yes, therapy helps!
Questo è il dialogo chimico tra il tuo cervello e il tuo stomaco

Questo è il dialogo chimico tra il tuo cervello e il tuo stomaco

Giugno 14, 2024

Sappiamo che il cervello è l'elemento principale responsabile del controllo e della gestione dell'insieme dei processi che avvengono nel nostro corpo. Ma la verità è che anche gli altri sistemi sono molto importanti per il mantenimento di questo sistema e hanno il potenziale per influenzare la sua attività.

Un esempio di questo è il sistema digestivo, grazie al quale possiamo ottenere i nutrienti necessari per mantenerci in vita. Cervello e stomaco sono imparentati e comunicano attraverso gli impulsi nervosi e la trasmissione di sostanze chimiche.

  • Articolo correlato: "Parti del cervello umano (e funzioni)"

Divisioni funzionali del sistema nervoso

Quando parliamo del sistema nervoso, generalmente lo dividiamo nel sistema nervoso centrale, in cui troviamo principalmente il cervello e il midollo spinale e il sistema nervoso periferico o autonomo, che corrisponderebbe all'insieme di gangli e nervi che innervano i diversi organi e fanno sì che l'informazione degli organi passi al cervello e viceversa.


All'interno del sistema nervoso autonomo, di solito identifichiamo due sottosistemi di base, il simpatico e il parasimpatico , che sono responsabili della gestione dell'insieme di attività che il corpo esegue al di fuori della nostra coscienza e preparano i nostri corpi a gestire situazioni pericolose (o riducono l'attivazione una volta passata questa situazione).

Tuttavia, C'è un terzo sottosistema del sistema nervoso autonomo, poco studiato e spesso ignorato nonostante la sua straordinaria importanza per la sopravvivenza. Riguarda il sistema nervoso enterico, una parte del nostro corpo legata all'affascinante fenomeno del dialogo tra visceri e cervello.


  • Forse ti interessa: "I 31 migliori libri di Psicologia da non perdere"

Il sistema nervoso enterico

Il sistema nervoso enterico è di fondamentale importanza nella sopravvivenza dell'organismo. È l'insieme delle fibre nervose che innervano e controllano il funzionamento del sistema digestivo . Controlla aspetti come il movimento dei muscoli del tubo digerente che permettono al cibo di raggiungere lo stomaco, la secrezione di acidi ed enzimi che dissolvono il cibo, l'assorbimento di sostanze nutritive e l'espulsione dei rifiuti.

Questo sistema è composto da milioni di neuroni (in una quantità simile a quella del midollo spinale) distribuita in tutto il tratto digerente e sebbene sia influenzata dai sistemi simpatico e parasimpatico è controllata dai gangli enterici parzialmente indipendenti, agendo di riflesso. Non invano, il sistema digestivo è stato a volte chiamato il secondo cervello.


Anche in questo sistema È possibile trovare una grande quantità di ormoni e neurotrasmettitori (particelle che fungono da messaggeri tra i neuroni), come ad esempio la serotonina (di cui la maggior parte di ciò che presentiamo nel nostro corpo si trova ed è sintetizzata in questo sistema, sebbene sia prodotta anche dal cervello), dopamina, sostanza P o GABA tra molti altri.

Questi neurotrasmettitori sono regolati dal sistema enterico stesso, sebbene vi sia un'influenza su questo sistema da parte del sistema centrale.

  • Forse ti interessa: "Sistema nervoso autonomo: strutture e funzioni"

Comunicazione nervosa stomaco-cervello

Sebbene abbia una certa indipendenza, il sistema enterico e il sistema nervoso centrale sono collegati e alcuni nervi del sistema nervoso centrale sono collegati a diversi organi dell'apparato digerente.

Il nervo vago è il mezzo principale di comunicazione nervosa tra il cervello e il sistema digestivo. Questo nervo ha una grande importanza in diversi sistemi corporei; Nel caso dello stomaco, è stato riscontrato che è stabilita una comunicazione bidirezionale in cui, infatti, la quantità di informazioni che va dallo stomaco al cervello è maggiore di quella che va dal cervello allo stomaco.

