yes, therapy helps!
Nel 2038 ci saranno più atei dei credenti, secondo questo psicologo

Nel 2038 ci saranno più atei dei credenti, secondo questo psicologo

Luglio 15, 2024

È chiaro che negli ultimi decenni in alcuni paesi è stato raggiunto un livello di benessere materiale mai visto prima in nessun periodo storico. Questo cambiamento non si è verificato nel vuoto; è andato di pari passo con la migrazione dalla campagna alle città, il degrado ambientale, lo sviluppo accelerato di nuove tecnologie ... E, inoltre, c'è stato un cambiamento psicologico: ci sono sempre più atei .

Ma ... fino a che punto continuerà a crescere la tendenza a non credere nel divino o nell'aldilà? Esiste un "tetto" da cui l'ateismo non può continuare a crescere? Secondo lo psicologo Nigel Barber, se esiste, quel tetto è ancora lontano e, di fatto, L'ateismo vincerà il polso delle religioni prima dell'anno 2038 .


  • Articolo correlato: Tipi di religione (e le loro differenze di convinzioni e idee) "

La fede nelle religioni scende

Ci sono due cose fondamentali che caratterizzano l'ateismo oggi: cresce rapidamente e viene distribuito in modo molto disuguale per regione ed età. Sì in Spagna 40 anni fa, solo l'8% della popolazione si considerava ateo , oggi questa percentuale è salita al 25%. In modo simile, se le persone di età superiore ai 65 anni che vivono in atei spagnoli sono solo l'8,3%, tra i millenari, nati negli ultimi anni del 20 ° secolo, la percentuale è di circa il 50%.

Allo stesso modo, i paesi che godono di uno stato sociale più sviluppato, come la Svezia o la Germania, hanno una rappresentazione più ampia della popolazione ateista, mentre la religiosità è egemonica nei paesi dove c'è molta povertà. Sembra questo l'espansione della società del benessere fa sì che la religiosità si allontani . Per Barber, inoltre, questa non è una dinamica che verrà ripristinata presto.


  • Forse ti interessa: "Puoi essere uno psicologo e credere in Dio?"

Perché l'espansione dell'ateismo?

Nel suo libro Perché l'ateismo sostituirà la religione?, Nigel Barber lo spiega la religione è stata per secoli un'elaborata creazione culturale per placare l'angoscia che genera vita in ambienti altamente instabili e pericolosi, in cui il pericolo e la mancanza di risorse si nascondono nel quotidiano. L'idea della morte e il senso di impotenza potrebbero essere meglio sostenuti nella convinzione che la vita stessa abbia a che fare con una creazione piena di trascendenza ultraterrena. In questi contesti, è stato utile.

Ma proprio come certe specie animali sopravvivono in ambienti stabili come le isole, ci sono idee che non hanno rivali purché esistano certe condizioni per secoli e millenni; ma quando ci sono un forte cambiamento che riguarda l'intera popolazione e che non ha precedenti , la situazione potrebbe cambiare. L'esempio impostato dall'autore è quello del dodo: quando un nuovo elemento entra in scena, l'estinzione può verificarsi nell'arco di pochi decenni.


In questo caso, "il nuovo" è la possibilità di vivere una vita relativamente confortevole (almeno materialmente) e l'accesso a un'educazione in cui il ragionamento logico e le conoscenze generate scientificamente. Ciò significa che alla vita può essere dato un significato oltre la paura delle punizioni extraterrestri e oltre i dogmi.

Le nuove religioni

Un'altra delle cose che possono influenzare l'espansione dell'ateismo è, secondo Barber, il fatto che appaiono nuove forme di religiosità non teistica che sfuggono alla solita definizione di "credente" e "non credente". Il calcio, il fenomeno dei fan e alcune forme di attivismo politico Per esempio, possono portarci a sentirci parte di un collettivo coeso così come un sistema di dogmi e, naturalmente, un senso di trascendenza, di qualcosa che rimarrà quando moriremo.

Quindi, molte persone che si dichiarano atee possono incanalare forme di ragionamento quasi religioso senza rendersene conto. Per esempio, non mettendo mai in dubbio certe credenze attraverso il pensiero circolare, o da credo che ci siano idee contro cui "la bestemmia" non può essere diretta . La differenza tra queste nuove religioni e quelle vecchie è che non fanno appello alla paura a causa della non conformità con una serie di norme, e possono essere abbandonate in qualsiasi momento senza essere così spaventate dalle pressioni dell'ambiente.

Cosa accadrà nei prossimi decenni?

In ogni caso, sembra che se l'ateismo va di pari passo con lo sviluppo e la generalizzazione di certi standard di benessere, le crisi ambientali ed economiche possono incidere in esso.Cosa succederà quando, a causa della mancanza di fonti di energia, si verificherà un collasso che paralizza le fabbriche? E quando il cambiamento climatico costringe milioni di persone a trasferirsi in altri paesi e a cercare acqua potabile altrove? Forse nei prossimi anni la mancanza di fede nelle religioni vivrà il suo massimo storico , per precipitare immediatamente dopo come povertà e risorse scarse progrediscono. Dopo tutto, nessuna previsione è totalmente affidabile e la religione può continuare a perpetuarsi proprio come ha fatto finora.


Things Mr. Welch is No Longer Allowed to do in a RPG #1-2450 Reading Compilation (Luglio 2024).


Articoli Correlati