yes, therapy helps!
6 curiosità sulla memoria (secondo la scienza)

6 curiosità sulla memoria (secondo la scienza)

Settembre 25, 2020

Sappiamo tutti che cos'è la memoria e a cosa serve, tuttavia non tutti sanno come funziona e quali sono le sue peculiarità, al di là della memorizzazione delle informazioni che ci circondano.

In questo articolo spiegheremo brevemente come vengono archiviate queste informazioni , per capire le curiosità che lo caratterizzano e rende questa funzione un mistero che non è stato ancora completamente risolto.

Curiosità sulla memoria: come funziona?

Per comprendere le singolarità che la memoria umana comporta, è prima necessario sapere come funziona, o quali elementi o passaggi ne consegue quando percepiamo una cosa fino a che non viene formato un ricordo su di essa.


La memoria è quella funzione del cervello che è responsabile della codifica, del salvataggio e del recupero di tutte le informazioni acquisite nei momenti passati. A seconda di quanto lontano è passato, la memoria è divisa in memoria a breve termine o memoria a lungo termine.

Questo ricordo è possibile grazie ai collegamenti sinaptici che esistono tra i neuroni, che sono collegati ripetutamente per creare reti neurali. Inoltre, l'ippocampo è la principale struttura del cervello legata alla memoria, quindi il suo deterioramento o lesione causerà numerosi problemi in esso.

Tuttavia, ci sono molti altri sistemi relativi alla memoria e ognuno di essi ha funzioni speciali a seconda delle loro caratteristiche. Questi sistemi includono alcune regioni della corteccia temporale, l'area centrale dell'emisfero destro, la corteccia parieto-temporale, i lobi frontali e il cervelletto.


Sapendo già che ci sono diversi passaggi nella creazione dei ricordi, sarà più facile per noi capire quali curiosità coinvolgono la nostra memoria . Poiché questi possono verificarsi sia quando si codificano le informazioni esterne, sia nei momenti in cui il nostro cervello lo memorizza o quando cerchiamo di recuperare o evocare un ricordo.

6 curiosità sulla memoria

A causa della complessità dei sistemi che circondano la creazione e il recupero dei ricordi, la memoria nasconde molte curiosità sia in relazione al proprio funzionamento che in relazione a malattie o sindromi, che la alterano in molti modi inaspettati.

1. Il nostro cervello crea falsi ricordi

Non tutto ciò che ricordiamo è vero o è successo nella vita reale . I falsi ricordi consistono nel recupero nella memoria di un evento o di una situazione che non è mai esistita.


Se torniamo ai passi che la memoria segue per creare una memoria, il primo è di percepire e codificare informazioni esterne. Quando questi stimoli esterni sono troppi o troppo intensi, il nostro cervello può subire un sovraccarico e i processi di associazione vengono alterati creando falsi ricordi.

Lo stesso accade quando parliamo di situazioni o esperienze traumatiche, la creazione di falsi ricordi è una strategia di difesa della nostra mente per proteggerci dai ricordi che possono influenzarci in modo dannoso.

Pertanto, un falso ricordo non può essere considerato una menzogna, poiché la persona che sta raccontando questa esperienza crede ciecamente che ciò sia accaduto.

2. L'effetto Mandela

Strettamente collegato al punto precedente è questa curiosità del ricordo noto come effetto Mandela. Nel caso dell'effetto Mandela, questi falsi ricordi di cui abbiamo parlato prima sono condivisi da gran parte della popolazione.

Il miglior esempio per spiegarlo è quello che gli dà il nome. Nell'anno 1990, quando Nelson Mandela fu finalmente rilasciato dalla prigione, una grande parte della popolazione provocò un grande scalpore. La ragione era che queste persone erano sicure che Nelson Mandela fosse morto in prigione, hanno anche affermato di essere stati testimoni del momento in cui la sua morte è stata riportata in televisione, così come il suo funerale. Tuttavia, Mandela morì 23 anni dopo da un'infezione respiratoria .

Pertanto, questo effetto descrive il fenomeno in un gran numero di persone che ricordano, quasi esattamente, un evento o eventi che non si sono mai verificati come tali o che non corrispondono a ciò che detta la realtà.

3. Criptomnesia

Il fenomeno della criptomnesia è quello con cui la persona recupera un ricordo della memoria ma tuttavia non la vive come memoria, ma come idea o esperienza originale.

In questo caso, la persona crede di aver avuto un'idea per la prima volta, come risultato della loro creatività e immaginazione, ma non sono consapevoli che si tratta in realtà di una memoria di memoria nascosta che forse hanno già pensato in precedenza o che hanno visto o letto in qualche modo. un altro sito

4. Ipermnesia

La capacità di ipermnesia. o iperthesia, è quello di ricordare o recuperare dalla memoria un numero di ricordi di gran lunga superiore a quello a cui può accedere la maggior parte della gente.

Le persone con ipermnesia presentano una grande velocità quando si tratta di programmare, salvare e recuperare ciò che li circonda ; quindi sono in grado di ricordare qualsiasi situazione o esperienza con molti dettagli e informazioni sorprendenti.

Tuttavia, è necessario sottolineare che questa ipermnesia o capacità di memorizzare una grande quantità di informazioni è limitata alla memoria autobiografica. Vale a dire, al ricordo che memorizza tutti gli aspetti o le situazioni che viviamo durante la nostra vita.

5. Il cervello mantiene solo ciò che è importante e la mente crea i dettagli

Uno studio condotto presso l'Università di Harvard, dal professore e psicologo Daniel L. Schacter , ha rivelato che ogni volta in cui il nostro cervello recupera un ricordo, viene modificato.

Ciò significa che il nostro cervello conserva solo informazioni importanti o contenuti emotivi, ma il resto dei dettagli di ciò che è vissuto non viene memorizzato, aggiunto e successivamente inventato dalla nostra mente.

L'obiettivo di questo fenomeno è di evitare di sovraccaricare la memoria con dettagli non necessari al fine di contenere quante più informazioni pertinenti possibili.

6. I ricordi dipendono dal contesto e dalle emozioni

L'apprendimento e l'archiviazione dei ricordi dipendono in gran parte da come e dove, proprio come dipendono da come ci sentiamo.

Ciò significa che, a seconda del luogo in cui ci troviamo, sarà molto più facile recuperare dai ricordi delle situazioni vissute nello stesso luogo.

Con le emozioni funziona allo stesso modo, secondo il nostro umore la memoria tenderà a salvare i ricordi in cui abbiamo vissuto quelle emozioni . Cioè, quando siamo felici o felici, è più facile per noi ricordare situazioni in cui eravamo anche felici.


32 Metodi Psicologici Per Comprendere La Mente Degli Altri (Settembre 2020).


Articoli Correlati