yes, therapy helps!
Meningi: anatomia, parti e funzioni nel cervello

Meningi: anatomia, parti e funzioni nel cervello

Luglio 12, 2020

A prescindere dagli allarmanti livelli di stile di vita sedentario osservati nella popolazione, di solito gli esseri umani si muovono continuamente.

Camminiamo, corriamo, balliamo, saltiamo, interagiamo con l'ambiente e con altri individui ... tutte queste azioni possono causare che in determinate circostanze gli organi che fanno parte del nostro organismo, compresi quelli del sistema nervoso, corrono il rischio di essere danneggiati .

Questo è il motivo per cui è necessaria la presenza di sistemi di protezione che mantengono tutto a posto e che bloccano l'arrivo di possibili lesioni. Fortunatamente, il nostro corpo ha diverse strutture che ci permettono di proteggere i nostri visceri, organi e strutture interne. Nel caso del sistema nervoso e del cervello, è protetto dal cranio e dalla colonna vertebrale, insieme ad altre strutture ed elementi come la barriera emato-encefalica o, nel caso in esame, una serie di membrane chiamate meningi .


Quali sono le meningi?

Immagina di essere su un tavolo operatorio e dobbiamo fare spazio a una parte del cervello del paziente. Dopo aver attraversato uno strato di pelle e muscoli, avremmo raggiunto il cranio, una struttura ossea che protegge il cervello. Tuttavia, se passiamo attraverso questa protezione dell'osso, non ci troviamo direttamente con il cervello ma troveremo una serie di membrane che circondano il sistema nervoso. Queste membrane sono chiamate meningi.

Le meningi sono un insieme di strati protettivi situato tra il sistema nervoso centrale e la sua protezione ossea , sia a livello del cervello che del midollo spinale. Nello specifico, è possibile trovare una serie di tre membrane posizionate una sotto l'altra, ricevendo da più esterni a più interni il nome di dura madre, aracnoide e pia madre . Attraverso di loro circolano diversi fluidi che contribuiscono a mantenere pulito e nutrito il cervello, essendo attraversati e irrigati da diversi vasi sanguigni,


Sebbene quando parliamo di meningi, pensiamo fondamentalmente alle membrane che coprono il cervello, è importante sottolineare che queste strutture coprono l'intero sistema nervoso centrale e non solo il cervello , proteggendo anche il midollo spinale.

I tre meningi

Come abbiamo indicato in precedenza, intendiamo come meningi un insieme di tre membrane che proteggono internamente il sistema nervoso.

Da più esterno a più interno, sono i seguenti.

1. Dura mater

Oltre ad essere la meninge più esterna, la dura è la più dura e la più condensata delle tre di cui abbiamo, ed è anche quello che è più vicino all'esterno. Attaccata in parte al cranio, questa membrana protegge il cervello e funge da supporto strutturale per l'intero sistema nervoso dividendo la cavità cranica in diverse cellule.


Nella dura sono la maggior parte dei grandi vasi sanguigni del cervello , poiché oltre a proteggerli, permette loro di avere uno spazio attraverso il quale distribuire se stessi e spostarsi da una posizione all'altra. Successivamente, questi vasi sanguigni saranno diversificati in diverse suddivisioni man mano che si approfondiscono nel cervello.

  • Per saperne di più su questo strato delle meningi, puoi visitare questo articolo: "Dura mater (cervello): anatomia e funzioni"

2. Aracnoidi

Situato in una zona intermedia tra dura madre e pia mater, l'aracnoide è una meninge che riceve il suo nome a causa della sua somiglianza morfologica con il tessuto di un ragno , cioè la sua configurazione a griglia. È la più delicata delle tre meningi, uno strato trasparente e non vascolarizzato attaccato alla dura madre.

È principalmente a causa di questa meninge e dello spazio tra l'aracnoide e la pia madre in cui circola il liquido cerebrospinale. Inoltre, è nell'aracnoide che si verifica la fine del ciclo vitale del liquido cerebrospinale, che viene restituito al flusso sanguigno attraverso i villi o strutture note come granuli aracnoidi a contatto con le grandi vene che attraversano la dura.

3. Piamadre

Le meninge più interne, flessibili e in maggior contatto con le strutture del sistema nervoso È la pia mater. In questo strato puoi trovare numerosi vasi sanguigni che irrigano le strutture del sistema nervoso.

È una membrana sottile che rimane bloccata e si infiltra nelle pieghe cerebrali e nelle circonvoluzioni. Nella parte della pia mater a contatto con i ventricoli cerebrali possiamo trovare i plessi coroidi, strutture in cui il liquido cerebrospinale che irriga il sistema nervoso viene sintetizzato e rilasciato.

Spazi tra le meningi

Sebbene i meningi si trovino uno dietro l'altro, la verità è che alcuni di loro possono essere trovati tra di loro spazi intermedi attraverso i quali scorre il liquido cerebrospinale . Ci sono due spazi intermedi, uno tra dura madre e aracnoide chiamato spazio subdurale e l'altro tra aracnoide e pia mater, il subaracnoide. Va anche detto che nel midollo spinale possiamo trovare un altro spazio, lo spazio epidurale. Questi spazi sono i seguenti.