Che c'è una maggiore trasmissione di informazioni dallo stomaco al cervello rispetto al contrario è dovuto alla necessità di controllare l'assunzione . Il comportamento dell'alimentazione è governato dal cervello, che causa la necessità per il cervello di ricevere informazioni sul buono o il malfunzionamento del sistema digestivo o sul fatto che il consumo sia nocivo o benefico, nonché sul fatto che il livello di consumo sia eccessivo (sentimenti di sazietà e fame).

Nonostante questo, il vago aiuta a controllare l'attività intestinale specialmente quando l'organismo si trova in una situazione di tensione o pericolo. In questa situazione il sistema simpatico contribuisce a fermare il funzionamento dell'apparato digerente. Quando si verifica la situazione pericolosa, è il nervo vago che è principalmente responsabile della riattivazione del suo funzionamento agendo a livello parasimpatico. Partecipa anche all'emissione di bile.

Inoltre, sebbene il sistema enterico sia in grado di sintetizzare e gestire i neurotrasmettitori, è anche influenzato dal funzionamento del cervello. Le situazioni che generano stress o ansia influenzano il sistema nervoso enterico e la sua motilità, così come gli squilibri neurochimici come quelli che si verificano durante la depressione. Alcuni degli ormoni coinvolti in questa relazione cervello-gastrointestinale sono serotonina, noradrenalina e dopamina. Anche acetilcolina, essendo importante per esempio nel funzionamento del nervo vago.

Forse ti interessa: "Abbiamo sorteggiato 5 copie del libro" Psychologically Speaking "!"

Il ruolo della flora intestinale nella comunicazione

Oltre al ruolo della conduzione nervosa e dei neurotrasmettitori, anche la flora intestinale ha un effetto nella comunicazione tra il sistema nervoso enterico e il sistema nervoso centrale.

I microrganismi che popolano il nostro tratto digestivo hanno un'influenza al momento del sistema enterico per riportare lo stato buono o cattivo del sistema al cervello, attraverso la modificazione della secrezione di neurotrasmettitore. inoltre, influisce sul funzionamento del sistema immunitario , che a sua volta genera un effetto indiretto sul comportamento e sullo stato di salute.

Varie indagini con roditori riflettono anche il funzionamento del sistema digerente e la flora e la fauna intestinale può anche avere un effetto sul comportamento attraverso variazioni sulla struttura e sul funzionamento del cervello, alterando le risposte a determinati neurotrasmettitori.

Effetti della comunicazione tra il cervello e il sistema digestivo

Il fatto che il cervello e il sistema digestivo siano collegati è di grande importanza e ha implicazioni molto rilevanti. Ed è che c'è una influenza sulla parte del sistema digestivo nel funzionamento del cervello, e viceversa.

La presenza di disturbi intestinali può essere collegata a aspetti come l'ansia , ed è stato dimostrato che la presenza di disturbi ansiosi o depressivi può causare il peggioramento o anche la comparsa di problemi digestivi come l'ulcera peptica o l'intestino irritabile.

È stato anche scoperto che alcuni dei microrganismi che rivestono il nostro sistema digestivo possono generare sostanze antiossidanti e antinfiammatorie che possono influenzare positivamente il nostro cervello, stimolando le cellule protettive chiamate astrociti e possono ritardare la neurodegenerazione. Ciò potrebbe rendere interessante condurre ulteriori ricerche su questi effetti.

Ma anche oggi è comune che tra le varie linee guida che sono raccomandate in alcuni disturbi mentali compaiono accenni ad aspetti dietetici e alimentari come un minor consumo di determinate sostanze o il follow-up delle diete specifico (ad esempio, aumentando il livello di triptofano consumato, che a sua volta è correlato alla secrezione di neurotrasmettitori).

Riferimenti bibliografici:

  • Guyton, A.C. (2001). Trattamento di fisiologia medica. (10 ° ed.), Ed. McGraw-Hill Interamericana.
  • Mirre, J.C. (2012). L'importanza del secondo cervello. Discovery Health, 147
  • Rothhammer, V. et al. (2016). Interferoni di tipo I e metaboliti microbici del triptofano modulano l'attività degli astrociti e l'infiammazione del sistema nervoso centrale attraverso il recettore di idrocarburi arilici. Nature Medicine, 22; 586-597.

Gli effetti da l'alcool etilico (etanolo) & Acetaldeide (Giugno 2024).


Articoli Correlati