yes, therapy helps!
Agorafobia: che cos'è, cause, sintomi e trattamento

Agorafobia: che cos'è, cause, sintomi e trattamento

Ottobre 14, 2019

Negli anni '90 è apparso uno dei primi film in cui un caso di agorafobia . Lo psicologo che interpreta questo romanzo si sente ansioso per il solo fatto di lasciare il suo appartamento per qualche secondo per raggiungere il giornale.

Certo, e comunque potrebbe sembrare sorprendente la scena, è ancora una risorsa per presentare uno dei personaggi principali . Non aiuta a comprendere in cosa consista questo disturbo d'ansia, ma ci confronta con un caso estremo di agorafobia, in modo che possiamo vedere fino a che punto può spingere al limite la qualità della vita di una persona e capire il comportamento di quella persona. Allo stesso tempo, evidenzia il fatto che le crisi d'ansia prodotte da questo disturbo possono essere molto scioccanti e essere presenti in molte delle sfere della vita di un essere umano.


Ma, nonostante il fatto che l'agorafobia sia così scioccante e le sue conseguenze possano essere così palpabili, non si può dire che sia facile capire in cosa consista. Leggi cosa viene dopo può aiutare quando si tratta di formare un'immagine un po 'più dettagliata di questo tipo di fobia e nel passare a conoscere i suoi principali sintomi, cause e modi per trattare l'agorafobia.

Agorafobia, paura degli spazi aperti?

Di solito si presume che l'agorafobia consista in una paura irrazionale di spazi aperti, come grandi viali, parchi o ambienti naturali. La stessa etimologia della parola suggerisce una relazione tra fobia e le piazze (agorà, parola dal greco), ed è facile prendere per l'agorafobia certi casi di persone che semplicemente non amano uscire di casa o con problemi legati all'isolamento sociale.


Tuttavia, non è del tutto vero che l'agorafobia equivale alla paura di spazi aperti o pubblici . È un modo di provare paura e angoscia la cui origine è qualcosa di più astratto della semplice visualizzazione di questo tipo di ambiente.

Il fatto di percepire spazi aperti o molto affollati gioca un ruolo quando innesca attacchi di panico nelle persone con agorafobia, ma la paura non è prodotta da questi spazi in sé, ma per le conseguenze di essere esposti a quel luogo . Questa sfumatura è fondamentale ed è spesso trascurata.

Quindi ... che cos'è l'agorafobia? definizione

Un primo approccio superficiale al concetto di agorafobia è definirlo come un disturbo d'ansia che viene espresso osservandolo non ci si trova in un contesto sicuro in cui è possibile ricevere aiuto in caso di crisi . Vale a dire che i loro sintomi sono basati su una forte angoscia prodotta da situazioni in cui la persona che soffre si sente non protetta e vulnerabile alle crisi d'ansia che sfuggono al loro controllo. La radice del problema è qualcosa di simile alla paura della paura.


La paura angosciosa che qualcuno sperimenta con questo disturbo d'ansia è fondamentalmente basata su l'anticipazione degli attacchi di panico . Pertanto, dove c'è l'agorafobia c'è anche un ciclo basato sulla paura. Un circolo vizioso di pensieri ricorrenti da cui è difficile sfuggire.

In qualche modo, l'agorafobia si alimenta attraverso l'anticipazione sia delle sensazioni spiacevoli associate a queste crisi sia dei pericoli di perdere il controllo sulle proprie azioni. Pertanto, il modo in cui viene espressa questa sensazione di angoscia riproduce anche la struttura di un loop: non si teme lo spazio aperto, ma la possibilità di subire un attacco di panico o una crisi d'ansia dovuta al fatto di esserci, e allo stesso tempo la conseguenza di essere in quel posto quando ciò accade.

In breve, L'agorafobia consiste nella paura di perdere il controllo sull'attivazione fisiologica stessa e sui risultati a cui questo può portare, oltre alla paura delle sensazioni soggettive di disagio che questo produrrebbe in tempo reale. Questo è ciò che spiega che gli attacchi di ansia possono apparire non solo in ampi spazi, ma anche in un ascensore o in qualsiasi altro luogo diverso dalla casa stessa. L'agorafobia viene solitamente espressa in qualsiasi luogo che sia percepito come particolarmente insicuro, cioè in cui abbiamo meno controllo sulle cose.

Il mito dell'agorafobia come compartimento a tenuta stagna

Da quanto sopra, possiamo raggiungere una conclusione: i sintomi dell'agorafobia non sono sempre gli stessi e i loro trigger possono avere forme molto diverse . Situazioni e siti che possono produrre ansia o ansia non sono né stereotipati né uguali in tutte le persone diagnosticate con questo disturbo, come ci si aspetterebbe se l'agorafobia fosse espressa in modo simile a come la cultura popolare esprime la paura di vampiri ai crocifissi.Infatti, a volte accade che gli attacchi di ansia si verificano anche quando la persona si trova in un luogo "sicuro", a causa di cause interne non correlate a come l'ambiente viene percepito.

A causa di questa variabilità, è comune che le persone con agorafobia vengano diagnosticate anche con altri disturbi, come il disturbo di panico o il disturbo da stress post-traumatico, poiché molti dei loro sintomi possono sovrapporsi. Come possiamo vedere, ci sono confusioni abituali sui sintomi e segni di questo disturbo psicologico.

Diagnosi e sintomi

In generale, Alcune delle caratteristiche che presentano le persone con agorafobia Sono:

  • Essere esposti a luoghi aperti , molto affollato o non familiare produce una forte sensazione di angoscia.
  • Questa sensazione di angoscia È abbastanza intenso che la persona adotti la strategia di vita evitando questi tipi di luoghi, sebbene ciò influenzi negativamente la loro qualità di vita.
  • Questi focolai di ansia e angoscia non possono essere spiegati per altri disturbi già diagnosticati.
  • La possibilità di attirare l'attenzione degli estranei o prendere in giro te stesso a causa di una crisi di ansia svolge anche un ruolo importante.

