yes, therapy helps!
Il

Il "Porqueyolovalguismo": la filosofia narcisistica applicata alla vita quotidiana

Luglio 15, 2024

Abbiamo parlato in diverse occasioni del narcisismo. Si riferisce a questo modo di essere vicino al patologico quelle persone la cui ammirazione per se stessi è esagerata .

Naturalmente, questo modo di pensare si cristallizza anche in azioni e atteggiamenti palpabili su base giornaliera. Come diceva il classico slogan della marca di shampoo L'Oreal, sono individui che si muovono attraverso la vita facendo ostentazione della massima "perché ne valgo la pena". Questa è l'origine del concetto di "porqueyolovalguismo", che smetterò di spiegare nell'articolo di oggi .

Opportunità e contesto

Contextualicemos. Sia in Spagna che nella maggior parte delle nazioni dell'America Latina, abbiamo sofferto gravi crisi economiche che ci hanno immerso in una situazione culturale in cui un lavoro è quasi una benedizione. Con un tasso di disoccupazione superiore al 25% e quasi il 50% nei giovani dell'Europa meridionale, non sorprende che la loro mentalità sul lavoro sia mutata.


Nel contesto precedente, di relativa abbondanza di opportunità di lavoro, i lavoratori avevano la possibilità di rifiutare alcune offerte che non rispondevano a determinati requisiti (salario, ore, distanza) ... I lavoratori non potevano accettare determinati lavori che non davano loro uno stimolo ; Dopotutto, nel giro di poco tempo avrebbero potuto trovare qualcosa in più in base alle loro preferenze e richieste. Dopo le devastazioni della crisi, la situazione non è più il caso.

Sfortunatamente, e finché non ci sarà un reddito di base universale che garantisca la sussistenza materiale dei cittadini, dobbiamo continuare a lavorare "di qualsiasi cosa" per mantenerci. In uno scenario di totale carenza di opportunità di lavoro, questa mentalità è quasi completamente scomparsa: siamo totalmente impegnati ad accettare qualsiasi proposta di lavoro , sebbene la remunerazione o altre caratteristiche dell'offerta siano di nostro dispiacere.


Il "porqueyolovalguismo" nella cultura del non-sforzo

Certo, che c'è un bisogno urgente di accettare qualsiasi offerta di lavoro è una pessima notizia per la nostra società. È un chiaro segnale che un paese non ha abbastanza sviluppo del tessuto produttivo per fornire una varietà di proposte e progetti (lavoro e vita) ai suoi cittadini.

Come reagiamo a questa situazione? Molte persone cercano di adattarsi a questa nuova realtà e si rassegnano, assumendo che non ci sia altra scelta che tirare avanti e accettare "ciò che c'è". È una mentalità che corre il rischio di cadere in quello che lo psicologo Bertrand Regader definisce "sindrome dello schiavo soddisfatto", cioè in un nevroticismo adattato a una situazione direttamente inaccettabile.


All'altro estremo troviamo il "porqueyolovalguismo". Individui che fondamentalmente credono di meritare tutto il meglio e non sono disposti ad accettare che il loro datore di lavoro non paghi loro ciò che pensano di meritare. Sono individui che hanno un concetto molto alto di se stessi fino al punto di mostrare tendenze aggressive verso coloro che non riconoscono e lodano le loro supposte "qualità"; persone che credono che questo pianeta sia stato messo a loro disposizione per il loro completo godimento e godimento, in modo che possano esaurire da esso i maggiori benefici possibili e, se possibile, un costo di uno sforzo personale equivalente a zero.

Parliamo di un sintomo non solo presente sul posto di lavoro, ma generalizzato a praticamente tutti gli aspetti della vita in cui l'individuo "perché e la persona coraggiosa" può mostrare il suo peculiare modo di essere.

Le attitudini dell'individuo "porqueyolovalgo"

Non cercheremo colpevoli o causatori, perché non riteniamo che sia la funzione di questo scritto. Tuttavia, non sarebbe irragionevole sottolineare che, nel mondo globalizzato in cui viviamo (in cui concetti come "privacy" o "privacy" sono stati relegati nell'oblio), i social network hanno influenzato quando accentuano il comportamento di molte persone che avevano già una tendenza verso un alto ego .

La possibilità di pubblicare le nostre esperienze su piattaforme come Facebook, Instagram o Twitter ha causato un cambiamento nei bisogni di queste persone ansiose per l'approvazione degli altri: la ricerca di "mi piace" o commenti positivi da parte degli amici nella RRSS in foto, commenti o le opinioni personali contribuiscono a rafforzare l'ego e l'autostima di coloro che lo ricevono, il che rafforza la possibilità di ripetere l'azione in futuro, sempre con la mentalità di ottenere il maggior impatto possibile.

Maggiore è l'attenzione ricevuta, più motivi queste persone dovranno assumere che dovrebbero dire di più su se stessi e mostrare quanti più aspetti 'rilevanti' del loro giorno per giorno come possono, in una fantasia presunta che i loro "seguaci" sono ansiosi per sapere cosa c'è di nuovo nella vita del "porqueyolovalgo".

  • Articolo correlato: "Orgoglio: i 6 tratti comuni delle persone vane"

Protagonisti della sua stessa vita ... e quella degli altri

Nella loro mentalità, in cui sono i protagonisti assoluti e tutto ruota intorno a loro, il "porqueyolovalgo" legittimare la loro arroganza basata su una falsa credenza (ma molto reale per loro) che dobbiamo ringraziarli per essere esistiti e per dare agli altri con la loro semplice presenza, come una nuova forma di vassallaggio nel XXI secolo, in cui ci si aspetta che pieghino e bacino il terreno su cui camminano e applaudano tutti i loro comportamenti, per quanto possano essere riprovevoli.

Come diciamo in Spagna, questi soggetti sono "felici di conoscersi", che è l'espressione di antonomasia che cataloga e definisce l'atteggiamento nei confronti della vita di coloro che ritengono che il loro modo di pensare, i criteri, la competenza o il talento sia migliore del resto .

In conclusione: rifiuto della superiorità morale

Ovviamente, questo testo non ha lo scopo di mettere sotto i riflettori quelle persone che si amano da sé o che pensano di poter contribuire alla società in cui sono integrati. Dobbiamo distinguere tra una sana autostima e una autostima gonfia ed esagerata .

Il riprovevole degli individui "porqueyolovalgo" è la loro tendenza ad esibire la loro superiorità morale nei confronti delle altre persone. Il libero arbitrio non può essere giustificato alla cieca in un contesto di coesistenza e condivisione di spazi e risorse comuni. Come abbiamo detto all'inizio di questo scritto, sebbene molti considerino che possono disporre del maggior numero di benefici senza dare alcun contributo in tal senso (non sappiamo se a causa della mancanza di sensibilità, maturità, empatia o pura e semplice incoscienza), il resto di noi non è Non dobbiamo permettere alle persone di calpestare i nostri diritti o cercare di giustificare i loro privilegi in base al loro orgoglio.


IL BLOQUE SA COPINE AU TOILETTE ! (Luglio 2024).


Articoli Correlati