yes, therapy helps!
9 differenze tra psicoanalisi e terapia psicodinamica

9 differenze tra psicoanalisi e terapia psicodinamica

Gennaio 24, 2021

Le teorie di Sigmund Freud hanno portato a una serie molto ampia di interventi psicoterapeutici. Molte persone classificano come "psicoanalisi" qualsiasi trattamento derivato dalle idee di Freud, ma attualmente le terapie psicodinamiche hanno acquisito una grande rilevanza, superando i limiti di base della psicoanalisi tradizionale.

Non è semplice né totalmente adeguato differenziare tra psicoanalisi e terapie psicodinamiche poiché entrambi i tipi di intervento condividono aspetti chiave e si sovrappongono in larga misura. Anche così, possiamo stabilire una serie di differenziazioni che danno un'idea della distanza tra le terapie dinamiche che esistono oggi.


  • Articolo correlato: "Tipi di terapie psicologiche"

Cos'è la psicoanalisi?

La psicoanalisi è un insieme di teorie e tecniche terapeutiche che mira a trattare i disturbi mentali attraverso l'analisi della vita inconscia. È una delle più antiche terapie psicologiche, datata nell'ultimo decennio del XIX secolo, e ha introdotto approcci successivamente raccolti da molti approcci psicoterapeutici.

Autori come Jean-Martin Charcot e Breuer influenzarono l'emergere della psicoanalisi, ma il termine e la sua fondazione sono attribuiti a Sigmund Freud e al suo libro L'interpretazione dei sogni, del 1899. Più tardi Carl Gustav Jung, Alfred Adler, Karen Horney e altri discepoli di Freud svilupparono la psicoanalisi in diverse direzioni, lontano dall'insegnante.


Secondo la psicoanalisi, la personalità è determinata in larga misura dalle esperienze infantili, che esercitano un'influenza significativa sul pensiero, l'emozione e il comportamento. L'obiettivo terapeutico è che questo materiale inconscio passi alla coscienza attraverso l'analisi del comportamento involontario, dei sogni e del transfert.

Il tipo di intervento più caratteristico di questa corrente è il tipo di cura psicoanalitico, in cui viene analizzata la nevrosi da trasferimento in profondità Gli elementi classici della psicoanalisi, come l'uso del lettino, l'astinenza del terapeuta, la globalità del focus terapeutico e la lunga durata del trattamento, sono identificati con il tipo di cura.

Le terapie psicodinamiche

Le terapie psicodinamiche sono una serie di interventi basati su alcuni concetti della teoria psicoanalitica. In particolare, questo tipo di psicoterapie si concentra sul influenza attiva dei processi inconsci nel comportamento, nel pensiero e nelle emozioni del momento presente.


Queste psicoterapie condividono elementi fondamentali con la psicoanalisi, in particolare l'enfasi sull'inconscio e l'ancoraggio teorico nei contributi di Freud e dei suoi seguaci. Tuttavia, il termine "terapia psicodinamica" viene usato in opposizione alla "psicoanalisi" per differenziare il metodo classico da quelli più moderni e scientifici.

Ci sono un gran numero di terapie che rientrano in questa categoria. Questi includono, in particolare, la terapia centrata sul cliente di Rogers e la terapia interpersonale di Klerman e Weissman. Più recentemente, sono emerse altre influenti terapie psicodinamiche Terapia di mentalizzazione e psicoterapia a tempo limitato .

  • Forse ti interessa: "La guerra aperta tra psicoanalisi e comportamentismo, spiegata in 8 tasti"

Differenze tra psicoanalisi e terapie psicodinamiche

È impossibile fare distinzioni definitive tra psicoanalisi e terapie psicodinamiche perché entrambi i concetti si sovrappongono. Tuttavia, a grandi linee, possiamo stabilire una serie di caratteristiche che sono frequentemente utilizzate per distinguere tra questi due tipi di intervento.

