yes, therapy helps!
Macrofilia: sintomi, cause e trattamento

Macrofilia: sintomi, cause e trattamento

Luglio 12, 2020

L'essere umano ha immaginato nel corso della storia una grande diversità di creature fantastiche, in genere con lo scopo di cercare di spiegare attraverso narrazioni diverse aspetti non chiari o inesplicabili della realtà. Queste creature fanno parte della mitologia di culture diverse e spesso possiedono poteri che superano di gran lunga noi. Centauri, furie, sirene, fate ... e giganti.

Queste ultime creature sono spesso sinonimo di potere e forza, spesso circondate da un alone di voracità, bestialità e orrore. Ma per alcune persone, i giganti e i comportamenti a loro attribuiti sono anche una fonte di fascino e persino di gratificazione sessuale. Stiamo parlando di persone che soffrono la parafilia conosciuta come macrofilia o gigafilia di cui parleremo in seguito.


  • Articolo correlato: "Filias y parafilias: definizione, tipi e caratteristiche"

Macrofilia: l'attrazione per i giganti

Riceve il nome di macrofilia l'attrazione sessuale da parte dei giganti (indipendentemente dal suo sesso) o da l'idea di essere divorati o schiacciati da loro . Siamo di fronte a un tipo di attrazione sessuale legata a esseri fantastici inesistenti nella vita reale, qualcosa che rende questa preferenza sessuale limitata alla fantasia e all'onanismo.

È necessario tenere presente che avere occasionali fantasie di questo tipo può essere, anche se relativamente raro (anche se i siti web di pornografia mostrano che i contenuti di questo tipo godono di una certa popolarità) non patologici, potendo servire come feticcio senza ulteriori indugi.


Tuttavia, diventa un problema di tipo parafilico quando la fissazione sessuale da parte dei giganti diventa l'unico stimolo capace di generare eccitazione sessuale, o genera disagio o diventa un elemento che limita la vita della persona (per esempio, non essere in grado di godere di relazioni o di occupare una percentuale elevata del loro modo di pensare e di comportarsi giorno per giorno) per un periodo di almeno sei mesi.

Ci sono diverse preferenze in relazione a questo tipo di parafilia, una delle più comuni è la fantasia che una donna o un uomo di dimensioni normali inizia a crescere rompendo i suoi vestiti, la stanza e / o l'edificio in cui si trova. Un'altra delle fantasie più comuni deve fare, come abbiamo detto prima, con schiacciamento o con l'idea di essere divorati: l'idea che il gigante in questione proceda a distruggere l'ambiente e schiacciare o mangiare persone diventa sessualmente suggestivo per questi soggetti.


Ed è che il tipo di interazione tra gigante e umano in queste fantasie può essere molto vario, dal mantenimento del sesso con la penetrazione (essere quello di essere un membro di un gigante maschile o penetrare nella vagina / ano di una gigantessa ), il contatto orale o essere leccato, masticato o inghiottito da uno di questi esseri (senza bisogno di contatto sessuale), masturbarsi a contatto con qualsiasi parte del suo corpo di uno di questi esseri, essere inondato dall'effluvio di questi esseri, essere schiacciati o manipolati come un giocattolo ...

Anche la fantasia può essere correlato all'argomento in questione ridotto a una dimensione minuscola mentre il suo oggetto del desiderio mantiene le sue misure abituali, essendo in realtà ciò che è importante è la percezione delle differenze in termini di dimensioni o potere.

Generalmente coloro che hanno questo tipo di parafilia sono di solito uomini eterosessuali (il cui oggetto del desiderio sono donne giganti), ma ci sono anche donne eterosessuali e uomini omosessuali macrofili la cui attrazione è data ai giganti, così come le donne omosessuali i cui oggetti del desiderio sono anche gigantesse. In effetti, macrofilia trascende l'orientamento sessuale stesso , essere capaci di soggetti eterosessuali o omosessuali di provare attrazione da parte di entità del sesso opposto a quella della sua preferenza per il fatto di essere giganti.


Praticamente limitato alla fantasia

La macrofilia è una parafilia molto particolare, poiché l'oggetto del desiderio delle persone che sentono questa attrazione sessuale è inesistente nella realtà. In questo modo, una persona con macrofilia non ha la possibilità di mettere in pratica le proprie fantasie sessuali, limitato a fantasticare con un'interazione con questi esseri e / o pratiche masturbatorie.

Come regola generale, questo fatto è conosciuto dalle persone macropilliche, non essendo il prodotto di alcun tipo di perdita del senso della realtà. Ciò non implica, tuttavia, che in alcuni casi possa esserci una perdita di contatto con la realtà derivata dal consumo di sostanze o da un disturbo neurologico o psichiatrico, ma sarebbe una coincidenza e non qualcosa che definisca la macrofilia stessa.


Cinema, Internet e nuove tecnologie hanno anche permesso alle persone con questa preferenza sessuale di trovare materiale altamente eccitante per loro.Ci sono persino video e fotografie in cui giochi con la prospettiva, effetti ottici o programmi per modificare l'immagine per far sembrare gli attori o le attrici ancora più grandi di un edificio o in cui i giocattoli vengono usati come piccoli soldati portare a rappresentare scene di schiacciamento o distruzione.

