yes, therapy helps!
I 5 assassini criminali più noti in Spagna

I 5 assassini criminali più noti in Spagna

Giugno 11, 2024

Se c'è un atto moralmente riprovevole nella nostra società, questo è prendere la vita di un'altra persona. Le ragioni per cui alcune persone sono in grado di commettere un atto di questa portata non sono studiate solo dalla Psicologia Forense, ma da più scienze sociali.

Comunque sia, ci sono stati casi assolutamente drammatici in cui una singola persona è stata l'artefice di brutali omicidi che hanno scioccato un intero paese .

Criminali criminali crudeli

In questo articolo esamineremo i più pericolosi assassini criminali degli ultimi decenni in Spagna . Per una ragione o per l'altra, le loro azioni sono trascese nei media e hanno suscitato l'interesse di più esperti in Psicologia Criminale.


1. Manuel Delgado Villegas, "El Arropiero"

È possibile che Manuel Delgado Villegas - noto come "El Arropiero" - fosse il più grande assassino della storia della Spagna. Il suo soprannome, Arropiero, deriva dal fatto che suo padre si è dedicato alla vendita di arrope e che lo ha aiutato.

Quest'uomo ha confessato l'omicidio di 47 persone, commesse tra il 1964 e il 1971, tra le vittime c'era il suo compagno. Secondo gli investigatori del caso, con alcune delle sue vittime ha praticato la necrofilia.

Il suo modus operandi era un micidiale colpo di karate sulla parte anteriore del collo, proprio all'altezza del dado, che imparò nella Legione . Altre volte usava oggetti contundenti, come mattoni o coltelli. Alcune delle sue vittime sono morte strangolate. Si è persino detto che la scelta delle sue vittime era totalmente casuale e indiscriminata, senza alcuna pianificazione.


Sembra che non abbia mostrato rimorso per le sue azioni; gli investigatori del caso lo chiamavano egocentrico e megalomane, con una totale mancanza di empatia nei confronti delle sue vittime. L'Arropiero ha il record dell'arresto preventivo senza protezione legale in Spagna, diventando pre-legale senza un avvocato per 6 anni e mezzo.

A causa della sofferenza di una presunta malattia mentale, non fu mai processato e la sua ammissione fu ordinata in un ospedale psichiatrico penitenziario.

L'Arropiero è morto nel 1998 , pochi mesi dopo essere stato rilasciato.

2. Andrés Rabadán, "L'assassino della balestra"

Andrés Rabadán (Premià de Mar, 1972) ha ucciso suo padre con una balestra medievale che aveva comprato per Reyes . Dopo l'omicidio, si è consegnato alla polizia e ha ammesso di essere l'autore di tre deragliamenti di treni di pendolari, che ha effettuato un mese prima di uccidere suo padre. È stato un sabotaggio che non ha causato ferite, ma molta paura. Potrebbe essere stato letale per centinaia di persone.


Ha assassinato suo padre, apparentemente, da una discussione sulla temperatura di un bicchiere di latte. Lo ha ucciso con tre colpi di frecce. Rabadán dichiarò che amava suo padre e che lo uccise senza sapere cosa stava facendo, guidato dalle voci che sentiva. Essendo consapevole di quello che aveva appena fatto, sparò altre due frecce per porre fine alla sofferenza di suo padre.

Sembra che l'infanzia di Andrés Rabadán non sia stata facile, dal momento che ha dovuto affrontare il suicidio di sua madre e il fatto di passare molto tempo da solo con suo padre, senza i suoi fratelli o amici.

Durante i test di esperti per il processo è stata diagnosticata la schizofrenia paranoide. Per ordine giudiziario, è stato ricoverato in un centro penitenziario psichiatrico per 20 anni di internamento. Secondo gli esperti forensi, questa malattia mentale non era abbastanza per non essere consapevole delle sue azioni mentre stava manipolando i binari del treno, ma durante la commissione parricida.

Ci sono ancora molte speculazioni oggi sul fatto che Andrés Rabadán rappresenti un pericolo per la società o se sia socialmente riabilitato: alcuni professionisti affermano di aver simulato una malattia mentale per essere immune dalla condanna del parricida, e altri affermano che è uno psicopatico narcisista che sapeva cosa stava facendo in ogni momento, e che attualmente la sua autostima è sostenuta dalle creazioni artistiche e letterarie che ha fatto dal carcere.

Nel 2012 ha soddisfatto il periodo massimo in cui è rimasto in carcere e gli sono consentite le partenze programmate e controllate.

3. Alfredo Galán, "L'assassino del mazzo"

Alfredo Galán Sotillo, noto come "l'assassino del mazzo", ha messo l'intera società spagnola in sospeso nel 2003. È uno dei serial killer più pericolosi che circolano in Spagna.

Apparteneva all'esercito spagnolo dal 2000 al 2004, quindi aveva abilità militari.Curiosamente, sembra che avesse la tendenza a soffrire di crisi d'ansia, cosa non molto comune nelle persone con un profilo psicopatico.

Ha ucciso le sue vittime con un'arma molto potente, una pistola jugoslava dei Tokarev, che ha portato con sé in Spagna dal suo passaggio militare attraverso la Bosnia. Ha iniziato a uccidere nel febbraio del 2003, e la sua prima vittima era un giovane di 28 anni. Accanto alle sue vittime lasciò una carta, l'asso di coppe, che divenne la sua "firma" e divenne noto come "l'assassino del mazzo".

Secondo un testimone che ha testimoniato al processo, l'assassino del mazzo ha sempre detto buongiorno alle sue vittime, e poi ha chiesto loro "per favore" di inginocchiarsi . Quindi ha proceduto con lo sparo. Lo ha fatto perché, secondo lui, "l'educazione è la prima cosa nella vita".