È molto importante sottolineare il fatto che questa informazione è solo indicativa e che Solo uno specialista può diagnosticare caso per caso quando c'è un caso di agorafobia e quando no .

Quando diagnostichi questo tipo di disturbo, è essenziale prendere in considerazione se la persona percepisce ciò che sta accadendo come qualcosa che limita la loro qualità della vita e che, pertanto, è incapace. Questo è il motivo per cui dobbiamo prendere in considerazione fino a che punto qualsiasi persona senza problemi di ansia può presentare in misura maggiore o minore nessuna di queste caratteristiche generali associate all'agorafobia.

cause

Una cosa è descrivere un disturbo e un'altra è parlare del tuo cause . Su questo, è comune credere che le fobie in generale, tra cui l'agorafobia, appaiano semplicemente a causa di uno stile di vita stressante, o che siano l'espressione di qualche tipo di trauma o conflitto interno che viene espresso simbolicamente attraverso di paura degli spazi aperti.

Tuttavia, oggigiorno questo tipo di spiegazioni non è molto utile (e nel caso del secondo, non può nemmeno essere dimostrato dai fondamenti epistemologici di tale approccio), tra le altre cose perché ignorano le possibili cause organiche. Cioè, quelli che hanno a che fare con le funzioni biologiche che determinano i nostri pensieri e i nostri stati d'animo.

Mentre è vero che non è noto cosa causi esattamente l'agorafobia È stato rilevato un legame tra questo tipo di disturbo e livelli di serotonina anormalmente bassi in alcune parti del cervello. Questi bassi livelli di serotonina possono essere la causa di una mutazione genetica, ma possono anche essere dovuti a uno scompenso chimico causato da certe esperienze o al consumo di certe sostanze, oppure essere il prodotto di tutto questo allo stesso tempo.

Indipendentemente dal fatto che questa scoperta finisca per avere successo o meno per spiegare i meccanismi alla base di questo disturbo, ciò che è chiaro è questo non c'è una sola causa di agorafobia, ma diversi, come accade praticamente in qualsiasi fenomeno psicologico, patologico o meno.

L'agorafobia appare ed è espressa attraverso fattori biologici e genetici, ma anche culturali e basati sull'apprendimento che ha portato a termine ogni persona e che costituiscono i loro ricordi. Psicologicamente, gli esseri umani sono di natura bio-psico-sociale, e lo stesso vale per i disturbi mentali.

trattamento

Una volta diagnosticata, agorafobia può essere trattato sia da un intervento psicologico che attraverso farmaci . Parleremo ora di questi due tipi di trattamento per l'agorafobia, ma è importante sottolineare che solo un professionista della salute mentale è autorizzato a svolgere una terapia efficace.

1. Trattamento farmacologico

Nel trattamento farmacologico, entrambi antidepressivi (SSRI) come ansiolitici (clonazepam e diazepam). Tuttavia, questi farmaci devono essere assunti solo sotto stretto controllo medico e solo su prescrizione medica, e in ogni caso non sono usati per curare il disturbo, ma per far fronte ai loro sintomi.

È anche importante ricordare che, come sempre accade con i farmaci, possono produrre effetti collaterali e effetti collaterali importanti, come la comparsa della sindrome serotoninergica.

2. Terapia psicologica

Per quanto riguarda l'approccio psicoterapeutico, spiccano gli interventi basati sulla terapia cognitivo-comportamentale. È un tipo di terapia i cui benefici sono stati scientificamente dimostrati.

I vantaggi di questa opzione è questo i suoi benefici tendono a durare più a lungo nel tempo rispetto agli effetti dei farmaci dopo le ultime dosi, è un breve intervento e non ha effetti collaterali non agendo direttamente sulla regolazione di ormoni e neurotrasmettitori.

Tra i suoi inconvenienti rispetto al trattamento farmacologico sono la relativa lentezza con cui appaiono i progressi e la necessità per la persona con agorafobia di essere disposti a collaborare e raggiungere gli obiettivi proposti in terapia. Questo è importante, perché progredire con questo tipo di interventi suppone di sforzarsi e affrontare situazioni spiacevoli generare più resistenza a ciò che si teme, con supervisione professionale e in un ambiente controllato.

Dal punto di vista cognitivo-comportamentale, lavoreremo sulle convinzioni che la persona ha sul loro disordine e sulle loro abitudini e azioni quotidiane, in modo che i cambiamenti effettuati in entrambe le dimensioni, mentale e comportamentale, si rinforzino a vicenda. Inoltre, è anche comune ricorrere a tecniche di rilassamento per allenarsi nella capacità di gestire l'ansia.

In molti casi si raccomanda di utilizzare contemporaneamente l'intervento farmacologico e psicologico , per alleviare gli effetti immediati di questo disturbo d'ansia e allo stesso tempo addestrare il paziente ad essere in grado di esporsi sempre di più alle situazioni temute e di gestire la sensazione di nervosismo.

Riferimenti bibliografici:

  • Badós, A. (2006). Trattare il panico e l'agorafobia. Madrid: piramide.
  • Hersen, M. e Last, C. (1985/1993). Manuale caso terapia comportamentale. Bilbao: Desclée de Brouwer.
  • Luciano, M.C. (1996). Manuale di psicologia clinica. Infanzia e adolescenza Valencia: Promolibro.

FOBIA SOCIALE O ANSIA SOCIALE | Cos'è? (Ottobre 2019).


Articoli Correlati