Tuttavia, la verità è che alcune persone tendono a cercare partner sessuali il più vicino possibile ai loro oggetti del desiderio, Nello specifico, le persone con una statura e un'apertura alare superiori alla media o piuttosto superiore al soggetto stesso. In questo modo, una persona con questa inclinazione sessuale potrebbe cercare una donna alta più di due metri (che sono chiamate amazzoni), o uomini con un gigantismo per avvicinarsi il più possibile alla loro fantasia erotica.


  • Potresti essere interessato: "disturbo di personalità masochista: sintomi, cause e trattamento"

cause

Come con altre parafilie, il meccanismo attraverso il quale si manifesta questo tipo di inclinazione erotica non è noto esattamente. Tuttavia, ci sono diverse teorie su di esso ed è anche considerato che potrebbe avere molto a che fare con altre preferenze sessuali come quelle che collegano i poli del piacere-dolore.

In questo senso, l'idea di base della macrofilia Ha molto a che fare con il sadomasochismo e i giochi di sottomissione della dominazione: un gigante è una forza della natura davanti alla quale è insignificante, una potenza grezza capace di distruggerci e davanti alla quale è possibile solo presentare o essere distrutti.

Quindi, una possibile spiegazione di questo tipo di parafilia è legata alla necessità o al desiderio di essere sottoposti e / o di perdere tutto il controllo della situazione. Questa spiegazione sembra essere correlata al fatto che molte delle persone che fantasticano su questo tipo di oggetto del desiderio sono persone potenti, responsabili di grandi corporazioni, dominanti e competitive che potrebbero desiderare di invertire il loro ruolo abituale. Oltre a ciò possono esserci in alcuni casi collegamenti con parafilie pericolose o addirittura criminali come la vorarefilia (l'eccitazione sessuale derivata dalla fantasia o la pratica di atti di cannibalismo).

Altri tipi di teorie potrebbero essere collegati all'esistenza di traumi infantili derivato da abusi sessuali durante l'infanzia, o dalla presenza di genitori sadici, restrittivi e aggressivi. In questo caso il soggetto potrebbe finire per normalizzare e associare al sesso questi comportamenti da persone che lo superano in forza e dimensioni, e in alcuni casi può sviluppare fantasie sessuali con esseri capaci di distruggerli una volta nell'età adulta.

Infine, altri autori ritengono che nel caso delle preferenze sessuali delle donne giganti (che siano fantasie di uomini o donne) potrebbe esserci un desiderio sessuale dietro alle donne potenziate, capaci di dominare, schiacciare e superare i tradizionali ruoli di genere che hanno visto il sesso femminile come inferiore e debole.

Trattamento di parafilia

Macrofilia, quando non stiamo parlando di una fantasia sporadica ma di una parafilia che genera disagio o disfunzione nella vita di coloro che hanno questo tipo di fantasia erotica (o delle persone con cui mantengono relazioni), può richiedere un intervento psicologico e psichiatrico .

Al momento dell'intervento, è importante valutare prima il tipo di fantasie che il soggetto ha e il significato dato a loro, ciò che è eccitante in loro e da dove viene il soggetto. Può anche essere valutata l'esistenza di possibili esperienze traumatiche o avversive nella vita del soggetto che lo hanno fatto sentire incapace o impotente, o che sono state una grande inibizione della propria psiche e la necessità di un eccessivo controllo della situazione.

Sulla base di questo, elementi come la ristrutturazione cognitiva potrebbero essere specificati al fine di modificare possibili convinzioni disfunzionali come la necessità di controllare tutto o l'idea di essere inutile o il bisogno di essere calpestato / distrutto / manipolato per mantenere il contatto umano.

Anche la formazione alla gestione delle emozioni potrebbe essere positiva per quelle persone che soffrono di un qualche tipo di problema di autogestione, così come lavorano per l'autostima. Se c'è un evento traumatico, dovrebbe essere trattato in un modo specifico secondo ciascun caso. Inoltre, dovrebbero essere affrontate le possibili difficoltà o limitazioni che questo tipo di attrazione sessuale può avere nella vita quotidiana.

Oltre a ciò, aspetti come la ricerca dello sviluppo di legami positivi con stimoli non parafilici possono essere lavorati con tecniche come il ricondizionamento masturbatorio, così come la deserotizzazione dello stimolo parafilico.

Certo, dovrebbe essere notato solo nei casi in cui queste fantasie suppongono una grande limitazione funzionale o disagio nel soggetto stesso parleremmo di una parafilia che potrebbe richiedere un trattamento, essendo la pura fantasia occasionale e non esclusiva una preferenza sessuale che non deve essere considerata patologica.

Riferimenti bibliografici:

  • Bowen, J. (1999). Urge: un feticcio gigante. Salon [Online]. Disponibile all'indirizzo: //www.salon.com/1999/05/22/macrophilia/.
  • Gates, K. (2000).Deviant Desires: Incredibly Strange Sex. New York: RE / Cerca pubblicazioni.
  • Griffiths, M.D. (2015). Big Love: una guida per principianti alla macrofilia. Psicologia oggi [Online]. Disponibile su: //www.psychologytoday.com/us/blog/in-excess/201504/big-love

Macrofilia (Luglio 2020).


Articoli Correlati