yes, therapy helps!
10 miti del terrore basati su storie inquietanti

10 miti del terrore basati su storie inquietanti

Gennaio 20, 2020

Quando pensiamo a miti e leggende, di solito immaginiamo elaborati racconti che ci raccontano la storia o l'emergere di diversi fenomeni o elementi della realtà. Tuttavia, anche possiamo trovare tra le storie di culture diverse esempi di miti del terrore , che in fondo ci parlano delle paure dell'ignoto e dell'incomprensibile presente in tutta l'umanità.

Nel presente articolo esamineremo dieci miti e leggende del terrore di origini diverse, alcuni di grande antichità mentre altri basati su momenti storici e contesti più recenti.

  • Articolo correlato: "Perché ci piacciono i film dell'orrore?"

Una decina di miti di terrore

Poi ti lasciamo con diversi miti e leggende del terrore più o meno noti, che provengono da diversi paesi e culture.


1. I sacamantecas

La storia dell'uomo nel sacco, che porta i bambini in un sacco, è uno dei miti più noti in Spagna. Eppure, si scopre che non è una leggenda del genere, ma si riferisce a un evento accaduto davvero alla fine del 19 ° secolo.

Ed è che durante questo periodo ci sono stati diversi casi di uomini che hanno rapito e ucciso bambini (in altri casi anche donne) per estrarre il loro sangue e lipidi (burro) da vendere o usare come elemento curativo, credendo che queste parti dei bambini hanno contribuito a curare condizioni come la tubercolosi . Un esempio concreto è stato Francisco Leona, che insieme al suo complice e al suo cliente è stato condannato a morte dopo l'omicidio di un bambino per questi motivi.


2. La Llorona

Uno dei più noti miti e leggende del terrore in Messico, e che in realtà ha origini pre-colombiane, è La Llorona. La leggenda ci dice che c'era una volta una donna che, dopo aver sposato e avuto figli, stava gradualmente vedendo un distanziamento e una perdita di interesse in lei da parte del marito. Un giorno, la donna scoprì che suo marito stava barando e stava per andarsene. Furiosa, ha annegato i suoi due figli, ma dopo averlo fatto ha capito cosa aveva fatto e ha finito per togliersi la vita. Da allora il suo spirito vaga sconsolato, urla e piange mentre cerca i suoi figli.

3. Kuchisake-Onna

Un mito giapponese di terrore ci racconta la storia di Kuchisake-Onna, una donna vanitosa sposata con un samurai che ha tradito con altri uomini. Un giorno, il marito scoprì le infedeltà e tagliò furiosamente la faccia e la bocca chiedendogli se si considerava davvero bello. La donna morì e il marito pentito finì per suicidarsi.


Da allora lo spirito della donna è tornato sotto forma di yokai, e di tanto in tanto appare coprendosi il viso con una maschera chirurgica. La donna cercherà e si fermerà davanti a qualcuno generalmente giovane (alcune versioni dicono che perseguita gli studenti e persino i bambini) per chiederle se la considera bella. Se dice di no, ucciderà la sua vittima.

Se dice di sì, procederà a rimuovere la maschera per mostrare la sua enorme ferita, ripetendo la stessa domanda. Se la vittima è spaventata, urla o dice di no, li ucciderà. In caso di risposta si lo yokai farà la stessa ferita, oppure lo seguirà a casa sua per ucciderlo lì. Cercare di fuggire è inutile, perché lo spirito riappare.

  • Forse ti interessa: "Le 10 leggende giapponesi più interessanti"

4. La ragazza sulla curva

Una delle leggende metropolitane più popolari e popolari in più paesi è la leggenda della ragazza sulla curva. Questo ci dice come una giovane donna è morta anni fa in un incidente stradale in una curva acuta della strada. Più tardi, lo spirito della stessa giovane donna Appare sulla strada facendo autostop e chiedendo di prenderla . Dopo essere salito in macchina, la ragazza rimane in silenzio finché l'autista non si avvicina alla curva dove è morto. È allora che lo spirito dice all'autista di stare attento poiché si è uccisa in quella curva, per una volta ha detto che questo scompare.

5. La Santa Compagnia

Una leggenda ben nota della provincia della Galizia ci parla dell'aspetto di una processione di anime nel dolore che attraversa il territorio galiziano, la Santa Compaña. In esso ci viene detto che alle dodici di sera le anime del Purgatorio si radunano per uscire in processione, portando candele, pregando e cantando canzoni funebri. Si dice che viaggi attraverso strade, foreste e villaggi, passando e visitando le case di coloro che stanno per morire.

