yes, therapy helps!
Ogni tossicodipendente diventa dipendente?

Ogni tossicodipendente diventa dipendente?

Luglio 12, 2020

Il consumo di sostanze conduce irrimediabilmente alla dipendenza? No. Una persona diventerà dipendente se e solo se vengono date certe condizioni o variabili che consentono lo sviluppo di una dipendenza.

Parleremo di dipendenza quando parliamo di dipendenza. Ciò implica che la persona è collegata a una sostanza da un bisogno. Ha bisogno di consumare e se non c'è sostanza diventa angosciato, irritato e soffre i sintomi dell'astinenza. Vediamolo più in dettaglio.

  • Articolo correlato: "Tipi di farmaci: conosci le loro caratteristiche ed effetti"

La relazione tra consumo e dipendenze

Immagina una scala a tre gradini. Ogni passaggio è di un colore diverso. Nel primo, verde, abbiamo l'uso di sostanze. In questo caso parliamo di un consumo semplice, non problematico, sporadico. Questo non ha difficoltà a breve o lungo termine e non presenta conseguenze molto gravi .


Il secondo passaggio, giallo, ci mette in allerta. Si tratta dell'abuso di sostanze che si riferisce a un uso più complicato. Possiamo già pensare ad eccesso, mancanza di controllo e limiti di impostazione. Può essere un uso occasionale ma eccessivo. La sostanza che abusa, dopo il consumo osserverà alcune difficoltà e conseguenze spiacevoli. Dal bere troppo alcol e fare un pezzo di carta per causare un incidente.

Infine, nella fase rossa, più in alto, individuiamo il consumo più problematico, che è dipendenza o dipendenza. L'oggetto della dipendenza diventa prioritario nella vita della persona . La necessità di consumare conduce la persona a compiere atti che altrimenti non lo farebbero. Pensa tutto il giorno a consumare, lavorare per consumare o rubare per consumare; In breve, il tossicodipendente vive per consumare. Le conseguenze sono gravi, a livello personale, (fisico e psicologico), lavoro, famiglia, sociale o legale. Iniziare un trattamento in questo caso è fondamentale.


Come abbiamo detto all'inizio, non tutti quelli che fanno un uso semplice di una sostanza andranno a scale peggiori , cioè, non tutti i consumatori saranno dipendenti.

Se l'utente della sostanza sale un gradino, trasformerà il suo uso semplice in qualcosa che aggira l'eccesso e il rischio. E se salirà un altro gradino, si ritroverà intrappolato in se stesso, nel suo bisogno di consumare qualsiasi cosa accada.

  • Forse ti interessa: "Dipendenza: malattia o disturbo dell'apprendimento?"

La scala ... unidirezionale?

Una persona può rimanere nel primo passo senza avere problemi legati al consumo. O vai al secondo passaggio e resta lì, occasionalmente avendo problemi di eccesso e incontrollabilità oppure puoi anche andare avanti e raggiungere la cima. Questa è la via della dipendenza, che sta gradualmente crescendo, in modo che il consumo sia necessariamente in aumento. Questa è la via dell'ascesa.


Per quanto riguarda il declino, nel recupero di una dipendenza ci sono diverse teorie e modelli. Da un lato abbiamo il modello di riduzione del rischio e del danno , che aiuterà una persona che ha deciso di consumare per farlo nel modo più responsabile e attento possibile, senza cercare l'astinenza come obiettivo.


Da questo modello si può pensare che una persona che ha raggiunto il livello di dipendenza può scendere al livello di abuso e cercare di moderarlo, e può anche raggiungere il primo passo, sostenendo un uso semplice e responsabile delle sostanze.

D'altra parte, i modelli astensionisti Sostengono che chiunque abbia raggiunto il grado di dipendenza e decide di riprendersi non può consumare di nuovo, anche in modo moderato. Fare ciò potrebbe significare perdere di nuovo il controllo e riavviare il percorso verso la dipendenza. Pertanto, seguendo l'idea della scala, un tossicodipendente non poteva scendere al secondo o primo passo. Direttamente non dovrebbe avvicinarsi o flirtare con il consumo.


conclusione

Quindi, l'astinenza si o no? Poiché ogni caso è unico, la strategia di recupero varierà in base alle caratteristiche delle persone e il tipo di collegamento che hanno stabilito con le sostanze. Pertanto, non esiste un singolo metodo o modello valido per tutti i casi di persone con uso problematico di sostanze. Ecco perché la direzione della scala sarà definita da ogni persona.


Anna, ex tossicodipendente, parla ai giovani: "Di droga si muore, fermatevi" (Luglio 2020).


Articoli Correlati