yes, therapy helps!
Ragionamento emotivo: quando le emozioni fanno pensare la nuvola

Ragionamento emotivo: quando le emozioni fanno pensare la nuvola

Agosto 10, 2020

Di giorno in giorno, le emozioni fanno parte del nostro repertorio comportamentale, guidaci nella nostra ricerca permanente di soddisfazione e benessere e ci aiutano a evitare il danno e il disagio che possono minacciare la nostra salute fisica e psicologica.

Tuttavia, tali importanti benefici portano alcuni effetti collaterali . Ci sono momenti in cui le emozioni ci giocano un trucco, anche quando abbiamo la piena salute mentale.

Un tipico esempio di quest'ultimo è ciò che nel campo della psicologia è noto come ragionamento emotivo.

Cos'è il ragionamento emotivo?

Fare un ragionamento emotivo implica, come suggerisce il nome, una ragione basata su come ci si sente .


Immagina di aver fallito in un test di matematica o che siamo stati licenziati dal lavoro. In tali circostanze, è probabile che "sentiamo" di aver fallito, quindi se questo è ciò che "sentiamo", allora deve essere perché siamo "veramente" infruttuosi. Quando cadiamo nella trappola del ragionamento emotivo, arriviamo a conclusioni apparentemente vere ma senza seguire una sequenza di ragionamento logico, ma prestando attenzione solo a come mi sento.

poi, un'eccessiva generalizzazione viene fatta da un evento aneddotico o molto puntuale . Ciò che è andato storto in un test di matematica non indica necessariamente che abbiamo fallito nella vita. E questo è qualcosa che dobbiamo sostenere in modo permanente; estrapoliamo conclusioni affrettate e, in generale, dichiarazioni taglienti, senza che vi sia alcuna prova valida e obiettiva che le giustifichi.


Nello stesso senso, se ci sentiamo soli, possiamo arrivare a pensare che lo meritiamo, che non siamo degni di essere amati, o che abbiamo un difetto che allontana le persone. Da lì, per credere che saremo lasciati soli per tutta la vita, c'è un passo.

Il ragionamento emotivo si focalizzava all'esterno

Il ragionamento emotivo ha un'altra parte focalizzata all'esterno. Tendiamo anche a giudicare i comportamenti o gli stati emotivi degli altri in base a come ci sentiamo in quel momento.

Se siamo arrabbiati perché un superiore ci nega un aumento, è molto più probabile che attribuiamo malizia al vicino di casa che ascolta il rock a tutto volume o che prendiamo come un infortunio personale le manovre imprudenti del guidatore dell'auto davanti alla macchina. nostro sull'autostrada.

Quando ci sentiamo arrabbiati, vediamo la rabbia negli altri, e non siamo in grado di realizzare che siamo davvero quelli che sono arrabbiati e proiettano le nostre emozioni sugli altri.


Le emozioni sono utili

Tutto ciò non dovrebbe indurci a pensare che le emozioni stesse siano dannose per noi. Mi piace pensare alla serie di emozioni umane come a un sistema primitivo di comunicazione intra e interpersonale . Questo può sembrare eccessivamente sofisticato, ma in realtà è abbastanza semplice.

Andiamo a pezzi, vediamo parola per parola.

Dico sistema primitivo perché le emozioni, così come le conosciamo, nel quadro dell'evoluzione della specie umana, sono molto prima della lingua . Quando eravamo poco più che i primati che vivevano sulle cime degli alberi saltando da un ramo all'altro e completamente incapaci di articolare qualsiasi suono simile a quello che conosciamo oggi come parola umana, avevamo già la possibilità, tuttavia, di esprimere una vasta gamma di emozioni.

