yes, therapy helps!
La disintegrazione familiare: cos'è e quali effetti ha

La disintegrazione familiare: cos'è e quali effetti ha

Gennaio 24, 2021

La disintegrazione della famiglia è un fenomeno studiato appositamente fin dagli anni '80; momento in cui ha luogo un'importante trasformazione dell'organizzazione sociale della famiglia.

È un processo complesso che viene solitamente analizzato dagli effetti psicologici negativi che può avere sui bambini. Tuttavia, è anche un fenomeno che fornisce molte informazioni sui valori che le nostre società organizzano e sui cambiamenti che hanno avuto luogo in loro.

Seguendo quanto sopra vedremo cos'è la disintegrazione della famiglia , quali sono alcuni dei suoi effetti psicologici e come è stata trasformata l'organizzazione delle famiglie negli ultimi decenni?


  • Articolo correlato: "Gli 8 tipi di conflitti familiari e come gestirli"

Cos'è la disintegrazione familiare?

La famiglia, intesa come unità sociale intermedia tra individuo e comunità (Ortiz, Louro, Jiménez, et al, 1999) è uno dei protagonisti della nostra organizzazione culturale. La sua funzione è stata tradizionalmente intesa in termini di soddisfazione delle esigenze economiche, educative, sussidiarie e culturali; attraverso cui vengono creati valori, credenze, conoscenze, criteri, ruoli ecc.

Ciò avviene attraverso una dinamica relazionale interattiva e sistematica tra i membri di una famiglia (Herrera, 1997), cioè tra persone che condividono una qualche forma di parentela. In questo senso, è noto come "disintegrazione familiare" il processo attraverso il quale l'organizzazione precedentemente stabilita di un gruppo di persone correlato viene significativamente modificata .


Ma ogni cambiamento nell'organizzazione della famiglia implica una disintegrazione? Potremmo rispondere rapidamente in negativo: non tutto riordinato nell'organizzazione di una famiglia implica la sua separazione. Perché si verifichi la disintegrazione familiare, la parentela o le dinamiche relazionali che uniscono i suoi membri devono essere modificate qualitativamente. Spesso, quest'ultimo si pone come causato dall'assenza di uno dei genitori o dei genitori ; che, tra le altre cose, significa che il modello tradizionale di famiglia è stato considerato come un'unità di analisi.

Crollo della famiglia o famiglia disfunzionale?

La modifica o la separazione familiare non è necessariamente negativa; cioè, in molti casi è un accordo o una situazione che garantisce il benessere fisico o psicologico dei membri.

In altre parole, il riarrangiamento o l'interruzione di un'organizzazione familiare precedentemente stabilita può essere la soluzione a situazioni conflittuali causate all'interno della famiglia e come tale, può avere effetti positivi sui suoi membri. A seconda di come sono le dinamiche familiari, può accadere che la loro disintegrazione abbia effetti più positivi della loro manutenzione.


Tuttavia, il concetto di "disintegrazione familiare" di solito si riferisce specificamente al processo conflittuale di separazione o modifica, che, come tale, genera effetti negativi per una o tutte le parti coinvolte.

Diversità nei modelli familiari

Come forma di organizzazione e gruppo sociale, l'organizzazione e le dinamiche particolari della famiglia risponde a una serie di norme e valori che sono caratteristici di una società e un momento storico specifico.

Tradizionalmente era considerato disfunzionale o disintegrato qualsiasi parente che non seguisse il modello tradizionale. Attualmente, il precedente coesiste con il riconoscimento di famiglie monoparentali e famiglie strutturate dalla diversità delle identità sessuali (Bárcenas-Barajas, 2010), che tra l'altro consente di riorganizzare l'organizzazione sociale della famiglia a livello strutturale. .

Studi sui suoi effetti psicologici

Gli effetti negativi della disintegrazione familiare sui bambini sono stati studiati. In generale, la ricerca ha rivelato che la disintegrazione della famiglia rende difficile soddisfare i bisogni che una famiglia dovrebbe soddisfare .

A medio e lungo termine, ea livello psicologico, questi studi hanno proposto, ad esempio, che la disintegrazione familiare ha l'effetto di bassa autostima, sentimenti e comportamenti di impotenza, nonché difficoltà nell'istituzione di legami affettivi sessuali (Portillo e Torres, 2007 ; Herrera, 1997). Allo stesso modo, il comportamento sociale e il suo rapporto con la disintegrazione familiare, ad esempio, sono stati studiati. nell'aumentare il comportamento violento o il ritiro eccessivo .

