yes, therapy helps!
Cos'è la violenza indiretta?

Cos'è la violenza indiretta?

Potrebbe 1, 2024

La violenza di genere è una delle piaghe che rimangono in vigore nella società di oggi. Finora quest'anno almeno sette donne hanno perso la vita nelle mani dei loro partner , il primo poche ore dopo l'inizio del 2017.

Abuso e violenza domestica devastano la persona aggredita sia fisicamente che mentalmente, sia essa donna o uomo. Ma la violenza non riguarda solo i membri della coppia.

Quando ci sono bambini coinvolti, soffrono entrambi dall'osservazione dei maltrattamenti ai loro cari e, in molti casi, dalla violenza diretta o indiretta contro di loro. Alcuni di loro sono addirittura aggrediti fisicamente o psicologicamente allo scopo di danneggiare l'altra componente della relazione. Ciò che questi bambini stanno soffrendo è chiamato violenza indiretta .


Cosa significa "vicario"?

Il concetto vicario si riferisce alla sostituzione o sostituzione di un individuo con un altro nell'esercizio di una funzione o nell'esperienza di una situazione. Un esempio facile da comprendere può essere contemplato nell'apprendimento vicario, in cui si impara dall'osservazione degli atti compiuti da altre persone e dalle loro conseguenze.

Comprendendo il concetto, si comprende che la violenza indiretta verrà definita come situazioni in cui sta per effettuare una sorta di aggressione su una persona o la sostituzione di un'altra, che sarebbe il vero obiettivo o collateralmente.

Violenza indiretta: che cos'è e perché viene eseguita

La violenza indiretta è un tipo di violenza intrafamiliare che include tutto quel comportamento effettuato in modo consapevole per generare danni a un'altra persona, agendo secondariamente a quella principale. Tale violenza è una forma di abuso sui minori che può andare dalla visualizzazione e alla testimonianza da parte di minori di aggressioni da parte di uno dei suoi parenti a un altro o dalla sofferenza delle aggressioni dirette come metodo per causargli danno.


In molti casi, il figlio o la figlia vengono utilizzati strumentalmente con l'obiettivo di danneggiare il vero obiettivo della violenza , la coppia. L'individuo che esercita l'abuso sfrutta la fragilità dei minori, danneggiando e danneggiando la loro integrità fisica o psicologica per danneggiare psicologicamente il loro partner, risvegliando in essi sofferenza, dolore e senso di colpa non potendo difendere i propri cari. la vittima

La violenza indiretta o la minaccia di esso viene anche usata come meccanismo di coercizione e controllo nei confronti della vittima adulta: prima che la conoscenza di ciò che l'aggressore è capace, il coniuge o il minore sia costretto a cedere alle pretese e ai desideri della vittima. un altro e anche nella paura che i minorenni vengano attaccati, la vittima adulta ha meno opzioni da segnalare, chiedere aiuto o fare qualcosa che li mette a rischio.


Questo tipo di violenza domestica può verificarsi in più modi, sia a livello di abuso psicologico, privazione dei bisogni di base, abusi fisici e persino abusi sessuali. In alcuni casi, questo tipo di violenza può portare alla morte del bambino , sia sotto forma di omicidio o omicidio premeditato.

Profilo dell'aggressore

Sebbene il grilletto delle aggressioni possa essere molto diverso a seconda del caso, in molti casi dietro alla violenza vicaria si può trovare un profondo senso di inferiorità e mancanza di autostima , che generano nell'abusante una frustrazione che viene aggressivamente scaricata attraverso la violenza sugli altri. Come con altre forme di violenza domestica, di solito sono gli uomini tra i venti ei cinquant'anni, sebbene ci siano anche casi in cui l'aggressore è una donna.

La maggior parte dell'aggressore tende a cercare il dominio e l'esercizio del potere attraverso la sottomissione del suo partner e dei bambini, sentendosi una figura autoritaria e godendo l'obbedienza e il controllo della situazione con cui cercano di compensare le tue insicurezze. A volte i comportamenti violenti possono essere aggravati o innescati durante l'ubriachezza o alterazioni della coscienza.

Effetti sul minore

La sofferenza di questo tipo di violenza genererà sul minore una serie di effetti fisici e psicologici che segnerà in profondità la stragrande maggioranza delle aree vitali, causando una serie di gravi danni nel loro sviluppo.

Prima di tutto, uno degli effetti più immediati può essere osservato quando l'abuso si verifica a livello fisico. Assalti che il bambino può soffrire può provocare gravi lesioni che possono richiedere il ricovero in ospedale e può anche portare a una disabilità (a seconda delle aree che sono feriti) o addirittura la morte.