1. Spazio subdurale

Situato tra la dura madre e l'aracnoide, lo spazio subdurale è una minima separazione tra queste meningi attraverso le quali circola il liquido interstiziale, che bagna e nutre le cellule delle diverse strutture.

2. Spazio subaracnoideo

Sotto l'aracnoide stesso e contattando aracnoide e pia madre possiamo trovare lo spazio subaracnoideo attraverso il quale scorre il liquido cerebrospinale. In alcune aree dello spazio subaracnoideo si allarga la separazione tra aracnoide e pia mater, formando grandi cisterne cerebrali da cui il liquido cerebrospinale è distribuito al resto del cervello.

3. Spazio epidurale

Mentre nel cervello lo strato più esterno della dura è attaccato al cranio, all'interno della colonna vertebrale non accade lo stesso: nel midollo spinale c'è una piccola separazione tra l'osso e il midollo osseo. Questa separazione è ciò che viene chiamato spazio epidurale, in esso si trovano tessuto connettivo e lipidi che proteggono il midollo mentre ci spostiamo o cambiamo posizione.

È in questa posizione che viene iniettata l'anestesia epidurale nelle donne che sono in procinto di partorire, bloccando la trasmissione degli impulsi nervosi tra il midollo allungato e la parte inferiore del corpo.

Funzioni delle meningi

L'esistenza delle meningi è un grande vantaggio per l'essere umano quando si tratta di mantenere il funzionamento del sistema nervoso. Questo perché queste membrane eseguire una serie di funzioni che consentono l'adattamento , che può essere riassunto nel seguito.

1. Proteggono il sistema nervoso da lesioni fisiche e altri danni

Il sistema meningeale nel suo insieme presuppone un elemento barriera e smorzante che impedisce o impedisce che colpi, traumi o lesioni causino danni gravi o irreparabili al sistema nervoso centrale, stiamo parlando del cranio o del midollo spinale.

Fungono anche da filtro che impedisce agli agenti chimici dannosi di entrare nel sistema nervoso. Vale a dire, che i meningi offrono una protezione che consiste in una barriera fisica e chimica allo stesso tempo.

2. Permette al cervello di rimanere sano e stabile

Le meningi partecipano alla genesi e consentono la circolazione del liquido cerebrospinale, un elemento chiave quando si tratta di eliminare gli scarti generati dalla funzione cerebrale continua e mantenere la pressione intracranica .

Anche altri liquidi, come l'interstiziale, circolano attraverso questo sistema, consentendo il mezzo acquoso in cui il sistema nervoso è stabile. Inoltre, i vasi sanguigni che alimentano il cervello passano attraverso le meningi, anch'io mi sento protetto da loro. In conclusione, le meningi agiscono facilitando la sopravvivenza e la nutrizione del sistema nervoso .

3. Mantiene il sistema nervoso in posizione

La presenza delle meningi impedisce al sistema nervoso di muoversi troppo, fissando le strutture che ne fanno parte a una situazione più o meno stabile e causando il mantenimento di una struttura interna fissa , come succede nella cavità intracranica e la sua divisione in cellule. Questo è importante, perché la consistenza della maggior parte delle parti del sistema nervoso è quasi gelatinosa e quindi non deve rimanere al suo posto.

In breve, le meningi fungono da cintura e danno forma e unità all'insieme di questa parte del sistema nervoso, che consente il normale funzionamento.

4. Informare l'agenzia di possibili problemi

Sebbene la percezione degli stimoli e degli stati interni dell'organismo avvenga grazie all'azione del sistema nervoso, il sistema nervoso centrale stesso non ha recettori che riportano problemi interni, come i nocicettori. Fortunatamente, questo non è il caso delle meningi, che fanno Hanno recettori di tensione, espansione, pressione e dolore e da consigiente informa su cosa succede in quella parte dell'ambiente interno.

Quindi, è grazie a loro che è possibile catturare l'esistenza di problemi neurologici (indipendentemente dal fatto che questi problemi causino altri problemi percettivi o comportamentali), essendo il mal di testa il prodotto di alterazioni in queste membrane.

Riferimenti bibliografici:

  • Kandel, E.R .; Schwartz, J.H; Jessell, T.M. (2001). Principi di neuroscienza. Madrid: McGraw Hill.
  • Kumar, V. (2015). Meccanismi patologici della malattia di Robbins e Cotran. Filadelfia: Elsevier Saunders.
  • Martínez, F; Domani, G.; Panuncio, A. e Laza, S. (2008). Rassegna anatomo-clinica delle meningi e degli spazi intracranici con particolare riferimento all'ematoma subdurale cronico. Revista Mexicana de Neurociencia: 9 (1): 17-60.
  • Tortora, J.G. (2002). Principi di anatomia e fisiologia. 9 °. edizione. Messico D.F .; Ed. Oxford, pp. 418-420.

Come è fatto il cervello. Elementi di anatomia del Sistema Nervoso Centrale. (Luglio 2020).


Articoli Correlati