yes, therapy helps!
Jean Piaget: biografia del padre della psicologia evolutiva

Jean Piaget: biografia del padre della psicologia evolutiva

Dicembre 7, 2021

Probabilmente non sorprende nessuno l'idea che non siamo nati con le stesse capacità mentali che abbiamo nell'età adulta. La capacità di comprendere il mondo, di prendere in considerazione che gli oggetti e le persone continuano ad esistere nonostante il fatto che non possiamo vederli, attribuire l'intenzione e una mente nostra agli altri, catturare e interpretare le informazioni dall'ambiente, elaborare piani da risolvere o Stabilire ipotesi è qualcosa che richiede un processo di sviluppo e apprendimento maturativo, sia la biologia che l'esperienza sono coinvolte nel suo emergere.

Molti autori hanno studiato come diverse abilità e abilità mentali si presentano durante la vita, con Jean Piaget che è uno degli esempi più influenti e importanti degli ultimi tempi riguardo lo studio dello sviluppo cognitivo. Riguarda questo autore di cui parleremo in questo articolo, fare una breve biografia di Jean Piaget .


  • Articolo correlato: "Storia della psicologia: autori e teorie principali"

Breve biografia di Jean Piaget

Jean William Fritz Piaget Jackson è nato il 9 agosto 1896 a Neuchâtel, in Svizzera. Fu il primogenito del professore di letteratura medievale Arthur Piaget e Rebecca Jackson, figlia del proprietario della prima acciaieria al crogiolo di Francia.

La sua infanzia è stata spesa in un ambiente accademico, acquisendo e imparando dal padre una mentalità critica e analitica il gusto per la scrittura e il fascino per gli esseri viventi . D'altra parte, il rapporto con sua madre era apparentemente non facile o positivo.

Già dall'infanzia Piaget mostrava segni di precocità, mostrando un grande interesse per la meccanica, l'ornitologia, i molluschi e la biologia in generale. Entrò nell'Istituto Latino nella sua città. Durante la scuola superiore all'età di dieci anni, Elaborare e inviare un articolo sul passero alpino a una rivista di storia naturale locale , questo è il suo primo contributo e pubblicazione scientifica.


Dopo questo e durante l'adolescenza, avrebbe risvegliato nel giovane un grande interesse per la zoologia e i molluschi. Si metteva in contatto con Paul Godel, direttore del Museo di Storia Naturale, che sarebbe diventato un assistente per quattro anni e dopo di che pubblicò diversi articoli di malacologia. Le sue pubblicazioni gli avrebbero offerto una posizione al Museo di Storia Naturale di Ginevra , che non riusciva ad occupare a causa della sua giovane età (non aveva ancora completato la scuola).

  • Forse ti interessa: "Le 4 fasi dello sviluppo cognitivo di Jean Piaget"

Anni di allenamento

Dopo gli studi secondari, Piaget andò a studiare all'Università di Neuchâtel, laureandosi in Scienze Naturali e conseguendo il dottorato nel 1918 con una tesi di malacologia.

Dopodiché, avrebbe deciso di studiare all'Università di Zurigo , dove per un semestre ha studiato e iniziato ad acquisire interesse per la psicologia dalle opere di Freud o Jung. Ha iniziato a lavorare in laboratori di psicologia in quella città e avrebbe persino fatto due pubblicazioni al riguardo.


Collegamento con la psicologia dei bambini

Durante lo stesso anno 1919 Piaget si trasferì a Parigi come professore di psicologia e filosofia alla Sorbona, sapendo e lavorare con molti psicologi importanti come Binet o Bleuler . Andrei anche a lavorare in una scuola gestita da Binet e Simon come insegnante, a Grange-aux-Belles. Lì avrebbe iniziato a notare differenze tra i modelli di risposta di adulti e bambini, qualcosa che lo avrebbe portato a pensare all'esistenza di diversi processi attribuibili a certi momenti evolutivi.

Poco dopo, nel 1920, avrebbe fatto parte del gruppo che perfezionò il test dell'intelligence di Stern, rilevando anche errori consistenti nelle risposte dei bambini. Insieme a Theodore Simon, avrebbe iniziato a esplorare l'intelligenza e il ragionamento dei bambini .