1. Durata del trattamento

La durata del trattamento è il principale criterio di distinzione tra la psicoanalisi classica e le terapie psicodinamiche se ci concentriamo su un'analisi della loro pratica. Quindi, mentre la psicoanalisi può durare fino a 5 anni, le terapie psicodinamiche sono più brevi perché si concentrano sul problema attuale del paziente e non sulla sua personalità nel suo insieme.

2. Frequenza delle sessioni

La psicoanalisi è un trattamento molto più intenso delle terapie psicodinamiche. Il tipo di cura psicoanalitica viene praticato 3 o 4 volte a settimana; D'altra parte, le sedute di terapie psicodinamiche hanno una frequenza più variabile, che si svolge settimanalmente o anche meno frequentemente.

3. Inquadramento della terapia

Tradizionalmente nel trattamento psicoanalitico è stato usato il lettino, che facilita i pazienti a concentrarsi e accedere al materiale inconscio senza le distrazioni che implicano l'interazione con il terapeuta, il che è anche poco partecipativo.

L'evoluzione della psicoanalisi verso le terapie psicodinamiche ha promosso un rilassamento dell'inquadratura . Pertanto, i terapeuti che applicano questo tipo di intervento tendono ad essere più attivi e diretti, e in molti casi questo e il paziente vengono posti faccia a faccia. In modo sintetico, le terapie psicodinamiche sono più adatte a ogni caso particolare.

4. Profondità di analisi

Le terapie psicodinamiche sono state sviluppate in gran parte come modi per applicare gli approcci della psicoanalisi alla gestione di problemi specifici. Questo li rende molto più efficienti e, secondo alcune persone, superficiali, dal tradizionale obiettivo di modificare la struttura della personalità nel suo insieme.

5. Focus terapeutico

Questa differenza è legata alla profondità dell'analisi. Mentre molte terapie psicodinamiche si concentrano sui processi inconsci relativo al motivo del cliente per la consultazione Nella psicoanalisi viene considerata la necessità di gestire foci multipli e mobili: i pensieri inconsci che nascono dalla relazione terapeutica e dal transfert. In un certo senso, gli psicoanalisti intendono intervenire in conflitti che il paziente non sa di avere (qualcosa non senza polemiche).

6. Fondamento teorico

Attualmente, quando parliamo di psicoanalisi, facciamo riferimento a interventi che si concentrano principalmente sui contributi di Freud. D'altra parte, le terapie psicodinamiche includono i progressi di autori successivi come Klein, Jung, Lacan o Winnicott, sottolineando concetti come attaccamento o meccanismi di difesa.

7. Tecniche utilizzate

Le tecniche classiche della psicoanalisi includono Associazione libera, interpretazione dei sogni o l'analisi delle resistenze e del trasferimento. Le terapie psicodinamiche raccolgono questi contributi ma in molti casi hanno un carattere più eclettico, incluse tecniche di altri orientamenti, come comportamentale, cognitivo ed esperienziale.

  • Articolo correlato: "Che cos'è la" libera associazione "in Psicoanalisi?"

8. Ricerca sull'efficacia

La psicoanalisi è stata storicamente caratterizzata dal rifiuto di metodi sperimentali e scientifici, basati soprattutto sulle teorie sviluppate dagli autori chiave. Tuttavia, alcune delle ipotesi poste dagli psicoanalisti sono state convalidate in seguito da ricerche scientifiche, come la teoria dell'attaccamento.

Invece, Molte terapie psicodinamiche sono basate su prove scientifiche sull'efficacia dei metodi. La dimensione dell'effetto di queste terapie è chiaramente superiore a quella della psicoanalisi nel trattamento della maggior parte dei disturbi specifici.

9. Indicazioni terapeutiche

Tradizionalmente, la psicoanalisi si è concentrata su due principali gruppi di disordini: nevrosi e isteria. Gli sviluppi di alcune terapie psicodinamiche hanno consentito l'applicazione a un maggior numero di alterazioni psicologiche, compresi disturbi della personalità e psicosi.


FREUD: Qual'è la differenza tra segno e sintomo? (Gennaio 2021).


Articoli Correlati