yes, therapy helps!
Bugiardo compulsivo psicoanalizzato: un caso reale

Bugiardo compulsivo psicoanalizzato: un caso reale

Luglio 12, 2020

Bugiardo compulsivo e psicoanalisi: un caso reale

In questo articolo ho intenzione di raccontare la storia (1), l'analisi e i risultati che lo psicanalista americano Stephen Grosz è arrivato con uno dei suoi pazienti. Questo paziente fu mandato dal suo medico di famiglia come bugiardo patologico e compulsivo, per vedere se Grosz poteva offrirgli la terapia di cui aveva bisogno per smettere di mentire.

Una storia di bugie: bugiardo compulsivo

Il dottore mandò Philip (2) a visitare il Dr. S. Grosz dopo essersi incontrato per caso con sua moglie e che lei, con le lacrime agli occhi, gli chiese per favore se potevano parlare delle possibili opzioni che avevano per tratta il cancro ai polmoni di tuo marito . Come gli disse il dottore, in realtà Philip era completamente sano ma a quanto pare aveva inventato questa bugia per dirlo a sua moglie.


Oltre a questo fatto, durante la prima sessione, Philip confessò altre delle sue innumerevoli bugie allo stesso Grosz:

  • Aveva detto a suo suocero, che era un giornalista sportivo, che in un'occasione era stato selezionato come sostituto della squadra inglese di tiro con l'arco .
  • In una raccolta fondi per la scuola, disse all'insegnante di musica di sua figlia che lui stesso era il figlio di un famoso compositore , che era anche gay ed era single.
  • Ha anche detto che la prima bugia che ricordava di aver raccontato era quella che aveva detto a un compagno di classe, di 11 o 12 anni, dicendogli che era stato reclutato dall'MI5 per essere addestrato come agente .

Si trova troppo rischioso?

Se c'è una cosa che lo psicoanalista ha realizzato presto, è stato il suo paziente non sembrava preoccuparsi del fatto che le sue "vittime" sapessero che stava mentendo . Infatti, come racconta Grosz, quando gli è stato chiesto se gli importava che pensavano che fosse un bugiardo:


"Ha scrollato le spalle"

E lui l'ha aggiunto le persone che ha mentito raramente lo hanno sfidato . In effetti, sua moglie accettò semplicemente il recupero miracoloso di suo marito; o nel caso di suo suocero, che semplicemente tace.

D'altra parte, quando gli è stato chiesto come le sue bugie hanno influenzato il suo ambiente di lavoro, ha sostenuto che in lui "tutti mentono "(È un produttore televisivo).

Mentire con il terapeuta

Dal primo momento, Grosz era molto consapevole della possibilità che anche il suo paziente mentisse a lui e questo è successo un mese dopo l'inizio della terapia. Ha smesso di pagare.

Ci sono voluti cinque mesi per pagare e fino al momento in cui ha pagato le tasse, ha detto bugie di tutti i tipi , dal momento che aveva perso il libretto degli assegni, fino a quando non aveva donato il suo denaro al Freud House Museum.


Nel momento in cui ha finalmente pagato, ha assunto da un lato, un sollievo e, dall'altra, un'agitazione . In quel momento si rese conto che gli stava dicendo bugie sempre più grandi per evitare di pagare, ma soprattutto, cominciò a capire perché mentiva.

Perché mentisci patologicamente?

Analizzando la situazione che aveva vissuto, si rese conto che mentre Philip stava mentendo sempre di più si stava ritirando, mostrando sempre più riservato .

Fu allora che cadde nella possibilità che Filippo stesse approfittando di quella convenzione sociale in base alla quale siamo silenziosi quando qualcuno ci mente. Ma questo non spiegherebbe perché è necessario ottenere il controllo della situazione e causare tali silenzi .

Questo punto era l'asse centrale della terapia durante l'anno successivo.

La radice del problema

Come potrebbe essere altrimenti, hanno parlato della loro infanzia e della loro famiglia. Apparentemente non c'erano dati notevoli che sembrassero spiegare la ragione della sua patologia. Fino a un giorno, Filippo ha raccontato un evento apparentemente insignificante, che si è rivelato trascendentale .

Dall'età di tre anni ha condiviso una stanza con i suoi fratelli gemelli. A volte, si svegliava nel bel mezzo della notte a causa dello scandalo che i clienti che uscivano da un pub situato di fronte a casa sua stavano cavalcando. Quando ciò accadeva, a volte voleva urinare ma rimaneva immobile a letto. Questo è il motivo per cui quando ero piccola stavo bagnando il letto, e in modo che nessuno se ne accorgesse, si avvolse il pigiama intriso di lenzuola .

La notte dopo, quando stava per dormire di nuovo, trovò di nuovo le lenzuola e il pigiama. Evidentemente, sapeva che era stata sua madre, ma non ne parlò con nessuno, e infatti non ne parlò nemmeno con Philip.

Come ha detto Philip durante la sessione:

"Penso che mia madre pensasse che avrei superato.E l'ho fatto, ma quando è morta. "

Va aggiunto che, data l'atmosfera familiare, Philip non ha mai avuto la possibilità di parlare con sua madre dato che era sempre impegnato con i gemelli (che erano più giovani di Philip), così, nelle parole di Grosz stesso riferendosi al suo paziente:

"Non ricordavo di aver mai parlato da solo con lei; Uno dei suoi fratelli o suo padre era sempre lì. Bagnare il letto e il suo silenzio divenne gradualmente una specie di conversazione privata, qualcosa che solo loro condividevano. "

Ma questa conversazione scomparve quando la madre di Filippo morì improvvisamente. Cosa ha portato Philip a riprodurre questo tipo di comunicazione con il resto della gente. Quando Filippo dice una bugia al suo ascoltatore, si fida che non dice nulla e diventa complice del suo mondo segreto .

Da tutto ciò, segue che le bugie di Filippo non erano un attacco personale ai suoi interlocutori, ma un modo per mantenere quella vicinanza che aveva conosciuto con sua madre , che era anche l'unica comunicazione stretta che aveva con lei.

In breve, un bugiardo compulsivo è per ragioni esperienziali .

Note dell'autore:

1 Questo caso è stato estratto dal libro "La donna che non voleva amare e altre storie sull'inconscio" p. 57-6, ISBN: 978-84-9992-361-1; titolo originale "The Examined Life".

2 In tutto il suo libro, Stephen Grosz usa altri nomi per riferirsi ai suoi pazienti, così come altre informazioni personali per proteggere la loro riservatezza.


Bugiardo Patologico (Luglio 2020).


Articoli Correlati