L'apparizione della Sacra Compagnia di solito annuncia chi vede la sua futura morte , a volte vedendo come i morti trasportano una bara con il cadavere della persona che la vede. Puoi anche vedere alcuni scelti e che per sbaglio durante il suo battesimo sono stati unti dagli olii del defunto.

La processione è guidata da un soggetto ancora vivo, che non può guardare indietro in qualsiasi momento e porta una croce e l'acqua santa. Questo soggetto (che durante il giorno non ricorderà la sua passeggiata notturna) è destinato a morire in breve tempo, camminando ogni notte senza riposare e indebolirsi e consumarsi fino a quando muore e si unisce alla processione o passa la croce ad un'altra vittima. Se qualcuno attraversa la processione, puoi proteggerti da esso disegnando un cerchio e pregando dall'interno.

6. Aka-mantello

C'è una leggenda giapponese che parla dello spirito o yokai Aka Manto, uno spettro che appare nei bagni pubblici e nelle scuole per darti una scelta tra due ruoli: uno blu e uno rosso. Se la vittima di questo essere sceglie il rosso, Aka-Mantle procederà a tagliarlo con un coltello finché i suoi vestiti non saranno tinti di sangue. Se viene scelto il colore blu, lo spirito strangolerà la persona fino alla morte, ottenendo così che il suo viso e la sua pelle acquisiscano la stessa colorazione blu che ha offerto. Cercare di dire un altro colore è ancora causa di morte , essendo l'unica possibilità di sopravvivere per indicare all'essere di non aver bisogno di carta.

7. Il silbón

Una delle leggende o miti del terrore più noti tra quelli venuti dal Venezuela è quella di Silbón. La storia racconta di come un giovane abbia ucciso e sventrato suo padre, dopo aver scoperto che suo padre aveva violentato (in altre versioni picchiato) sua moglie. Dopo averlo scoperto, la sua famiglia lo ha maledetto e picchiato, poi strofinandolo e massaggiando chili o chili sulle ferite e lanciando i cani. Col tempo è diventato un'anima nel dolore, viaggiando con un sacco in cui sono i resti del suo defunto padre.

Questo essere è un precursore della morte, e si dice che sia principalmente finalizzato ad attaccare e uccidere i donnaioli e gli ubriachi. I suoi fischietti si allontanano quando è vicino e vicino quando è lontano. Ci sono diverse versioni di questa leggenda , in alcuni dei quali il motivo dell'assassinio del genitore è quello di estrarre i visceri per mangiarli quando il padre non è riuscito a cacciare un cervo.

8. Teke-Teke

Una macabra leggenda giapponese, racconta la storia di una giovane studentessa vittima di bullismo scolastico che cadeva sui binari del treno dopo aver spaventato i suoi compagni di classe, con una tale fortuna che era stata divisa a metà. Da allora questa giovane donna, ora uno spirito furioso, vaga trascinando il suo busto con le sue mani cercando le sue gambe e attaccando e uccidendo.

9. La leggenda di Pocong

Questo mito appartiene all'Indonesia, dove tradizionalmente il corpo dei morti è coperto da panni bianchi e abiti di pizzo che sono legati sopra le loro teste. Secondo le credenze locali, le anime dei morti rimangono nel suo corpo per quaranta giorni dopo la sua morte. Dopo quel tempo il corpo deve essere scartato. Quando ciò non viene fatto, lo spirito del morto tornerà sotto forma di apparizione, poiché la sua Sindone gli impedisce di andarsene. Questo spirito fluttua o salta per muoversi, in genere alla ricerca di persone nel loro ambiente . Secondo alcune leggende, questi esseri si nutrono anche del sangue dei bambini.

10. La leggenda di Bloody Mary

La storia di Bloody Mary è uno dei classici delle leggende dell'orrore. La storia ci dice quella piccola Mary Whales, che un giorno si ammalò e alla fine morì. La famiglia seppellì la ragazza, installando un dispositivo tipico del tempo in cui una corda era attaccata a una campana nel caso in cui il presunto morto non fosse (dato che la catalessi era già nota). La bambina si svegliò, essendo la sua presunta morte a causa della catalessi, e suonò il campanello. Tuttavia, nessuno l'ha sentito.

Quando la famiglia si rese conto che la campana era caduta a terra dopo numerosi tentativi e dissotterrato la ragazza, la trovarono già morta, le sue mani insanguinate dopo aver cercato di fuggire disperatamente. Ma prima di morire, ha lanciato una maledizione : quelle persone che dicono il loro nome tre volte prima che uno specchio morirà, davanti al quale sentiranno la campana che nessuno ha ascoltato nel loro caso.


[Speciale Halloween] 3 Storie Vere Spaventose (Elmer McCurdy, Candyman) [HappyFear #2] (Gennaio 2020).


Articoli Correlati