yes, therapy helps!
Perché l'ansia può causare sovrappeso, secondo diversi studi scientifici

Perché l'ansia può causare sovrappeso, secondo diversi studi scientifici

Gennaio 20, 2020

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'obesità e il sovrappeso sono due dei maggiori problemi di salute che la popolazione mondiale deve affrontare oggi. Sono definiti come un accumulo anormale o eccessivo di grasso che può seriamente danneggiare la salute.

Cioè, il problema del sovrappeso e dell'obesità è che sono due dei più importanti fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari, diabete, disturbi muscoloscheletrici e alcuni tipi di cancro.

Fortunatamente siamo stati in grado di individuare molte delle cause, che a lungo termine possono portarci a ridurre la sua prevalenza. Uno dei fattori di rischio per l'aumento di peso, che è stato il più discusso negli ultimi anni è l'ansia.


Ansia e stress: sono uguali?

Lo stress e l'ansia sono parole che a volte usiamo come sinonimi perché si riferiscono entrambi a stati psicologici e fisiologici che alterano il nostro umore e la nostra attività in generale.

Lo stress può avere un volto positivo (il termine in inglese per questo è "eustress", o eustress in spagnolo) che ci aiuta a essere in grado di rispondere alle esigenze dell'ambiente e di fuggire o adattarci in base alla situazione. Pertanto, lo stress è l'ampio stato fisiologico, che può avere manifestazioni diverse e la sua presenza può variare su base regolare.

Ma quando lo stress è uno stato costante, che non ci sta servendo per rispondere adeguatamente alle richieste esterne, e comincia a darci la sensazione di essere fuori controllo, allora potrebbe trasformarsi in un quadro patologico più vicino all'ansia.


A seconda del livello in cui si verifica, l'ansia è caratterizzata da una serie di esperienze psicologiche e fisiologiche come palpitazioni, tachicardia, sudorazione, insonnia , sensazione di mancanza di respiro, movimenti costanti, mancanza di concentrazione, angoscia.

L'ansia è un quadro più specifico dello stress ed è accompagnata da importanti cambiamenti a livello fisiologico, come la secrezione di ormoni corticosteroidi a livelli molto alti e per un lungo periodo, che a sua volta rende il nostro corpo e il nostro stato d'animo Non essere adattivo, ma il contrario.

Sebbene le loro cause siano molto varie, alcuni dei più comuni sono gli stili di vita legati al lavoro o alle condizioni accademiche, o più esperienze personali che causano vulnerabilità, come maltrattamenti, molestie, sentimento di incertezza, la perdita di una persona cara, tra altri.


Perché l'ansia può causare sovrappeso?

La causa principale del sovrappeso e dell'obesità è l'aumento dell'assunzione di cibi ipercalorici ricchi di grassi . A sua volta, questo aumento può verificarsi a causa di molti fattori, ad esempio, a causa della ridotta attività fisica, della trasformazione e distribuzione alimentare, delle diete squilibrate o della mancanza di politiche che sostengano il settore sanitario.

Oltre a quanto sopra, alcune recenti ricerche hanno suggerito che l'ansia è un altro dei fattori di rischio per lo sviluppo del sovrappeso e dell'obesità, principalmente per il seguente motivo: quando ci sentiamo ansiosi mangiamo di più (e peggio).

Quando ci troviamo in situazioni che provocano ansia, tutta una serie di cambiamenti chimici avvengono nel nostro cervello. In questi momenti, qualcosa che produce una sensazione di calma e soddisfazione sono gli alimenti che hanno una maggiore concentrazione calorica, che sono anche meno sazianti, motivo per cui generano la necessità di mangiare in grandi quantità.

Inoltre, lo stress e l'ansia costanti causano spesso insonnia, il che significa che nel giorno abbiamo la necessità di mangiare una quantità maggiore di cibo, di solito anche con un alto contenuto calorico.

In particolare, il consumo eccessivo di zucchero attiva il sistema cerebrale responsabile della metabolizzazione dei glucocorticoidi, che sono gli ormoni che metabolizzano i carboidrati e che vengono attivati ​​anche in risposta a situazioni di stress, causando una sensazione di euforia. Quest'ultimo è adattativo e importante per mantenere l'omeostasi a livelli moderati di secrezione, ma in eccesso può essere problematico.