Nel 2003, Alfredo Galán irruppe in una stazione di polizia nazionale e confessò di essere l'asesino della baraja. Fu condannato a 140 anni di prigione per 6 omicidi e tre tentati omicidi, sebbene, seguendo le sentenze imposte dalla legge penale spagnola, avrebbe raggiunto solo 25 anni di pena.

La condanna condanna non ha riconosciuto l'esistenza di alcuna patologia psichiatrica nell'assassino del mazzo, quindi era pienamente consapevole delle sue azioni e le eseguiva con la pianificazione.

4. Javier Rosado, "Il crimine del ruolo"

Nel 1994, uno studente 22enne di chimica, Javier Rosado, e uno studente diciassettenne, Felix Martinez, uccisero Carlos Moreno pugnalandolo 20 volte, un addetto alle pulizie di 52 anni che tornò a casa in autobus di notte.

Javier Rosado ha inventato un macabro gioco di ruolo chiamato "Razas" e convinto il suo amico Felix a seguire le istruzioni che egli stesso ha ideato.

Il grosso errore commesso dall'induttore killer è stato quello di raccogliere tutto quello che è successo quella mattina in un diario personale, che la polizia ha sequestrato durante l'ispezione della sua casa. Rosado si proponeva di essere il primo dei due a uccidere una vittima, e doveva essere una donna: "Sarei io quello che uccide la prima vittima", "Era preferibile catturare una donna, giovane e bella (quest'ultima non era essenziale, ma molto sano), un vecchio o un ragazzo (...) "," se fossi stato una femmina sarei morto, ma a quel tempo avevamo ancora il limite di non poter uccidere più delle donne ".

Riconosceva apertamente che volevano uccidere senza conoscere la vittima in anticipo, come stabilito dalle regole impostate da lui: "la nostra migliore scommessa è che non sapevamo assolutamente nulla della vittima, o del luogo (almeno io) o avevamo alcun motivo è vero che gli faremo qualcosa (...) "; "Povero uomo, non meritava quello che gli è successo. È stato un disonore, dato che stavamo cercando adolescenti e non lavoratori poveri ".

Durante il processo si affermava che Javier Rosado aveva una mente fredda e calcolatrice, che mancava di rimorso ed empatia, e che si adattava al profilo di uno psicopatico che amava essere ammirato e obbedito. Il seguente estratto dal diario mostra la mancanza di empatia e disprezzo nei confronti della vittima, e anche una componente sadica nel suo modo di procedere: "Ho messo la mia mano destra per il collo in un compito di esplorazione che speravo finisse per provocare la morte . Quello che sta succedendo, quello zio era immortale, "(...) facendolo sanguinare come il maiale che era. Mi ha fatto incazzare molto ", quanto tempo ci vuole per un idiota a morire!", "Che schifoso zio!"


I media diedero presto ai giochi di ruolo sensazionali connotazioni negative che alimentarono le azioni criminali.

Javier Rosado è stato condannato a 42 anni di carcere e nel 2008 ha ottenuto la terza laurea. Durante la sua permanenza in carcere si può dire che ha approfittato del tempo, da quando si è laureato in Chimica, Matematica e Ingegneria Informatica.

5. Joan Vila Dilme, "La guardia di Olot"

Joan Vila Dilme, custode di una geriatria a Girona È stato condannato a 127 anni di carcere per l'omicidio di 11 anziani della residenza in cui ha lavorato tra il 2009 e il 2010. Ha avvelenato gli anziani con cocktail di barbiturici, insulina e prodotti caustici, facendoli morire.


All'inizio la guardia di Olot sosteneva che in quel modo stava "aiutando" le sue vittime a riposare e a smettere di soffrire, gli davano dolore e voleva dar loro "pienezza". Era convinto che stesse facendo del bene, dal momento che non poteva sopportare di vedere le condizioni in cui vivevano le sue vittime. Quando si rese conto di ciò che aveva fatto e del metodo che aveva usato (assunzione di sostanze abrasive, qualcosa di particolarmente crudele e doloroso per le vittime) si sentì molto in colpa.

Secondo lui, aveva assunto molti farmaci psicoattivi per anni perché gli era stato diagnosticato un disturbo ossessivo-compulsivo con episodi depressivi, e tendeva a bere alcolici contemporaneamente nei suoi turni di lavoro.

Più tardi, gli esperti psicologi e psichiatri che lo esaminarono sostenevano che con i suoi crimini egli cercava il potere e la soddisfazione che controllavano il passaggio dalla vita alla morte, come una specie di Dio, e che era consapevole delle sue azioni in tutto tempo. Una delle più potenti fonti di sofferenza e di ansietà per Joan Vila era che sentiva sempre una donna rinchiusa nel corpo di un uomo, e lo viveva in segreto fino a quando non commise gli 11 omicidi.


La condanna definitiva condanna ha dimostrato che negli 11 crimini Joan Vila aveva lo scopo di uccidere e che agiva senza che gli anziani potessero difendersi . Inoltre, sottolinea che in tre degli undici casi c'è stata crudeltà, perché ha inutilmente e deliberatamente aumentato la sofferenza delle vittime. Il custode di Olot non è stato considerato avere problemi psicologici che hanno influenzato le sue capacità cognitive e / o volitive, e attualmente sta scontando la pena in una prigione catalana.


LE 5 ORGANIZZAZIONI CRIMINALI PIÙ POTENTI DEL MONDO (Giugno 2024).


Articoli Correlati