A livello psicologico, l'autostima e il concetto di sé possono essere gravemente danneggiati.Come regola generale, vi è un deterioramento dell'attenzione e della capacità di concentrazione, un calo del rendimento scolastico e un alto livello di demotivazione. L'insorgenza di disturbi da stress post-traumatico, con reminiscenze di aggressioni, l'elusione di situazioni che ricordano l'abuso e un alto livello di attivazione fisiologica è frequente. Non è sorprendente che compaiano ansia o disturbi dell'umore come la depressione. La paura e l'anedonia sono sintomi frequenti che possono anche avvertire l'ambiente sociale che il bambino sta subendo un qualche tipo di abuso. I tentativi di suicidio a un certo punto del ciclo di vita, inclusa l'infanzia, non sono strani.

A livello emotivo l'acquisizione di abilità sociali, la comparsa di empatia e problemi di autocontrollo sono molto difficili. . In questo modo viene favorita anche l'apparizione nel futuro di diversi disturbi di tipo psicotico o comportamenti antisociali, aggressivi e psicopatici.

A livello sociale, questi minori tendono a sviluppare atteggiamenti di grande sfiducia nelle loro relazioni interpersonali, risultando in un legame affettivo più complesso con le terze parti. Tutto ciò deriva dalla violazione e dall'abuso a cui sono stati sottoposti, in particolare aggravato dal fatto che l'aggressore o l'aggressore è una figura significativa e vicina. Il fatto che esista un legame affettivo rende più complicato per loro denunciare o intraprendere altri tipi di azioni. È anche possibile che i maltrattamenti visualizzati o sofferti siano dissociati dal resto dell'esperienza, mantenendo una vita sociale relativamente normale al di fuori della casa come meccanismo di compensazione. Non è raro che gli atteggiamenti iperprotettivi si sviluppino con le persone più significative al fine di impedire loro di soffrire la stessa sofferenza come loro.

Infine, la violenza indiretta a cui sono stati sottoposti può far sì che i bambini affetti acquisiscano gli schemi comportamentali che sono stati in grado di osservare, generando un apprendistato indiretto della situazione in cui possono eventualmente replicare il maltrattamento essendo abituati a loro e considerano la violenza in famiglia e la coppia come un comportamento normale.

trattamento

Il trattamento di questo fenomeno deve essere affrontato da una prospettiva multidisciplinare, in cui i servizi sociali, sanitari, educativi, amministrativi e giudiziari lavorano insieme. A tal fine, sono stati realizzati diversi protocolli d'azione in caso di abusi sui minori in famiglia.

La legislazione vigente deve garantire al bambino che soffre o testimonia abusi il diritto di fornire servizi di assistenza che si occupano dei bisogni derivanti dalla situazione di violenza, essendo in entrambi i casi una vittima di violenza domestica e che richiedono la prevenzione di nuove situazioni che possono causare danni fisici o psicologici. In questo aspetto, l'individuazione e la segnalazione di casi di abuso sono fondamentali, motivo per cui sono stati stabiliti diversi protocolli di osservazione in istituti come ospedali e scuole.

A livello psicologico è necessario lavorare dal punto di vista psicologico con le vittime dell'aggressione, sia con i bambini colpiti sia con gli adulti, indipendentemente dal fatto che siano stati testimoni o abbiano subito aggressioni. La necessità di dare una spiegazione alla situazione produrrà una profonda frustrazione che devono essere in grado di esprimere, ed è necessario lavorare in aggiunta alle cognizioni e alle emozioni causate dai maltrattamenti.

Collaborare al trattamento della situazione sofferta, favorire e promuovere un concetto di sé realistico, evitare l'elusione comportamentale ed eliminare la tipica auto-colpa di un gran numero di vittime sono obiettivi terapeutici comuni, che devono essere intrapresi convalidando le sensazioni degli individui e accettandoli incondizionatamente.

Per quanto riguarda l'aggressore o l'aggressore, indipendentemente dalle conseguenze legali delle loro azioni e dalle misure preventive imposte (come l'ordine restrittivo) sono state create varie terapie di riabilitazione che mirano a modificare i loro comportamenti offensivi e migliorare la gestione della frustrazione, attraverso tecniche di modificazione del comportamento e altre tecniche cognitive ed emotive.

Riferimenti bibliografici:

  • Deu del Olmo, M.I. (2016). Figli e figlie vittime della violenza di genere nella città di Ceuta. Granada: Università di Granada. [//Hdl.handle.net/10481/43005]
  • Holt, S .; Buckley, H. & Whelan, S. (2008). L'impatto dell'esposizione alla violenza domestica su bambini e giovani. Una revisione della letteratura. Child Abuse & Neglect, 32, 798-810.
  • Save The Children (2006). Attenzione ai bambini vittime di violenza di genere. Analisi dell'attenzione ai figli e alle figlie delle donne vittime della violenza di genere nel sistema di protezione delle donne. Madrid: Save the Children Spain.
  • Sepúlveda, A. (2006). La violenza di genere come causa di abusi sui minori. Quaderni di medicina legale, 12, (43-44), 149-164.
  • Vaccaro, S. (2015). Violenza indiretta: i figli e le figlie vittime della violenza contro le loro madri.

La Violenza Psicologica (Potrebbe 2024).


Articoli Correlati