yes, therapy helps!
Cos'è il femminismo radicale?

Cos'è il femminismo radicale?

Gennaio 20, 2020

Nell'articolo sui tipi di femminismo abbiamo già visto che è piuttosto complicato parlare del femminismo come una corrente ideologica o politica con obiettivi e ideologie comuni; dopotutto, per qualcosa che parla di femminismi, evidenziando la loro pluralità.

Tuttavia, all'interno di questo insieme di movimenti ci sono molte tendenze molto diverse tra loro non significa che tutti abbiano lo stesso peso. Femminismo radicale, noto anche per la sua forma abbreviata "radfem" , ad esempio, è uno dei più diffusi e diffusi. Vediamo in cosa consiste.

  • Articolo correlato: "Tipi di femminismo e le sue diverse correnti di pensiero"

L'emergere del femminismo radicale

L'attuale radfem è apparso nel contesto della seconda ondata di femminismo , iniziato negli anni '70 nei paesi occidentali. Fino ad allora, i movimenti femministi appartenenti alla prima ondata si erano concentrati sulla denuncia della discriminazione sessista espressa direttamente nelle leggi e nelle regole istituzionali; Tuttavia, questa nuova generazione di femministe ha compreso che l'oppressione nei confronti delle donne non era limitata al sessismo formale e incorporata nelle regole, ma che impregnava tutti gli aspetti della vita.


Cioè, mentre le prime femministe hanno riconosciuto come un problema fondamentale il sessismo istituzionalizzato, la seconda ondata di femminismo ha evidenziato che il problema era di natura molto più complessa e profonda. Il sessismo non era solo nelle leggi, ma anche nei rapporti di potere, nel trattamento informale e, inoltre, negli svantaggi materiali affrontati dalle donne come conseguenza di secoli di sottomissione all'uomo.

Il problema, quindi, era fortemente radicato sia nelle condizioni materiali di sopravvivenza (uomini con molte più proprietà e più capacità di contrarsi, per esempio) che nelle menti (divulgazione dell'idea che le donne dovrebbero piacere agli uomini, ecc.). ). Per porre fine a questo sistema di oppressione, chiamato patriarcato nacque il femminismo radicale: quello che aveva come obiettivo di andare alla radice del sessismo.


Le caratteristiche dell'ideologia

Ora ... cos'è esattamente il femminismo radicale? Fondamentalmente, è una corrente ampia del femminismo che contiene altre varianti più piccole e le sue caratteristiche di base sono le seguenti.

1. Collettivismo

Il femminismo liberale che ha definito i primi membri del femminismo comprende che i problemi di discriminazione che colpiscono le donne lo fanno su base individuale: una situazione specifica colpisce una donna specifica , che cerca gli altri che hanno vissuto la stessa strada, insieme, esercitare una pressione dal loro individualismo.

Nel femminismo radicale, tuttavia, l'ineguaglianza tra sesso e genere è un problema collettivo che deve essere affrontato collettivamente. Ciò significa che viene data grande importanza alla necessità di tessere reti di solidarietà che vanno al di là di se stessi. È una caratteristica nato dall'influenza del marxismo e che è evidente, per esempio, nel modo in cui l'accento dei problemi non viene posto sulle persone concrete, ma nei fenomeni sociali che si ritiene possano perpetuare certe azioni e atteggiamenti.


Ad esempio, nel caso dell'apparizione di donne con pochi vestiti nei prodotti televisivi, è molto comune incolpare l'attrice, il cantante o il presentatore in questione.

Tuttavia, il femminismo radicale sottolinea la necessità di chiedere perché il corpo della donna viene costantemente sfruttato come se fosse uno strumento di ascolto di più, qualcosa che si verifica meno frequentemente con gli uomini. Anche se le donne che appaiono con pochi vestiti ottengono soldi per questo, le persone che escono maggiormente hanno beneficiato di questa transazione sono le posizioni alte della catena, tra le quali la rappresentazione femminile è scarsa.

In breve, si parla costantemente di decisioni individuali, ma di ciò che crea modelli pronunciati di disuguaglianza: l'uomo non ha bisogno di usare il suo aspetto per avere notorietà, ma nelle donne è più difficile e, in ogni caso, non avrà mai vero potere su ciò che accade.

2. Il privato è politico

Dal punto di vista del femminismo liberale l'oppressione è di tipo coercitivo, cioè si esprime solo attraverso l'imposizione diretta e la violenza. Ad esempio, il fatto che per legge molte donne non potessero iniziare a lavorare senza il permesso del marito se non volevano commettere un crimine era un segno di ciò che era stato respinto da questo movimento.

Per il femminismo radicale, tuttavia, Il sessismo non si esprime solo attraverso chiare imposizioni ed espresso direttamente come tale, ma è anche nelle abitudini, negli ideali di bellezza, ecc.Ecco perché in questa corrente il privato viene analizzato come un fatto politico, poiché si comprende che in questo ambito si riproducono anche le dinamiche relazionali che opprimono le donne.

Ad esempio, se tutti i grandi superproduttori di Hollywood realizzano film in cui le donne hanno sempre lo stesso profilo psicologico e lo stesso ruolo di "damigelle in difficoltà" in amore che hanno bisogno dell'aiuto dell'eroe, questo sarà visto come un problema di tipo politico dal femminismo radicale, sebbene sia espresso dalla proprietà privata delle grandi compagnie che offrono i loro prodotti.

  • Forse ti interessa: "Mansplaining: un'altra forma underground di machismo culturale?"

3. Un approccio storico basato sul patriarcato

Nel femminismo radicale, il patriarcato, che è teoricamente formulato come la radice del sessismo, non è solo composto da leggi, ma anche dal patrimonio culturale e materiale che è stato tramandato dalle generazioni precedenti.

A differenza del femminismo liberale, che non tiene conto dei precedenti storici e si limita a segnalare le ingiustizie nel qui e ora, il femminismo radicale analizza il problema comprendendolo come il prodotto di un sistema di dominio (patriarcato) che si sta riproducendo secolo dopo secolo . Questa è un'altra delle influenze che il marxismo ha avuto su questa corrente, sebbene la psicoanalisi usata per studiare i fondamenti antropologici dell'oppressione sia stata anche un elemento che ha favorito questa prospettiva.

  • Articolo correlato: "I 7 tipi di violenza di genere (e caratteristiche)"

4. Verso la politica dell'identità

Nel femminismo radicale è considerato quello il fatto di essere un uomo o una donna condizioni irrimediabilmente il ruolo che hai nel dibattito politico. Ecco perché questa corrente sottolinea la necessità di formare gruppi non misti composti solo da donne per lavorare sulla coscienza femminista e trovare modi per analizzare problemi che non sono influenzati dal punto di vista maschile.

L'idea di trovare nuovi modi di esprimere la femminilità che non partono dal punto di vista maschile è molto enfatizzato soprattutto dal femminismo della differenza, una delle varianti principali incluse nel radfem.


Gli anni 70 a Roma, le artiste l'impegno e il femminismo (Gennaio 2020).


Articoli Correlati