yes, therapy helps!
Effetto Mandela: quando molte persone condividono una falsa memoria

Effetto Mandela: quando molte persone condividono una falsa memoria

Agosto 20, 2019

Nelson Mandela Morì il 5 dicembre 2013 a causa degli effetti di un'infezione respiratoria. La morte del primo presidente del colore del Sud Africa e una delle principali icone della lotta contro l'apartheid avvenne nella sua casa dopo un prolungato periodo di agonia a novantacinque anni, venendo rilevata dalla maggior parte dei media tradizionali di comunicazione.

Tuttavia, c'è un gran numero di persone che sono state sorprese di questo fatto, affermando che ricordano che il presidente sudafricano è morto in carcere e ha persino dichiarato di ricordare scene del suo funerale. Non è un caso isolato, ma in altre occasioni è stato riportato un fenomeno simile in cui alcune persone ricordano cose che in linea di principio non sono accadute. Anche se ci sono numerosi casi prima della morte del leader sudafricano, questo fenomeno è stato chiamato l'effetto Mandela .


  • Potresti essere interessato: "Ipermnesia (memoria quasi illimitata): cause e sintomi"

L'effetto Mandela

L'effetto Mandela prende il nome da Fiona Broome, una ricercatrice e appassionata del paranormale, che avrebbe ricevuto con grande sorpresa la notizia della morte di Nelson Mandela. Il motivo della sorpresa è questo Broome ricordava vividamente la sua morte e le sue conseguenze , così come i suoi funerali, molti anni prima della morte effettiva. E non solo lei, ma altre persone hanno detto di ricordare lo stesso. Successivamente il dibattito si sarebbe spostato su Internet, dove molte persone avrebbero condiviso esperienze simili.

Pertanto, l'effetto Mandela si riferisce a situazioni in cui più persone sembrano ricordare, in modo simile o addirittura identico l'un l'altro, fenomeni che non si sono verificati o che non coincidono con dati storici reali. Per queste persone, la loro memoria è reale e vera, così come il fatto che nel presente stanno ricevendo informazione che contraddice detta memoria e questo sembra essere vero.


Altri esempi di questo effetto

I ricordi della morte di Nelson Mandela non sono gli unici in cui è apparso l'effetto Mandela. Altri fenomeni storici hanno causato lo stesso effetto.

Un altro caso in cui l'effetto Mandela è apparso può essere trovato durante il massacro in Piazza Tiananmen in Cina nel luglio 1989. Il 5 luglio, un cittadino cinese si è piazzato di fronte a una fila di carri armati, bloccandogli la strada . Questa scena, che sarebbe stata fotografata e registrata e successivamente trasmessa in numerosi media, avrebbe anche causato sorpresa a molti di coloro che hanno vissuto gli eventi, che dicono che ricorda come il giovane non avrebbe bloccato il passaggio dei carri armati ma fu sopraffatto da loro, causando la morte.

Madre Teresa di Calcutta è stata beatificata, cioè trasformata in santa, durante l'anno 2016. Questo fatto ha sorpreso molti credendo che questo evento si sia verificato nel 1990, sette anni prima della sua morte.


Qualcosa di simile è accaduto con Mohamed Ali, che ha continuato a vivere a lungo dopo che un gran numero di persone ha pensato che fosse morto.

In effetti, anche lontani da eventi storici di grande impatto o da figure storiche reali si sono verificati fenomeni simili. Casi simili possono essere trovati in film, musica o teatro. Un esempio molto comune che si può trovare nella maggior parte delle persone può essere visto nel film di Star Wars: The Empire Strikes Back. In una delle scene più famose e replicate, Darth Vader dice a Luke Skywalker di essere suo padre la famosa frase "Luca, sono tuo padre" . Tuttavia, nella versione originale del film possiamo vedere che il vero dialogo è "No, io sono tuo padre", avendo sostituito un testo con un altro nell'immaginario collettivo.

  • Forse ti interessa: "I primi 11 sintomi della malattia di Alzheimer (e la sua spiegazione)"

Tenta di spiegare l'effetto

Il tentativo di spiegare questo fenomeno ha provocato un ampio dibattito , sorgendo numerosi tentativi di spiegazione da diverse teorie e prospettive.

Alcune persone hanno fatto affidamento sulla teoria di universi multipli per cercare di spiegare l'effetto Mandela, proponendo che la ragione di ciò può essere trovata nella sovrapposizione di linee temporali di diverse realtà alternative. In questo modo, ciò che accadeva in questa realtà sarebbe stato combinato con quello di un altro, apparendo nella memoria delle persone un evento che nella nostra realtà non sarebbe ancora successo o che in determinate circostanze potrebbe essersi verificato.

Inoltre, alcuni partono dalla teoria dei quanti considerare che questo effetto è dovuto al possibile spostamento della nostra coscienza da parte di questi universi alternativi. Di fronte al reale fatto dell'universo corrente, la confusione appare dovuta alla dissociazione tra ciò che viene ricordato e ciò che viene riportato, essendo per il soggetto ricordi entrambi assolutamente credibili.