Durante l'anno 1921 pubblicò un primo articolo sull'intelligence, che gli avrebbe fatto ottenere un'offerta di lavoro come direttore del Rousseau Institute di Ginevra. Con questa offerta, in cui qualcosa che lo ha portato a tornare nel suo paese di origine. Dalla sua posizione svilupperebbe varie opere in cui ragionamento, pensiero o linguaggio dei bambini hanno funzionato. La sua partecipazione accademica continuò a crescere, frequentando anche nel 1922 il Congresso di psicoanalisi a Berlino (dove avrebbe personalmente incontrato Freud).

Nel 1923 sposò Valentine Châteney, con tre figli. La sua paternità sarebbe importante non solo a livello personale ma anche a livello professionale , poiché sarebbe l'osservazione e l'analisi della crescita e dello sviluppo dei suoi figli che (insieme con l'influenza di vari autori precedenti e la realizzazione dei diversi studi menzionati sopra), lo porterebbero all'elaborazione della sua opera più famosa: la teoria cognitivo-evolutivo in cui esporranno le diverse fasi dello sviluppo e la teoria costruttivista.

Nel 1925 lavorava come professore di filosofia all'Università della sua città natale, nonostante continuasse al Rousseau Institute. inoltre, Insieme a sua moglie, avrebbe osservato e analizzato lo sviluppo dei suoi figli . Durante l'anno 1929 sarebbe tornato a Ginevra per lavorare nell'università di quella città come professore di psicologia e storia della scienza. Più tardi sarebbe successo all'Università di Losanna. Mentre in quest'ultimo professore di psicologia e sociologia, nel 1936 sarebbe stato nominato direttore dell'Ufficio internazionale per l'educazione dell'UNESCO. Nel 1940 inizierei a studiare aspetti come la percezione, lavorando su aspetti come lo sviluppo della percezione spaziale.

Nel 1950 Piaget eseguiva l'elaborazione dell'epistemologia genetica, un altro dei suoi grandi contributi, in cui ha funzionato le strutture cognitive e i cambiamenti evolutivi e storici della relazione coscienza-ambiente . Questo contributo porterebbe alla generazione del concetto di schema cognitivo e alla sua teoria costruttivista in cui valorizzava la relazione biologia-ambiente nella formazione del pensiero.

Cinque anni dopo fondò e sarebbe stato nominato direttore del Centro internazionale di epistemologia genetica, un incarico che tenne fino alla sua morte. Piaget avrebbe ricevuto numerosi diplomi e dottorati onorari durante la sua vita, oltre a numerosi premi internazionali per i suoi contributi scientifici.

  • Forse ti interessa: "La teoria dell'apprendimento di Jean Piaget"

Morte e eredità

Jean Piaget è morto a 84 anni il 16 settembre 1980 a Ginevra, dopo circa dieci giorni ricoverati in ospedale. La sua morte è un evento di grande rilevanza, essendo la sua eredità e il suo contributo alla psicologia uno dei più vasti e rilevanti del secolo scorso .

Le sue teorie sullo sviluppo del bambino hanno influenzato un gran numero di autori noti come Bruner, Bandura, Ausubel o Erikson, e sono ancora valutati e presi in considerazione a livello teorico. Sottolinea in particolare l'importanza della sua teoria cognitivo-evolutiva, sullo sviluppo delle capacità cognitive e in cui ci parla delle diverse fasi dello sviluppo. Tuttavia, questo non è l'unico campo in cui ha lavorato, ma ha anche dato diversi contributi in campi come la sociologia, la filosofia o anche la biologia.

Riferimenti bibliografici:

  • Cellenieror, G. (1978) Piaget's Thought, study and anthology of texts. Península Editions, Barcellona.
  • Cortés, M.I. e Tlaseca, M. (2004). Monografia Jean Piaget. Università Pedagogica Nazionale. Messico, D.F.

Intervista a Piaget (Dicembre 2021).


Articoli Correlati