yes, therapy helps!
Cosa succede nel tuo cervello quando ascolti la tua musica preferita?

Cosa succede nel tuo cervello quando ascolti la tua musica preferita?

Agosto 20, 2019

È più o meno facile prevedere quale genere di film piacerà a gran parte del pubblico, e non è complicato fare lo stesso con libri o videogiochi.

Tuttavia, con la musica sembra che questo non accada molto: tutti noi abbiamo in mente pezzi musicali che, sebbene non assomiglino a ciò che di solito preferiamo ascoltare, ci intrappolano. Ecco perché è curioso canzoni preferite , nella loro varietà e in qualunque modo essi siano, producono un effetto simile nel cervello dell'ascoltatore.

In effetti, la musica può definire, in un certo modo, come siamo e come pensiamo, come abbiamo visto negli articoli:

"Che musica ascoltano le persone intelligenti?" e ,,,


"Musica e personalità: quale legame hanno?"

Musica e memoria

Grazie ai sistemi di monitoraggio dell'attività cerebrale, al giorno d'oggi conosciamo un po 'di più su ciò che accade nel nostro sistema nervoso quando ascoltiamo le canzoni che ci piacciono. I risultati mostrano schemi di attivazione tipici e che si ripetono ogni volta che passi attraverso quell'esperienza.

Non importa il genere o praticamente la durata : la musica che troviamo piacevole ha effetti certi e relativamente prevedibili sui modelli di attività neuronale nel nostro corpo.

Cosa succede nel nostro cervello quando ascoltiamo la nostra musica preferita?

In particolare, si stabiliscono forti connessioni elettriche tra le aree uditive del cervello e l'ippocampo , una parte relativa alla memoria e all'emotività. Ciò significa che i processi neurali di cui è fan Turbonegro sono molto simili a quelli che si verificano nella testa di un dilettante Chopin quando entrambi stanno ascoltando quello che vogliono, non importa quanto siano diverse le vibrazioni che raggiungono i timpani.


La scoperta aiuterebbe anche a spiegare perché brani musicali completamente diversi possano innescare stati emotivi molto simili in persone diverse e il ruolo della musica nel ricordo dei ricordi. Inoltre, è un'ulteriore prova di come le memorie e le emozioni strettamente correlate siano collegate al momento del recupero.

Tuttavia, il punto fondamentale dello studio è che mostra come il nostro cervello sia in grado di capovolgere qualsiasi serie di stimoli sonori per risvegliare gli stati d'animo in qualche misura imprevedibili, legati al gusto musicale dell'ascoltatore. In questo senso, abbiamo anche visto che siamo in grado di rendere la musica qualcosa di piacevole identificandoci con ciò che ascoltiamo relazionandolo ai nostri ricordi e aiutandoci così a dare loro un significato soddisfacente o ad usarlo per meglio regolare le nostre emozioni .


Stimoli diversi, stesso risultato

Naturalmente, ogni momento ha il suo potenziale "musica ideale" e probabilmente non otterremmo gli stessi risultati se costringessimo qualcuno ad ascoltare il loro soggetto preferito più a lungo del desiderato, per esempio, o in un momento in cui non vogliono sentire nulla.

Vedi, per esempio, L'arancione meccanico. Tuttavia, nella maggior parte dei casi sembra esserci un paradosso che processi molto complessi e mutevoli (adattando il cervello per il godimento praticamente di qualsiasi brano musicale) si traducano in un modello stereotipato e prevedibile di attivazione. Lo è una prova della capacità del cervello di raggiungere gli stessi risultati da diverse situazioni di partenza e la memoria gioca un ruolo fondamentale in questo processo.

Al di là degli esperimenti di laboratorio, è chiaro che la sensazione di ascoltare musica di nostro gradimento è unica e in una certa misura indescrivibile. Tuttavia, se alziamo il cappuccio del nostro sistema nervoso e osserviamo ciò che accade in esso durante questa esperienza, ci renderemo conto che dopo tali sensazioni soggettive esiste una rete di neuroni che agiscono con senso.

Riferimenti bibliografici:

  • Kawakami, A., Furukawa, K., Katahira, K. e Okanoya, Kazuo. (2013). La musica triste induce emozioni piacevoli. Frontirs in Psychology, 4 (311).
  • Van den Tol, A.J.M., Edwards, J. (2014). Ascoltare musica triste in situazioni avverse: come le strategie di selezione musicale riguardano obiettivi di autoregolamentazione, effetti di ascolto e miglioramento dell'umore. Psicologia della musica.
  • Wilkins, R. W., Hodges, D.A., Laurienti, P.J., Steen, M. e Burdette, J.H. (2014). Scienza della rete e gli effetti della musica Preferenza sulla connettività funzionale del cervello: da Beethoven a Eminem. Rapporti scientifici, 4. doi: 10.1038 / srep06130

Apprendere con la musica può cambiarti la struttura del cervello (Agosto 2019).


Articoli Correlati