Nel breve periodo e nella prima infanzia, si è visto che la disintegrazione familiare (quando presentata come un evento imprevisto e un cambiamento significativo nella struttura quotidiana) può causare confusione, angoscia, colpa, rabbia o comportamento autodistruttivo .

In ogni caso è importante tener conto del fatto che, sebbene gli studi abbiano trovato relazioni tra variabili (ad esempio tra un basso punteggio di autostima e un'esperienza di disintegrazione familiare nell'infanzia), ciò non implica necessariamente una causalità: bassa autostima può essere causato da molte altre variabili.

In effetti, studi recenti contraddicono le ipotesi tradizionali e lo suggeriscono non in tutti i casi è dimostrato il rapporto tra disintegrazione familiare e bassa autostima (Portillo e Torres, 2007). Quest'ultimo ci porta a considerare che non tutte le persone reagiscono allo stesso modo, così come non tutte le famiglie e non tutti gli adulti gestiscono un processo di disintegrazione in modo uguale o con le stesse risorse.

4 cause

Le cause che sono state studiate e stabilite tradizionalmente come fattori determinanti nella disintegrazione familiare sono le seguenti:

1. Abbandono

Comprendiamo "l'abbandono" impotenza, negligenza, rassegnazione o ritiro . È una situazione che è stata proposta come una delle principali cause della disintegrazione familiare. A sua volta, questa negligenza, rassegnazione o ritiro possono essere causati da cause diverse.

Ad esempio, l'assenza di assistenza o uno dei caregiver primari è in molti casi una conseguenza delle condizioni socioeconomiche che non consentono di soddisfare contemporaneamente le richieste domestiche e di approvvigionamento. In altri casi, ciò potrebbe essere dovuto alla distribuzione ineguale o al riassemblamento delle responsabilità di cura o di fornitura all'interno della famiglia.

2. Divorzio

In questo contesto, il divorzio è lo scioglimento legale di un matrimonio. In quanto tale, implica cambiamenti significativi nelle dinamiche familiari che sostengono una coppia, con e senza figli . A sua volta, il divorzio può avere molte cause. Ad esempio, violazione del contratto di fedeltà del matrimonio, violenza domestica e intrafamiliare, frequenti disaccordi tra le persone coinvolte, tra gli altri.

3. La morte

La morte di uno dei membri della famiglia è un'altra delle principali cause della disintegrazione familiare. In questo caso, la morte di uno dei genitori o di chi si prende cura di loro non provoca necessariamente un riarrangiamento nell'organizzazione della famiglia. Soprattutto se è uno dei bambini, si può sperimentare un processo di disintegrazione molto importante.

4. Migrazione

In molte occasioni la separazione o la disintegrazione di una famiglia è una conseguenza dei processi migratori che portano uno o entrambi i caregivers a spostarsi dalla città dell'insediamento a un'altra in cui possono aspirare a migliorare la qualità della loro vita. anche i processi di deportazione che si stanno verificando in molte società industrializzate Hanno generato lo stesso effetto.

Riferimenti bibliografici:

  • Bárcenas-Barajas, K. (2010). Diverse famiglie: dall'istituzione al movimento. Strutture e dinamiche nella riconfigurazione dell'ordine. Tesi di Master, Master in Comunicazione di Scienza e Cultura. Tlaquepaque, Jalisco: ITESO.
  • Portillo, C. e Torres, E. (2007). Effetti sulla crescita delle famiglie monoparentali: l'autostima.
  • Luengo, J. e Luzón, A. (2001). Il processo di trasformazione della famiglia tradizionale e le sue implicazioni educative. Ricerca alla scuola, 44: 55-68.
  • Ortiz, M., Louro, I., Jiménez, L. et al (1999). Salute familiare: caratterizzazione in un'area sanitaria. Giornale cubano di medicina generale completa. 15 (3): 303-309.
  • Herrera, P. M. (1997). La famiglia funzionale e disfunzionale, un indicatore di salute. Cuban Journal of Comprehensive General Medicine, 13 (6). Recuperato il 30 luglio 2018. Disponibile in //scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0864-21251997000600013
  • Sampson, R. (1987). Urban Black Violence: l'effetto della disoccupazione maschile e della disgregazione della famiglia. American Journal of Sociology. 93 (2): 348-382.
  • McLanahan, S. & Bumpas, L. (1988). Conseguenze intergenerazionali della disgregazione della famiglia. American Journal of Sociology. 130-152.

Benedetto Farina/Antonino Carcione - Due casi clinici, due approcci terapeutici, Seconda Parte (Gennaio 2021).


Articoli Correlati