yes, therapy helps!
Le punizioni funzionano davvero?

Le punizioni funzionano davvero?

Dicembre 7, 2021

Suo figlio di sei anni insiste sul fatto che vuole giocare a calcio nel suo salotto, con la possibilità latente di distruggere vasi e finestre; poi stai fermo, e con la tua faccia seria come i muscoli facciali lo permettono, minaccia di punirti.

Il giorno dopo, la sua piccola progenie dell'inferno si rifiuta di fare i compiti, e tu minaccia di nuovo di punirlo . Più tardi, sembra intenzionato a infastidire sua sorella minore, e tu, che novità, minaccia di punirlo.

Tutti questi casi, ovviamente, sono fittizi, ma rappresentano bene la metodologia disciplinare che molti genitori usano. ma, Le pene sono davvero efficaci? La risposta dipende da cosa intendi raggiungere con tuo figlio.


  • Articolo correlato: "Punizione positiva e punizione negativa: come funzionano?"

Funziona punire?

Se quello che stai cercando è di rispettare immediatamente un ordine , molto probabilmente la strategia avrà successo. Ma in quel caso, tuo figlio accederà a ciò che chiedi per paura, per paura della punizione; non perché lo rispetti come padre o perché crede che procedere in quel modo sia la cosa giusta da fare.

Implicitamente, insegnerai al bambino che i problemi sono risolti minacciando o esercitando il potere . E che il modo migliore per convincere la gente a fare cose è mettere la paura sotto la loro pelle.

  • Forse ti interessa: "Gli 8 libri di psicologia dell'educazione più utili per padri e madri"

L'esperimento di Jonathan Freedman

Un astuto psicologo di nome Jonathan Freedman ha fatto un interessante esperimento che illustra il punto precedente. Ha frequentato una scuola dove ha preso un gruppo di bambini e li ha portati, uno per uno, in una stanza speciale dove c'erano molti giocattoli e granate a buon mercato, tra cui un fantastico robot pieno di luci e gadget che venivano azionati dal telecomando . In questo contesto, Stavo dicendo al bambino che dovevo lasciare la stanza per qualche minutoe nel frattempo potevo giocare con qualsiasi giocattolo, tranne il robot.


"Se riesci a toccare il robot, allora lo scoprirò e sarò molto, molto arrabbiato", ha detto con la sua migliore faccia da orco. Quindi, lasciò la stanza e guardò cosa stava facendo il bambino attraverso un vetro a specchio. Ovviamente, quasi tutti i bambini che hanno superato l'esperimento hanno lottato per controllare i loro impulsi e hanno evitato di avvicinarsi al robot.

Nella seconda condizione dello stesso esperimento, Freedman disse semplicemente ai bambini che, mentre erano assenti per qualche istante, potevano divertirsi giocando, ma che "non era bello per loro giocare con il robot". In questo caso, non ha fatto ricorso a minacce di alcun tipo, semplicemente ha assicurato loro che non era giusto toccare il robot. In questa occasione, come nella precedente, praticamente tutti i bambini evitavano di avvicinarsi al robot, e si stabilirono per gli altri giocattoli privi di attrattiva.

L'effetto dell'assenza di autorità

Ma la cosa interessante è quello che è successo poco più di un mese dopo. Freedman ha inviato un collaboratore alla stessa scuola per ripetere la stessa sequenza con gli stessi bambini, sia da un gruppo che dall'altro. Solo che questa volta, quando la donna ha dovuto lasciare la stanza, non ha detto assolutamente nulla ai bambini. In altre parole, erano liberi di fare tutto ciò che volevano.


Quello che è successo è stato assolutamente sorprendente e rivelatore. I ragazzi del primo gruppo, che un mese prima avevano evitato di giocare con il robot adattandosi a un ordine esterno emesso da un adulto accigliato, non essere presente ora quell'adulto e scomparso, di conseguenza, la minaccia, si sentivano liberi di giocare con il giocattolo proibito.

Al contrario, i ragazzi del secondo gruppo, che non erano ancora presenti sul Freadman, fecero esattamente lo stesso dell'occasione precedente e rimasero lontani dal robot in attacco. In assenza di una minaccia esterna, in primo luogo, sembrava che avessero sviluppato i propri argomenti interni che giustificavano il motivo per cui non dovevano giocare con il robot.

Quindi, forse convinto che fosse la sua decisione, e non l'imposizione arbitraria di qualcun altro , si sentivano inclini ad agire in modo coerente con le loro convinzioni. Questi bambini, essendo liberi da pressioni esterne, si assumevano la responsabilità delle proprie azioni, probabilmente sentendo che erano loro che sceglievano volontariamente ciò che volevano fare.

  • Potresti essere interessato: "Condizionamento operante: concetti e tecniche principali"

L'importanza della motivazione

La morale è chiara: sia le punizioni sia i premi sono motivazioni esterne che non generano un impegno a lungo termine, svanendo il comportamento desiderato non appena la conseguenza desiderata scompare.

Nella vita di tutti i giorni, ho spesso osservato con i miei occhi, come alcuni genitori, anche peggio, puniscono i loro figli costringendoli a fare i compiti oa leggere un libro , creando la falsa idea che queste attività siano di per sé cattive, sgradevoli e degne di essere evitate. In cambio, sono ricompensati con più ore di televisione e videogiochi, rafforzando l'idea che queste attività siano desiderabili e abbiano un grande potere di gratificazione.

Sì, cari lettori. È comune in questi tempi che i nostri figli crescano credendo che leggere è trascurabile e dovrebbe essere evitato a tutti i costi, e guardare la televisione è la via del piacere e del successo personale. Se sei il padre di un bambino piccolo, o hai intenzione di essere il più presto possibile, ti affido a fare le cose come appropriato: educalo sulla base di un minimo insieme di criteri morali se vuole diventare finalmente un buon adulto. Non ci vuole più di questo. Non insegnargli a ubbidire solo per paura della punizione .

Ad un certo punto, se sei fortunato, diventerai vecchio. Non lamentarti se il tuo figlio storicamente intimidito è diventato un adulto dispettoso e decide di affidarlo a un geriatrico squallido, o mandarlo in vacanza in Etiopia nel bel mezzo dell'estate.


10 Lavori Che Non Crederai Esistano Realmente (Dicembre 2021).


Articoli Correlati