yes, therapy helps!
Cyberbullismo: aggressione tecnologica

Cyberbullismo: aggressione tecnologica

Luglio 12, 2020

È una realtà che le persone iniziano a utilizzare le tecnologie (mobile, internet, ecc.) In età sempre più giovane. Ogni volta che ci penso, ricordo il video di quel bambino che cerca di ingrandire una foto di carta con la sola forza delle sue dita.

Avere un contatto prematuro con questo mondo virtuale infinito pieno di possibilità non corrisponde alla maturità, anche necessaria, per conoscere i rischi della rete e gli strumenti appropriati per l'autoprotezione, nonché il criterio per discriminare le informazioni moderatamente affidabili da cui non lo è

Quando mezzi tecnologici come internet, videogiochi mobili o online sono utilizzati per esercitare molestie psicologiche tra pari, ne parliamo un fenomeno chiamato cyberbullismo o cyberbullismo .


Cos'è il cyberbullismo?

Si tratta di un particolare tipo di molestie che si verifica tra colleghi, amici e persone di pari età e simili può avere manifestazioni diverse all'interno dell'ambiente ICT (reati, minacce, ricatti, umiliazioni, insulti ...).

Il cyber fa un passo oltre il bullismo o le molestie tradizionali. Sono due forme di aggressione tra eguali che condividono molte caratteristiche. Tuttavia, il primo ha alcune peculiarità che lo rendono ancora più dannoso per la vittima.

Nell'anonimato nelle reti

In primo luogo, il fatto che l'aggressività venga esercitata attraverso uno spazio virtuale favorisce l'anonimato dell'aggressore. Questo stato dà all'individuo una maggiore libertà di agire, da allora è meno esposto alla cattura . In altre parole, rispetto a quanto avviene nelle molestie tradizionali, nel cyberbullismo l'aggressore ottiene "di più per meno".


Attacchi costanti e quasi incontrollabili

Secondo, la vittima del cyberbullismo diventa, una volta eletto, un "bersaglio facile" per l'aggressore . È disponibile 24 ore al giorno, mentre nel bullismo, gli attacchi sono solitamente limitati a quei momenti e spazi in cui entrambe le parti coesistono (ad esempio, la scuola), lasciando il bambino "liberato" dalla pressione quando ritorna alla sicurezza di la tua casa

Inoltre, si deve aggiungere che i contatti sono sempre avviati a volontà dell'aggressore, senza che la vittima abbia alcun controllo su di essi.

È accessibile in ogni momento e non può evitare, come accadrebbe nel bullismo, il transito di determinati siti che si sa essere pericolosi, poiché la rete, in questo senso, li mantiene costantemente connessi. Ciò causa lo sviluppo della vittima una sensazione di imprevedibilità e incontrollabilità questo genera ansietà e paure.


Mancanza di empatia nel cyberbullismo

Un altro aspetto di differenziazione di questo tipo di molestie riguarda il distanziamento dalla vittima e l'assenza di segnali sociali. Il fatto di non vedere il volto e la sofferenza della persona chi viene insultato, umiliato, minaccioso, ecc. facilita lo sviluppo di questi comportamenti.

Questa distanza ostacola l'empatia, cioè la capacità di mettersi nella pelle della vittima e sapere come si sente, il che potrebbe supporre un freno all'aggressione.

Per quanto riguarda i segnali sociali, nel cyberbullismo né ci sono spettatori diretti che danno un feedback negativo all'aggressore (disaccordo, facce cattive, difesa della vittima e altri elementi utilizzati in iniziative come il metodo KiVa) che consentono a quest'ultimo di regolare il proprio comportamento. È solo e libero da ogni feedback per agire.

L'uso massiccio - e in alcuni casi esclusivo - di ambienti virtuali per lo sviluppo di relazioni sociali ha alcuni rischi, come la tendenza alla depersonalizzazione ("Io nella rete contro I nella realtà"), la confusione realtà-fantasia (dimenticando che questo insulto è reale come se lo dicessi di persona) o la costruzione di errati giudizi morali.

Umiliazione pubblica

Due ultime caratteristiche rendono più efficace l'effetto del cyberbullismo. Primo, grazie alle tecnologie, il molestatore può raggiungere un pubblico molto più ampio , ad esempio, diffondere una bufala sulla persona in uno dei loro social network. Secondo, sono sicuro che hai sentito che "ciò che è sospeso in rete, rimane nella rete".

Per questo motivo, l'effetto dell'aggressione attraverso l'ambiente delle tecnologie e di Internet è molto più permanente. Non è limitato al momento in cui la persona viene insultata, ma piuttosto rimane a lungo in quel cloud virtuale .

I casi di cyberbullismo stanno crescendo in modo preoccupante. L'introduzione nel mondo delle tecnologie dovrebbe venire con un "manuale di istruzioni", gestito da educatori, genitori, ecc Includere una sezione finalizzata a sensibilizzare sui rischi e sul reale impatto che il cyberbullismo può avere nella vita di una persona e si esercitano in adeguate misure di autoprotezione.


Stili di vita online e offline degli adolescenti aumenta il cyberbullismo (Luglio 2020).


Articoli Correlati