yes, therapy helps!
La scala di valutazione della psicopatia della lepre

La scala di valutazione della psicopatia della lepre

Giugno 14, 2024

Quando si pensa al concetto di "psicopatico", l'immagine di un assassino arriva alla maggior parte delle persone , qualcuno che uccide per piacere e la cui esecuzione obbedisce solo ai propri interessi, senza traccia di empatia e disprezzando i bisogni, i sentimenti e i desideri di coloro che lo circondano (che usa anche come oggetti per raggiungere i propri scopi). Questa immagine sembra molto chiara ... ma la rilevazione di queste caratteristiche non è così facile nella vita reale.

Fino a tempi relativamente recenti non sono stati sviluppati strumenti in grado di misurare questa alterazione con precisione, distinguendola da patologie mentali e mediche. In questo senso, uno dei principali contributi nella rilevazione e valutazione delle caratteristiche psicopatiche è quello svolto da Hare, che ha creato la scala di valutazione della psicopatia della lepre o PCL (Lista di controllo della psicopatia).


  • Articolo correlato: "Psicopatia: cosa succede nella mente dello psicopatico?"

Psicopatia: di cosa stiamo parlando?

Per comprendere la scala di valutazione della psicopatia di Hare, sarà necessario prima stabilire una definizione di ciò che intendiamo per psicopatia.

Il concetto di psicopatia si riferisce a un'alterazione della personalità in cui c'è un'assenza più o meno completa di empatia e preoccupazione per l'altro e una profonda attenzione a se stessi e ai propri bisogni. Non è considerato un'entità clinica, cioè, non è un disturbo mentale . Ed è che la definizione che è fatta di questo costrutto può variare molto a seconda degli autori che la esprimono e del tipo di psicopatia di cui stiamo parlando (in effetti, si potrebbero trovare tipi molto diversi di psicopatici che raggiungono alcuni autori per proporre fino a nove ).


Anche se l'immagine che la maggior parte delle persone ha di loro è quella menzionata nell'introduzione, la verità è questa non tutti sono criminali o commettono crimini : ci sono psicopatici integrati nella società e in molti casi diventano leader politici (alcuni dei quali sono giunti a commettere gravi abusi) o grandi uomini d'affari.

Tuttavia, Ci sono una serie di caratteristiche comuni alla maggior parte degli psicopatici : il più determinante e determinante è l'incapacità di sviluppare relazioni affettive, mancanza di empatia e indifferenza verso i sentimenti degli altri. Oltre a questo, l'uso degli altri per raggiungere i loro fini, l'assenza di sensi di colpa e senso di responsabilità sulle proprie azioni, la bassa intensità della maggior parte delle loro emozioni, l'arroganza e l'egocentrismo, la capacità di seduzione e relazioni superficiali e in cui l'altro non è apprezzato e la manipolazione di solito sono alcune delle caratteristiche più comuni.


Ci sono anche ** problemi per pianificare o valutare il futuro o le conseguenze delle proprie azioni **, la necessità di cercare sensazioni, impulsività, discordanza tra linguaggio e comportamento e il bisogno di gratificazione immediata.

  • Forse ti interessa: "Essere uno psicopatico può avere vantaggi, secondo uno studio"

Quali sono le sue cause?

È importante notare che, tecnicamente, la psicopatia non è considerata un disturbo mentale. È una condizione di causa sconosciuta ma in cui sono state rilevate forti componenti genetiche (ad esempio, è comune nello studio dei gemelli vedere che entrambi hanno caratteristiche psicopatiche), sebbene almeno la metà della varianza al momento della sofferenza o meno questa alterazione sia collegamenti con fattori ambientali.

Alcune differenze sono state osservate a livello biologico e temperamentale che complicano i processi di socializzazione durante la crescita, non integrando le esperienze primarie di socializzazione in modo adattivo. Queste sono persone che sono pienamente consapevoli delle loro azioni , non presentando alterazioni nella capacità volitiva e in cui non vi è alcun impedimento delle funzioni cognitive di base (oltre la sfera emotiva).

PCL: la scala di valutazione della psicopatia della lepre

La lista di controllo della psicopatia La scala di valutazione della psicopatia PCL o Hare è uno degli strumenti di valutazione più utilizzati per valutare l'esistenza della psicopatia.

Originato e basato sul raggruppamento dei fattori e dei criteri già proposti in precedenza da Cleckley, è una scala creata da Hare che valuta attraverso 20 articoli (sebbene originariamente fossero 22), i principali tratti della personalità e le caratteristiche dei soggetti con psicopatia.

