yes, therapy helps!
La psicologia della liberazione di Ignacio Martín-Baró

La psicologia della liberazione di Ignacio Martín-Baró

Luglio 12, 2020

La psicologia aspira ad essere una scienza e, come tale, dovrebbe essere basato su dati oggettivi. Tuttavia, è anche vero che per raggiungere conclusioni rilevanti su determinati argomenti, è necessario tenere conto delle interpretazioni e dei punti di vista soggettivi delle persone che costituiscono i collettivi studiati. Ad esempio, se lavori con gli aborigeni dell'Amazzonia, è necessario connetterti autenticamente con queste culture così diverse da quelle occidentali, molto più abituate ai rigori del metodo scientifico.

Lo psicologo spagnolo Ignacio Martín-Baró credeva che sotto quell'apparente obiettività della psicologia che si preoccupava maggiormente di ottenere risultati generalizzabili per l'intera specie umana, non si può riconoscere i problemi di culture diverse dalla propria.


Da questa idea, ha sviluppato un progetto che è noto come psicologia della liberazione . Vediamo in cosa consiste; ma entità, una breve rassegna della biografia di questo ricercatore per contestualizzare.

  • Articolo correlato: "Cos'è la psicologia sociale?"

Chi era Ignacio Martín-Baró?

Martín-Baró è nato a Valladolid nel 1942 e dopo essere entrato come novizio nella Compagnia di Gesù, è partito per l'America Centrale per completare la sua formazione nell'istituzione religiosa. Intorno al 1961 fu inviato all'Università Cattolica di Quito per studiare Scienze umanistiche e, successivamente, alla Pontificia Università Javeriana di Bogotá.

Una volta nominato sacerdote nel 1966, è andato a vivere in El Salvador e conseguì la sua laurea in Psicologia nel 1975 attraverso la Central American University (UCA), dopo di che ha conseguito il dottorato in Psicologia sociale presso l'Università di Chicago.


Al suo ritorno alla UCA, dove ha iniziato a lavorare in un dipartimento di psicologia. Le sue critiche si aprono contro il governo del paese l'hanno messo nell'obiettivo delle forze paramilitari diretto dalla classe politica dominante, che lo ha assassinato nel 1989 insieme a molte altre persone.

  • Forse ti interessa: "Gli 11 tipi di violenza (e i diversi tipi di aggressione)"

Qual è la psicologia della liberazione?

Ignacio Martín-Baró ha negato che la psicologia sia una scienza destinata a conoscere schemi di comportamento senza tempo e universali, condivisi da tutte le specie umane. Invece, ha sottolineato che la missione di questo campo di conoscenza è capire il modo in cui il contesto e gli individui si influenzano a vicenda .

Tuttavia, il contesto non è semplicemente uno spazio condiviso da più individui allo stesso tempo, poiché in tal caso vivremmo tutti nello stesso contesto. Per questo psicologo, il contesto include anche il momento storico in cui si vive, così come la cultura a cui si appartiene in un determinato momento. Psicologia concepita come disciplina vicina alla storia.


E a che serve conoscere il processo storico che ha generato i contesti culturali in cui viviamo? Tra l'altro, secondo Martín-Baró, per sapere come riconoscere i "traumi" di ogni società. Conoscere il contesto specifico in cui vive ogni gruppo sociale rende più facile la conoscenza Problemi distintivi dei collettivi oppressi, come i popoli con origini indigene le cui terre sono state conquistate o società nomadi senza la possibilità di possedere o ereditare terre.

Contro il riduzionismo

In breve, la psicologia della liberazione afferma che per coprire tutti i problemi degli esseri umani dobbiamo guardare oltre i mali universali che colpiscono individualmente le persone , come la schizofrenia o il bipolarismo, e dobbiamo anche esaminare l'ambiente sociale in cui viviamo, con i suoi simboli, i rituali, i costumi, ecc.

In questo modo, sia Ignacio Martín-Baró che i seguaci delle sue idee rifiutano il riduzionismo, una corrente filosofica applicata alla psicologia si basa sulla convinzione che il comportamento di qualcuno possa essere compreso analizzando solo quella persona o, ancora meglio, la cellule e il DNA del tuo organismo (determinismo biologico).

Pertanto, è necessario smettere di indagare sugli aspetti del comportamento umano in contesti artificiali appartenenti a paesi ricchi e affrontare il problema dove si verifica. In questo modo la necessità di affrontare i problemi sociali può essere soddisfatta e non individuale, come ad esempio i conflitti e gli ambienti di stress creati dal confronto tra nazionalismi.

Il trauma nella società

Normalmente, il trauma in psicologia è inteso come una traccia emotiva carica di sensazioni e idee profondamente dolorose per la persona, poiché si riferiscono a esperienze vissute nel passato da se stessa e che hanno causato molto disagio o stress acuto.

Tuttavia, per Martín-Baró e la psicologia della liberazione, il trauma può anche essere un fenomeno collettivo, qualcosa la cui causa non è un'esperienza vissuta individualmente ma collettivamente ed ereditata attraverso le generazioni. Infatti, sottolinea Martín-Baró, la psicologia convenzionale viene spesso utilizzata per coltivare questi traumi collettivi con discrezione a fini di propaganda; cerca di incanalare quel dolore verso obiettivi adatti ad una élite.

Quindi, per la Psicologia della Liberazione, conoscere i frequenti problemi mentali in un'area ci parla della storia di quella regione e, quindi, punta nella direzione di una fonte del conflitto che deve essere affrontata da una prospettiva psicosociale, non agendo su individui.


ANDRIA | La psicologia della liberazione nelle teorie tradotte in italiano di Ignacio Martìn-Barò (Luglio 2020).


Articoli Correlati