studi longitudinali su misure ripetute. Modelli di progettazione e analisi. Scritti di psicologia, 2 (1): 32-41.
  • Delgado, M. e Llorca, J. (2004). Studi longitudinali: concetto e particolarità. Spanish Journal of Public Health, 78: 141-148.

prof. Bellucci, la verità sulla medicina... CHE NON CONOSCE! (Giugno 2024).


Articoli Correlati