Alcuni consigli per ridurre l'ansia

Ansia, oltre ad essere correlata all'obesità, È legato allo stile di vita sedentario e all'alto consumo di sostanze psicoattive come alcol o tabacco , che a sua volta provoca più sovrappeso e obesità. Inoltre, sia il sovrappeso che l'ansia sono due problemi che influenzano in modo significativo i bambini.

La buona notizia è che alcune ricerche suggeriscono che una riduzione stabile degli stati di ansia favorisce la diminuzione dell'indice di massa corporea. Per questo motivo è importante conoscere alcuni modi per evitarlo.

Poiché le cause sono piuttosto aspecifiche, alcune delle raccomandazioni più generali che possiamo formulare sono basate sulla modifica dell'abitudine; domanda che può sembrare piuttosto complicata, ma che può anche essere semplice se ha un seguito adeguato.

1. Rileva i momenti in cui ci sentiamo stressati o ansiosi

Lo stress e l'ansia possono essere causati da situazioni molto diverse, ad esempio da conflitti che non siamo stati in grado di parlare o risolvere sul lavoro, a scuola, con un partner, con gli amici o con la famiglia; Può anche accadere che non abbiano una causa chiara, o che ci sia una difficoltà a stabilire dei limiti per gli altri.

All'inizio è importante avere indizi sulle situazioni che possono causarci stress costante, in modo che sia possibile modificarli o modificare le nostre posizioni e decisioni prima di loro.

2. Trova alternative

Qualcosa che dobbiamo avere chiaro è che le abitudini non cambiano da un giorno all'altro, proprio come l'ansia non scompare durante la notte, il che è importante per imparare a trovare il relax attraverso cose più funzionali di un'assunzione eccessiva di calorie.

Ad esempio, imparando a disconnessione e riposo, oa livello di relazioni interpersonali, cerca di porre dei limiti agli altri e alle nostre stesse richieste. Inoltre, e in base ai nostri interessi, possiamo scegliere di allenarci, fare una passeggiata, visitare qualcuno, leggere un buon libro, prendere un tè, guardare un film ...

3. Stabilire routine che incorporano abitudini salutari ed esperienze piacevoli

Si tratta di fare in modo che il nostro giorno per giorno sia composto da alcune cose basilari come una dieta bilanciata, in quantità sufficiente e il più naturale e fresca possibile; esercizio moderato, avere momenti di riposo, condividere con i nostri coetanei, e provare a fare attività che producono motivazione e soddisfazione personale, che può essere da un hobby per mantenere aspirazioni professionali a lungo termine.

In ogni caso, è anche importante chiedere aiuto specializzato se ne abbiamo bisogno. Una visita a uno psicologo, psichiatra o neurologo può anche essere molto utile per ridurre i nostri livelli di ansia e migliorare la nostra risposta a situazioni stressanti.

Riferimenti bibliografici:

  • Organizzazione mondiale della sanità. (2017). Obesità e sovrappeso Estratto il 25 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.who.int/en/news-room/fact-sheets/detail/obesity-and-overweight
  • Tryon, M., Stanhope, K., Epe, E. et al. (2015). Un eccessivo consumo di zuccheri può essere un'abitudine difficile da spezzare: una visione dal cervello e dal corpo. The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 100 (6): 2239-2247.
  • González-Ramírez, T., Monica, G. & Pompa-Guajardo, E. (2011). Diminuzione dell'ansia e dell'indice di massa corporea nei bambini sovrappeso e obesi, dopo un trattamento multidisciplinare. Ansia e stress, 17 (2/3): 211-219.
  • Strine, T., Mokdad, A., Dube, S. et. al (2008). L'associazione tra depressione e ansietà con obesità e comportamenti non salutari tra gli adulti statunitensi residenti in comunità. Psichiatria dell'Ospedale Generale. 30 (2): 127-137
  • Tapia, A. (2006). Ansia, un fattore importante da considerare per la diagnosi e il trattamento adeguati dei pazienti in sovrappeso e obesi. Chilean Magazine of Nutrition, 33 (2): 325-357.

Osteoporosi: come INVERTIRLA in 3 Mosse:#32 LeRegolediTozzi (Gennaio 2020).


Articoli Correlati