All'interno di questo flusso, altre persone sembrano considerare che l'effetto Mandela è il prodotto dell'apertura di portali tra universi paralleli a causa di collisioni tra particelle che si verificano nel CERN. Entrambe le prospettive si basano solo sulla speculazione e sono respinte dalla stragrande maggioranza dei ricercatori in psicologia e neuroscienze.

Un'altra corrente di pensiero sembra indicare che le cause dell'effetto Mandela possono essere trovate nel tentativo di controllare e manipolare mentalmente da agenzie governative, introducendo informazioni false con scopi incerti.

Infine, un'altra spiegazione offerta da alcune persone si basa sul fatto che viviamo in una realtà programmata, in cui vengono apportate modifiche di volta in volta che alterano la nostra programmazione interna e lasciano tracce del nostro stato precedente.

Spiegazione psicologica dell'effetto Mandela

Sebbene le molte teorie a riguardo possano essere di grande interesse, questo fenomeno è spiegabile dalla psicologia . Nello specifico, l'origine dell'effetto Mandela può essere trovata in una serie di processi mentali correlati a un malfunzionamento o distorsione della memoria.

La presenza di un effetto Mandela non è indicativa della persona che giace su ciò che lui o lei ricorda. Per questo la memoria è molto reale, ricordando come tale. Tuttavia, l'origine di questo effetto si può trovare nell'interferenza di altre informazioni o nella creazione di frammenti di memoria con i quali viene riempita la memoria degli eventi.

La ragione per cui la generazione di questi ricordi può essere trovata nella memoria è in gran parte costruttiva, ricordando gli elementi principali che facevano parte di una scena e quindi ricostruendoli mentalmente quando abbiamo bisogno di recuperare la memoria. Da questo, È facile che l'introduzione di nuovi elementi più tardi o interferenze altri pensieri, ricordi o credenze possono causare una falsa memoria.

Alcuni dei fenomeni mentali che possono spiegare l'effetto Mandela sono i seguenti. Sebbene possano essere presenti come sintomi di vari problemi medici o mentali, non è raro che compaiano nella popolazione non clinica. In altre parole, non deve essere indicativo di un disturbo mentale.

1. La confabulazione

Uno degli elementi principali che potrebbero spiegare l'esistenza dell'effetto Mandela è la confabulazione, il fenomeno con cui gli esseri umani riempire i diversi fori presenti nella nostra memoria con memorie fabbricate , inconsciamente. Questo problema può essere osservato tra gli altri nei casi di amnesia e demenza, ma la sua comparsa in persone senza problemi clinici non è strana. Questo tipo di confabulazioni sono frequenti anche nelle persone che hanno subito un trauma grave, come l'abuso sessuale durante l'infanzia, a volte generando falsi ricordi mentali per proteggere l'individuo dal dolore psichico e dalla sofferenza causati.

Quindi, sulla base di una memoria reale, l'individuo elabora e crea diversi spazi e frammenti di memoria. Nella maggior parte dei casi la generazione di tali frammenti non viene fatta con l'intenzione di ingannare gli altri, ma l'individuo crede che la sua memoria sia tale.

2. Induzione esterna delle memorie

Il fatto che più persone coincidano nella stessa memoria può essere dovuto al fatto che non è impossibile indurre una falsa memoria in altre persone. In effetti, è stato dimostrato che i processi ipnotici o basati sulla suggestione possono indurli con una certa facilità. Attraverso il linguaggio e in base al tipo di domande poste su una situazione specifica, la persona analizzata può modificare la percezione interna degli eventi richiamati, come dimostrato dalla psicologa Elisabetta Loftus.

Ecco perché quando l'ipnosi viene utilizzata per recuperare i ricordi, devono essere prese precauzioni estreme per evitare la generazione di falsi ricordi. In effetti, vi è evidenza che l'uso dell'ipnosi in casi di isteria durante il periodo delle scuole di Salpétrière produceva in alcuni casi il falso ricordo di aver ricevuto abuso.

  • Articolo correlato: "Ipnosi, quel grande sconosciuto"

3. Criptomnesia

Collegato al punto precedente possiamo trovare il fenomeno chiamato criptomnesia, che consente di sperimentare un ricordo come qualcosa vissuto per la prima volta a causa della presenza di confusione sulla sua origine. Considera la tua idea o informazione che abbiamo letto, visto o ascoltato, in modo da poter identificare come memoria qualcosa che ci è pervenuto attraverso gli altri confondendo il ricordo di ciò che abbiamo pensato o percepito con la memoria reale degli eventi.

Con ciò, una persona può identificare la credenza di un altro come propria elaborazione, in modo che l'espansione della stessa idea sia possibile senza che venga considerata come proveniente dagli altri.


181st Knowledge Seekers Workshop, Thursday, July 20, 2017 (Agosto 2019).


Articoli Correlati