È una scala che deve essere compilata sulla base delle informazioni ottenute durante l'intervista semi-strutturata con il soggetto, l'osservazione e l'analisi del suo comportamento, le interviste con il suo ambiente e le conoscenze ottenute dal suo archivio. L'intervista stessa può essere spesa in circa due ore, anche se dipende da ciascun caso.Ogni oggetto è valutato con uno 0, un 1 o un 2 a seconda che l'oggetto in questione non possa essere applicato al soggetto (0), può essere applicato in un certo senso (1) o può essere applicato al soggetto come qualcosa di coerente nel suo comportamento (2) . Il punteggio massimo è 40 e l'esistenza di psicopatia è considerata come quei casi che superano i 30 punti (anche se deve essere confrontato con le interviste con il loro ambiente e controllando altre possibili interviste e registrazioni riferite al soggetto. I punteggi superiori a 25 sono considerati predittori di comportamento antisociale e violento .

È importante ricordare che si tratta di uno strumento creato sulla base della popolazione carceraria, nella pratica clinica e forense, che si è dimostrato utile nel predire la probabilità di recidiva, valutare possibili violazioni delle pene e prevedere le prestazioni dei comportamenti antisociali.

Cosa è valutato? Articoli della scala

Come abbiamo visto, all'interno del PCL (nella sua versione rivista) o nella scala di valutazione della psicopatia creata da Hare troviamo un totale di 20 item che cercano di valutare l'esistenza di diverse caratteristiche della psicopatia. Nello specifico, vengono valutati i seguenti elementi o elementi.

1. Fascino di superficie / loquacità

Una delle caratteristiche più comuni degli psicopatici è la loro facilità di trattamento e l'attrazione superficiale, essere spesso molto seducente . Sono considerati divertenti e divertenti e sembrano dominare molti argomenti e argomenti di conversazione.

2. Egocentrismo e sentimenti di grandiosità

Lo psicopatico tende ad avere una visione sovrastimata di se stesso, con grande sicurezza di sé e con un atteggiamento egocentrico . Inoltre, tende a vedere solo la propria visione delle cose e si concentra sui propri bisogni. Puoi sentirti ammirato e invidiato.

  • Forse ti interessa: "Megalomania e delusioni di grandezza: giocare ad essere Dio"

3. Ricerca sensoriale

Un'altra caratteristica comune delle persone con psicopatia è la tendenza a annoiarsi facilmente e cercare attività che li stimolino , alla ricerca di azione, competizione e opportunità.

4. Mentificazione patologica

Mentire e imbrogliare sono elementi frequenti nel comportamento dello psicopatico. Può produrre storie facilmente credibili e di solito non si preoccupa di essere scoperto. Non gli costa rompere le sue promesse .

5. Manipolazione

Gli psicopatici tendono ad essere manipolatori, usando le loro abilità e abilità di seduzione per rendere gli altri più facili da ottenere e raggiungere i loro obiettivi, spesso senza preoccuparsi degli effetti sulla persona manipolata .

6. Assenza di colpa

Aspetto legato alla mancanza di empatia, lo psicopatico tende a non sentirsi in colpa per ciò che accade intorno a lui, così come per le conseguenze delle sue azioni.

7. Superficie emozionale

Molti psicopatici sono noti per mostrare uno spettro emotivo piatto, senza manifestare grandi reazioni e risultando nella sua espressione emotiva spesso superficiale e persino recitata . Sì, possono provare emozioni, ma generalmente sono considerate di bassa intensità e superficiali.

8. Mancanza di empatia

Una delle caratteristiche fondamentali degli psicopatici è la loro mancanza di empatia. Il soggetto psicopatico è di solito incapace di mettersi al posto degli altri o non valutare ciò che gli altri potrebbero provare o volere. Insieme all'elevata capacità di manovra di solito, spesso usano gli altri solo per raggiungere i loro scopi.

9. Stile di vita parassitario

Questo criterio presuppone che molti psicopatici usino i loro parenti e l'ambiente in modo utilitaristico per sopravvivere senza dover fare sforzi, a meno che questo lavoro non implichi una motivazione che permetta loro di emergere e di essere il numero uno.

10. Assenza di autocontrollo

Le persone con personalità psicopatica potrebbero non avere una profonda emotività, ma le tue reazioni comportamentali immediate possono essere estreme . L'uso della violenza può essere uno di questi, brevemente e in generale senza causare una reazione successiva.

11. Promiscuità

L'alto livello di loquacità e attrattiva superficiale di molti psicopatici rende facile avere relazioni sessuali sporadiche. Inoltre, l'assenza di empatia e responsabilità insieme alla ricerca di sensazioni rendere difficile mantenere relazioni più stabili .

12. Problemi di comportamento precedenti

Non è strano che il soggetto psicopatico abbia manifestato problemi comportamentali già nell'infanzia. In questo senso di solito è correlato al disturbo dissociale , potendo ad esempio esercitare comportamenti sadici e torturare animali.

13. Problemi di pianificazione a lungo termine

Un altro elemento comune nella psicopatia è il fatto che tendono a concentrarsi sul breve periodo e ottenere gratificazione immediata. Di solito non considerano il futuro (qualcosa che riguarda anche la mancanza di considerazione per le conseguenze delle loro azioni), o possono avere qualche tipo di obiettivo che non hanno considerato come eseguire.

