yes, therapy helps!
Storia della scrittura: il suo sviluppo nell'antichità

Storia della scrittura: il suo sviluppo nell'antichità

Settembre 30, 2022

Scrivere è sia una pratica che un sistema. Si tratta della rappresentazione grafica di idee, concetti e oggetti per mezzo di segni che chiamiamo lettere. Quest'ultimo può avere caratteristiche diverse in base alla specifica società che li utilizza, che genera anche diversi sistemi di scrittura. Uno di questi è, per esempio, l'alfabeto, e la sua storia è molto vasta, che risale a più o meno quattro secoli a.c.

In questo articolo lo faremo una breve rassegna della storia della scrittura , avvicinandosi alla traiettoria che è seguita dalla Mesopotamia classica alle attuali società occidentali.

  • Articolo correlato: "Le 5 età della storia (e le sue caratteristiche)"

Storia della scrittura nell'antichità

La Mesopotamia, l'antica regione del Vicino Oriente, è riconosciuta come il luogo in cui si svilupparono gli inizi della scrittura, che in seguito diedero origine al nostro attuale sistema alfabetico.


Questo processo potrebbe essere realizzato dal contesto multilingue e multiculturale che era caratteristico dell'area intorno al IV millennio aC. Questo perché quel momento storico ha permesso la convergenza di diversi gruppi etnici. Per la storia della scrittura è stato particolarmente importante la combinazione di lingue semitiche con la lingua dei Sumeri, che è stato trasmesso per mezzo di pittogrammi che rappresentavano gli oggetti.

  • Forse ti interessa: "Le 6 tappe della preistoria"

La scrittura cuneiforme

Questi ultimi, i Sumeri, hanno il merito di aver creato la scrittura cuneiforme. E questo perché i loro pittogrammi non erano semplici rappresentazioni grafiche ma trasmettevano messaggi in modo sistematico con valore linguistico.


Inoltre, si chiama "scrittura cuneiforme" perché, inizialmente, i pittogrammi sono stati fatti su tavolette di argilla e usando spicchi (pezzi di legno o metallo con punta e bordo che servono per rompere o fare incisioni). In realtà, la parola "cuneo" deriva dalla parola latina cuneus, ed è da qui che deriva il termine "cuneiforme".

Sebbene il linguaggio dei Sumeri non sopravvivesse, la scrittura cuneiforme era una tecnica adottata da diversi gruppi Indoeuropei e non Indoeuropei. Ad esempio, fu recuperato dai Babilonesi, ma servì anche a scrivere lingue come accadico ed elamita. Fu utilizzato dai persiani (persone di origine indoeuropea originariamente basate in Iran), dagli hurriti (Mitanni della Mesopotamia settentrionale), dagli ittiti (popolo della penisola anatolica, uno dei poteri del Medio Oriente).

Quindi, scrivendo come tecnica, e tavolette di argilla insieme a cunei, come strumenti principali, si sono espansi in Asia Minore, Siria e aree circostanti . Si stima che il copione cuneiforme sia stato utilizzato per tre millenni e mezzo e l'ultima registrazione della tavoletta cuneiforme risalga al 75 d.C. (Ferreiro, 1994).


Successivamente e attraverso diversi eventi storici legati al modo in cui sono stati generati gli insediamenti umani; la diversità culturale e il mix linguistico hanno reso possibile il sistema di scrittura iniziato dai Sumeri arrivato nelle mani dei popoli ellenici .

  • Articolo correlato: "Lo sviluppo della lettura e della scrittura: teorie e interventi"

Origini dell'alfabeto

I greci ereditarono dai Fenici e / o dai Cananei un insieme ordinato di segni e simboli associati anche con un nome e un suono (il cosiddetto "principio di acrofonia").

Questo insieme ordinato di segni e simboli è stato assimilato e adattato dai greci per i loro scopi. In particolare, è il sistema di scrittura chiamato "protocananeo" (dall'età del bronzo), che è stato riconosciuto come il paradigma da cui l'alfabeto fenicio è stato sviluppato , che a sua volta ha gettato le basi per lo sviluppo dell'alfabeto latino, greco, ebraico, tra gli altri.

Scrittura, lettura e alfabetizzazione

Il sistema di scrittura che conosciamo come alfabeto è quindi il risultato di una pluri-alfabetizzazione dei popoli conquistati dagli abitanti della Grecia antica, ed è il risultato del ricco scambio culturale e linguistico.

Quanto sopra significa che gli scribi del tempo avevano alfabeti fortemente misti, lavoravano, usavano e padroneggiavano più di una lingua. Un'altra conseguenza è stata che questi alfabeti sono stati amministrati e distribuiti secondo i sistemi sociali, che è visibile, ad esempio, in il processo di secolarizzazione della scrittura (quando ha smesso di essere una pratica riservata alle sette religiose).

Ecco perché, inevitabilmente, la storia dei sistemi di scrittura è legata alla storia dell'alfabetizzazione, mentre il secondo è il processo attraverso il quale controllano, usano e distribuiscono i discorsi che dovrebbero essere scritti (Ferreiro, 1994) . Inoltre, mentre la scrittura e i testi non esistono senza il supporto materiale, la storia della scrittura è anche la storia della lettura, una questione che è stata recentemente affrontata da diversi linguisti e storici.

L'alfabetizzazione seguì un processo di sistematizzazione ed espansione che aveva caratteristiche diverse nei seguenti momenti storici della civiltà occidentale, in stretta relazione con la cultura della stampa , la trasmissione della conoscenza e dell'istruzione come pratiche e valori fondamentali per lo sviluppo.

Riferimenti bibliografici:

  • Ferreiro, E. (1994). Diversità e processo di alfabetizzazione: dalla celebrazione alla consapevolezza. Rivista della lettura dell'America latina. 15 (3): 2-11.
  • Laporte, J.P. (2012). Rassegna di "Storia della lettura e della scrittura nel mondo occidentale" di Martins Lyons. Rivista di informazione, cultura e società. 27: 123-135.

Medioevo (Lezione 10): "La nascita dell'Islam (610-632)" (Settembre 2022).


Articoli Correlati