yes, therapy helps!
La teoria della razionalità limitata di Herbert Simon

La teoria della razionalità limitata di Herbert Simon

Settembre 25, 2020

La cognizione umana è limitata e imperfetta: anche se siamo riusciti a ottenere tutte le informazioni disponibili su un problema che dobbiamo risolvere, i nostri errori di ragionamento ci impedirebbero di prendere la decisione ottimale.

Questa è la proposta principale del teoria della razionalità limitata proposta da Herbert Simon . Il suo modello ha avuto importanti applicazioni nell'economia e nella psicologia delle organizzazioni e in gran parte si applica ancora oggi.

  • Articolo correlato: "Siamo esseri razionali o emotivi?"

Herbert A. Simon, l'autore

Herbert Alexander Simon è nato in Pennsylvania nel 1916. Ha svolto i suoi studi in scienze sociali e matematica presso l'Università di Chicago; nel 1943 ha conseguito il dottorato in scienze politiche.


Più tardi, Simon Era un professore di psicologia, scienze politiche e informatica all'Università di Berkeley e alla Carnegie Mellon, dove ha lavorato fino alla sua morte, nel 2001.

Ha intitolato "Administrative Behavior" al suo primo libro, apparso nel 1947 e diventato la sua opera più famosa. Fu in questo lavoro che propose per la prima volta la teoria della razionalità limitata.

Il tuo modello di comportamento umano ha avuto un'influenza fondamentale nelle scienze sociali in generale e nell'economia in particolare. Le idee di Simon sono state applicate con particolare frequenza nel campo delle organizzazioni.


Il modello della razionalità limitata

La teoria della razionalità limitata di Herbert Simon suggerisce che le persone prendiamo decisioni in modo parzialmente irrazionale a causa delle nostre limitazioni cognitive, informative e temporali.

Questo modello è emerso come una reazione alle teorie della razionalità, molto popolari nelle scienze politiche ed economiche, che propongono che gli esseri umani siano esseri razionali che decidono quale sia la soluzione ottimale per ogni problema utilizzando tutte le informazioni disponibili.

Tuttavia, secondo Simon e gli autori che gli sono succeduti, è molto difficile prendere decisioni completamente razionali perché le nostre risorse per elaborare le informazioni sono limitate, specialmente quando i problemi sono complessi, come spesso accade nella vita di tutti i giorni. Di fronte all'idea classica di "uomo economico" Simon ha promosso quello dell '"uomo amministrativo", incapace di cogliere la complessità del mondo e l'interrelazione tra i suoi elementi.


Il modello di razionalità limitata afferma che le persone usano l'euristica quando si tratta di trovare soluzioni. Le euristiche sono definite come regole generali e semplici ciò che usiamo per risolvere i problemi; sebbene possano essere utili in molti casi, in altri producono pregiudizi cognitivi, cioè deviazioni sistematiche nel ragionamento.

La disponibilità euristica, ad esempio, si riferisce al fatto che le persone tendono ad avere informazioni più frequenti e frequenti in mente perché possiamo accedervi più facilmente. Quindi, se recentemente abbiamo avuto un incidente stradale, è più probabile che sopravvalutiamo la probabilità di subirne un altro.

  • Articolo correlato: "" euristico ": le scorciatoie mentali del pensiero umano"

Il processo decisionale

Secondo Simon, il processo decisionale razionale consiste nel risolvere i problemi scegliendo l'alternativa più appropriata tra quelle disponibili. La decisione sarà più corretta, più è probabile che si ottenga l'effetto desiderato e più efficiente sarà.

Questo autore diviso il processo decisionale razionale in tre fasi . Primo, vengono identificate tutte le possibili alternative; quindi verranno analizzati i risultati che si otterrebbero con ciascuno di essi. Infine, viene scelta la soluzione più appropriata, confrontando l'efficacia e l'efficienza di ciascuna delle opzioni disponibili.

Tuttavia, non saremo mai in grado di applicare questa procedura in modo ottimale perché è impossibile determinare tutte le possibili soluzioni a un problema, nonché prevedere adeguatamente le sue conseguenze.

Nelle sue opere, Simon ha detto che nel comportamento amministrativo e nell'ambiente organizzativo È consigliabile dare la priorità all'efficienza rispetto all'adeguatezza quando si adottano le soluzioni. D'altra parte, nelle decisioni private questo non è così importante in quanto non influenzano il funzionamento e le prestazioni di un'organizzazione nel suo complesso.

Sviluppi di questa teoria

Il modello di Herbert Simon è stato modificato ed esteso da diversi economisti, psicologi e informatici. Successivamente menzioneremo gli sviluppi e le più importanti applicazioni della teoria della razionalità limitata .

1. Ariel Rubinstein

Questo economista e matematico israeliano ha sollevato la necessità di determinare quali sono le procedure decisionali più appropriate nel suo libro "Modeling Bounded Rationality" (1998). Lo scopo del loro contributo al modello di razionalità limitata è che i principi da esso forniti possono essere applicati in diverse aree.

2. Edward Tsang

Tsang, laureato in economia aziendale e dottorato in informatica, lo dice gli organismi o agenti che usano euristiche migliori e gli algoritmi prendono decisioni più razionali.

Per Tsang, questi aspetti sono equivalenti all'intelligenza computazionale, un concetto usato per riferirsi alla capacità di apprendimento dei computer dai dati ottenuti attraverso l'osservazione e la sperimentazione.

3. Huw Dixon

L'economista britannico Huw Dixon ha proposto una formula generale per il processo decisionale basata sul modello di Simon. Secondo Dixon, supponendo che le persone optino per soluzioni vicine all'ottimo non richiede un'analisi approfondita del processo decisionale nel quadro di una razionalità limitata.

4. Gerd Gigerenzer

Gigerenzer è uno psicologo tedesco interessato al processo decisionale, in particolare nella razionalità limitata e nell'euristica. Secondo questo autore, l'euristica è in molti casi più efficace delle procedure decisionali ottimali , dal momento che non sono così irrazionali come altri teorici sollevano e permettono di risolvere i problemi in modo molto efficiente.

5. Daniel Kahneman

L'israeliano Kahneman è un famoso psicologo per averlo ottenuto un premio Nobel in economia . I suoi contributi più importanti hanno a che fare con la descrizione dell'euristica e dei pregiudizi cognitivi, condotta in collaborazione con Amos Tversky.

Kahneman crede che il modello di razionalità limitata possa essere molto utile per superare i limiti delle teorie economiche sul processo decisionale razionale.


Razionalità Limitata - Intro (Settembre 2020).


Articoli Correlati