Il "sistema di comunicazione emozionale"

E questo ci porta al secondo concetto: sistema di comunicazione. Quando qualcuno ci sorride e i loro volti si illuminano quando ci vedono, ci stanno dicendo, prima che esprimano qualche parola, che la nostra presenza esulta. O ci ama in qualche modo, o non dobbiamo temerlo, dal momento che non mantiene intenzioni ostili nei nostri confronti. Queste interpretazioni sono valide, ovviamente, a seconda del contesto.

Se, all'estremo opposto, qualcuno ci fissa, arriccia il naso sollevando il labbro superiore e rivelando i denti, ci sta facendo sapere, senza esprimerlo verbalmente, che ci disprezza, ci detesta, o per qualche ragione si sente abbastanza motivato da ferirci In realtà, i nostri compagni di evoluzione, le scimmie, mostrano le loro zanne come una forma di minaccia per gli altri. Affrontare l'arsenale di attacco è spesso un elemento intimidatorio efficace o un modo per dissuadere l'altro dalla sua intenzione di attaccarci.

Questo è il motivo per cui è possibile affermarlo La funzione principale delle emozioni è quella di comunicare stati, atteggiamenti e predisposizioni comportamentali , sia a noi stessi che agli altri.

Emozioni e come li manifestiamo

Non è necessario che il nostro partner ci dica se gli è piaciuto o meno il regalo dell'anniversario che lo abbiamo comprato; prima di pronunciare una parola lo conosciamo già con l'espressione sulla sua faccia.Allo stesso modo, sappiamo se il nostro capo ci darà un aumento o ci licenzierà quando ci manda a chiamare per parlare in privato e entriamo nel suo ufficio.

Quando vediamo qualcuno con la faccia attraversata dalla tristezza, senza che gli chiediamo nulla, abbiamo la certezza che sta attraversando un brutto momento, che c'è qualcosa che lo sta facendo soffrire. Questo risveglia il nostro interesse, la nostra compassione ... la sua emozione agisce come un facilitatore che ci spinge ad agire, a fare qualcosa per aiutarlo .

La cooperazione tra gli esseri umani di fronte alle avversità, o alla ricerca del raggiungimento di un obiettivo comune, è una delle componenti principali che ha permesso la nostra evoluzione e il progresso come specie.

La natura primitiva e interpersonale delle emozioni si verifica non solo sul piano filogenetico (evoluzione darwiniana da una specie all'altra), ma anche sul piano ontogenetico, cioè durante lo sviluppo individuale della persona. Per vedere questo, si deve solo osservare come si comporta un bambino prima del primo anno di vita, prima di poter articolare singole parole.

Dalla stessa nascita, le diverse grida del bambino comunicano all'adulto che ha fame cioè con le coliche o sconvolto perché vuole cambiare i pannolini. Ogni madre più o meno abile a decodificare le emozioni impara a riconoscere le sottili sfumature del piagnucolio di suo figlio e ciò che indicano durante i primi mesi di vita.

Alcune conclusioni modeste

Il ragionamento emotivo è una truffa mentale, un inganno, un'illusione Creato da un mago demoniaco che appare come risultato di una certa difficoltà a interpretare e gestire correttamente le proprie emozioni, e che nascosto nell'anonimato può dirigere completamente la vita della persona colpita, facendogli credere cose che non sono vere, come che non vale niente come persona, che il mondo è un posto pericoloso, e anche che non c'è speranza che possa uscire da quello stato.

Voglio dire, il ragionamento emotivo genera illusioni basate sull'emozione .

Ma le emozioni, in se stesse, non sono né dannose né errori della natura. In generale, tutti loro, quelli che sono piacevoli e in particolare quelli sgradevoli, sono molto utili per l'essere umano, dal momento che svolgono un ruolo fondamentale per la sopravvivenza . Ci aiutano a costruire relazioni, rafforzare i legami e allontanarsi dai pericoli.


Audiolibro: "Motivarsi E Motivare" - Come Stare Bene Con Se Stessi Partendo Da Cio' Che Si Ha (Agosto 2020).


Articoli Correlati