yes, therapy helps!
Hans Eysenck: biografia riassuntiva di questo famoso psicologo

Hans Eysenck: biografia riassuntiva di questo famoso psicologo

Gennaio 28, 2023

Hans Eysenck era uno psicologo tedesco-inglese ben noto per le sue teorie sulla personalità . È passato alla storia come una delle figure più influenti della psicologia moderna e le sue teorie sono ancora in discussione e utilizzate da psicologi e altri esperti del comportamento umano.

In questo articolo passiamo in rassegna la vita di questo psicologo da una biografia molto breve di Hans Eysenck , descrivendo alcune caratteristiche della sua vita e del suo lavoro.

  • Articolo correlato: "Storia della psicologia: autori e teorie principali"

Hans Eysenck: biografia di uno dei padri della psicologia moderna

Hans Eysenck è nato il 4 marzo 1916 a Berlino, in Germania. Crebbe e visse in quella città fino al 1934, quando fu costretto a rifugiarsi prima in Francia e poi nel Regno Unito dal regime nazista.


I suoi genitori erano attori, che quando si separarono e affrontarono le condizioni del paese, si trasferirono in Francia. Eysenck è cresciuto con la nonna materna, Frau Werner, con la quale ha avuto un'educazione gratuita e piena di stimoli intellettuali e culturali. Si è distinto subito come un bravo studente e anche un buon atleta.

Alla fine ha dovuto emigrare ed è stato a Londra, dove ha iniziato a studiare psicologia (presso l'Università di Londra). Nella stessa città, ha lavorato come psicologo clinico e ha lavorato anche nell'Istituto di Psichiatria.

Hans Eysenck è accreditato di aver costruito uno dei più forti paradigmi della personalità nella storia della psicologia. C'è chi lo considera addirittura "il padre della psicologia".


  • Potresti essere interessato: "La teoria della personalità di Eysenck: il modello PEN

I suoi campi di lavoro e ricerca

Mentre era studente, Eysenck ha partecipato a vari incontri e revisioni di teorie dell'intelligence. Insieme ad alcuni intellettuali americani, Ha anche sviluppato opzioni terapeutiche diverso dalla psicodinamica, che era il più popolare al momento.

Si rese anche conto che la psicologia come scienza era sullo sfondo rispetto alla psichiatria. Eysenck rimase interessato a rivendicare lo status del primo ea cercare cooperazione tra loro.

Nello stesso senso rimase critico per le diagnosi fatte dalla psichiatria . Ho visto molte contraddizioni e difficoltà a difenderle teoricamente. Da queste esperienze ha sviluppato il proprio modello di personalità, recuperando molti degli approcci della filosofia e della psicologia classica.


Oltre a misurare la personalità, insistito sul valore di conoscerlo e interessato a risolvere il problema della tassonomia utilizzata in psichiatria, Eysenck sosteneva che la personalità non si verifica nella normalità continua - nevrosi - psicosi, ma che le dimensioni che meglio rappresentano questo sono il nevroticismo e lo psicotismo .

Da questo ha fatto studi con molte delle persone con cui ha lavorato come psicologo clinico, persone che hanno avuto qualche diagnosi psichiatrica e persone che non l'hanno fatto. Dopo aver analizzato i dati, ha proposto due fattori chiave per la personalità: il nevroticismo e l'extraversione.

Anni dopo e da nuovi studi, aggiungere una nuova nuova dimensione: lo psicotismo. Infine presento un modello gerarchicamente organizzato in quattro livelli che vanno dai tipi di personalità e le loro caratteristiche, alle risposte specifiche che corrispondono a ciascuno di essi. Questo lavoro ha dato forma a ciò che è noto come il modello di personalità PEN .

  • Forse ti interessa: "Le teorie dell'intelligenza umana"

Dalla personalità all'intelligenza

Attraverso i suoi studi, Eysenck sviluppò il famoso modello di personalità psicotica-extroversione-nevroticismo, con fattori biologici per ognuno, cioè, evidenziando il ruolo dell'ereditarietà genetica nello sviluppo della personalità. Ad esempio, Ha sostenuto che le differenze psicologiche e le loro determinanti ereditarie possono essere testate empiricamente. .

Questo è stato ciò che lo ha portato alla fine a sviluppare ricerche su questioni legate alla personalità, ma che vanno un po 'oltre, come l'intelligenza, la creatività, il rapporto tra geni e cultura, crimine, sessualità, il rapporto tra personalità e malattie o dipendenze, tra gli altri.

Molti dei suoi studi sul quoziente intellettuale e il suo rapporto con i sistemi culturali hanno ricevuto molte critiche. Ad esempio, le sue teorie sono state usate sia per giustificare le dinamiche razziali sia per confutarle.

I suoi ultimi studi si sono concentrati sull'analisi della creatività e sulla sua relazione con fattori biologici. e il suo modello di personalità è stato adattato a numerosi test psicometrici valutare sia l'intelligenza che i tratti della personalità. Attualmente sono utilizzati in ambito clinico, educativo, professionale e lavorativo.

Opere in evidenza

Tra i suoi lavori più importanti ci sono: Struttura della personalità e misurazione del 1969 (Strutture di personalità e misura), La struttura della personalità umana del 1970 (La struttura della personalità umana), Geni, cultura e personalità del 1989 (Genes, Culture and Personality).

Sulla specifica relazione tra intelligenza, personalità e biologia, alcune delle sue opere più importanti sono La base biologica della personalità del 1967 (Le basi biologiche della personalità) e Personalità, genetica e comportamento del 1982 (Personalità, genetica e comportamento).

Riferimenti bibliografici:

  • Schmidt, V., Oliván, M.E., L, F. et al (2008). Hans Jürgen Eysenck. Vita e lavoro di uno degli scienziati più influenti nella storia della psicologia. Progressi nella psicologia latinoamericana / Bogotá (Colombia), 26 (2): 304-317.

LA VIDA DE HANS EYSENCK (Gennaio 2023).


Articoli Correlati