14. Impulsività

Si riferisce al comportamento involontario, agire immediatamente secondo l'opportunità e il proprio desiderio senza considerare alternative o possibili conseguenze.

15.irresponsabilità

Questo articolo si riferisce alla mancanza di impegno verso gli altri. Potresti avere un certo livello di lealtà verso la tua famiglia e una stretta cerchia sociale, ma di solito non presti molta attenzione agli obblighi e ai doveri verso gli altri.

16. Non accettazione delle responsabilità di condotta

Legato all'irresponsabilità, il soggetto con psicopatia di solito non si assume la responsabilità delle proprie azioni. Sebbene non si senta in colpa per loro, di solito li giustificano e usano scuse diverse .

17. Relazioni di coppia brevi

Le relazioni di un partner con una psicopatia di solito non sono stabili. Sebbene possano avere un partner, come abbiamo detto prima, di solito non esiste alcun impegno che duri. Possono avere un matrimonio o anche figli, ma di solito sono incustoditi e spesso subiscono infedeltà e altre attività.

18. Delinquenza giovanile

Abbiamo menzionato prima che sin dall'infanzia il soggetto con psicopatia manifesta un gran numero di caratteristiche di questa condizione. Non è raro che nell'adolescenza ci siano crimini di maggiore o minore gravità ciò può avere ripercussioni diverse per sé o per gli altri e può portare a gravi crimini e persino al sangue.

19. Revoca della libertà vigilata

È un oggetto riservato solo a quei soggetti che sono stati incarcerati e che potrebbero aver optato per la libertà vigilata.

20. Versatilità criminale

Quest'ultimo articolo ci parla dell'esistenza di vari tipi di reati commessi dal soggetto , che può andare da furti, traffico di droga, omicidio, aggressione, offesa sessuale, rapimento o guida spericolata, tra gli altri.

Aspetti generali da considerare

Nel PCL o nella scala di valutazione della psicopatia della lepre, come abbiamo visto, la personalità e il comportamento delle persone analizzate attraverso di essa vengono valutati alla ricerca di tratti psicopatologici. Gli articoli in questione possono essere raggruppati in diversi aspetti per l'analisi. In particolare, viene proposta l'esistenza di due fattori principali, con quattro fattori da considerare al loro interno.

Fattore 1: interpersonale / affettivo

Questo primo fattore si riferisce principalmente agli aspetti più interni del soggetto, come la sua personalità, il modo di affrontare le relazioni interpersonali, l'affettività e la cognizione. È legato alle caratteristiche narcisistiche . Al suo interno possiamo trovare due dimensioni fondamentali, l'interpersonale e l'affettivo.

Dimensione interpersonale

Questa dimensione valuta il tipo di relazione che il soggetto mantiene con il proprio ambiente e come si collega con gli altri. Include principalmente elementi di fascino superficiale, sentimenti di grandezza, menzogna, manipolazione, mancanza di sensi di colpa, emotività superficiale, mancanza di empatia e non riconoscimento della propria responsabilità.

Dimensione affettiva

Questa seconda dimensione si riferisce alla gestione e l'esperienza delle emozioni da parte del soggetto . In esso entrerebbe la ricerca di sensazioni, mancanza di autocontrollo ed empatia, emozioni superficiali, mancanza di sensibilità ed empatia.

Fattore 2: deviazione sociale

Questo secondo fattore si riferisce principalmente a elementi che ci informano di come il soggetto si rapporta al mondo che lo circonda e al suo comportamento. È più legato a fattori legati alla commissione di comportamenti antisociali. All'interno di questo possiamo trovare lo stile di vita e l'aspetto antisociale della sua personalità.

stile di vita

Si riferisce al tipo di vita che di solito il soggetto impiega quotidianamente. Include elementi come promiscuità, rapporti di coppia brevi, mancanza di impegno o versatilità criminale. Possono anche includere la necessità di stimolazione o l'assenza di obiettivi a lungo termine , la ricerca di sensazioni ed egocentrismo.

antisociale

Questa sezione include i comportamenti che il soggetto ha avuto durante la sua vita, come la presenza di crimini durante la gioventù, se è stato imprigionato e se la libertà vigilata è stata revocata o la mancanza di responsabilità per il proprio agisce.

Riferimenti bibliografici

  • Folino, J.O. e Castillo, J.L. (2006). Le sfaccettature della psicopatia secondo la Lista di controllo della psicopatia della lepre - revisionata e la sua affidabilità. Argentine Journal of Psychiatry, Vol. XVII: 325-330.
  • Lykken, D. (1994) Personalità antisociali. Barcellona: Herder.

"L'approccio diagnostico-terapeutico al paziente con disturbo dello spettro bipolare" - parte 1° (Giugno 2024).


Articoli Correlati