yes, therapy helps!
Cos'è l'invecchiamento sociale? 4 meccanismi di difesa utilizzati dagli anziani

Cos'è l'invecchiamento sociale? 4 meccanismi di difesa utilizzati dagli anziani

Ottobre 14, 2019

Dalla metà del secolo scorso, l'interesse della psicologia per anticipare i problemi sociali ha messo a fuoco lo sviluppo degli anziani e la loro partecipazione alla vita quotidiana.

Secondo studi sociologici, il nostro ambiente sta invecchiando a passi da gigante. Il numero di anziani è più grande che mai e si stima che entro il 2025 ci saranno circa 1.100 milioni di persone sopra gli 80 anni. Se le prospettive portate avanti dalle Nazioni Unite sono vere, il 13,7% della popolazione avrebbe tra 60 e 80 anni.

Lo studio dell'invecchiamento dalla psicologia sociale comprende i processi e i meccanismi psicologici associati a questo stadio e il modo in cui sono influenzati culturalmente e socialmente. Considera l'invecchiamento un periodo in cui le persone raggiungono determinati risultati e crescono a livello psicosociale e sostiene che nessun periodo di vita dovrebbe essere definito dalla "perdita", sebbene in tutti ce ne sia qualcuno.


  • Articolo consigliato: "I 4 cambiamenti psicologici nella vecchiaia"

Vecchiaia, stabilità o cambiamento?

Invecchiando, affrontiamo molteplici situazioni inedite alle quali finiamo per adattarci. Queste situazioni ci rendono consapevoli del passare del tempo e ci danno l'opportunità di incorporare cambiamenti nelle nostre vite senza perdere la sensazione di stabilità. Prova di ciò è che, secondo numerosi studi, manteniamo una grande stabilità nella nostra autocoscienza per tutta la vita .

Sebbene la maggior parte dei cambiamenti siano incorporati nella nostra auto-consapevolezza senza perdere il senso di continuità, alcune situazioni provocano un'esperienza di rottura e segnano il passaggio a un nuovo stadio.


I richiami più rilevanti sono quelli corporali (dolori e malattie durante la vecchiaia), quelli simbolici (compleanni, anniversari, ecc.), Quelli generazionali (legati alla famiglia e agli amici), quelli ambientali (legati alla vita pubblica e al lavoro) e quelli vitali (esperienze personali). Uno dei richiami più rilevanti è il pensionamento, che, da un lato, rappresenta l'opportunità di essere autonomo e indipendente, ma dall'altro impone una rottura con ruoli e abitudini che sono stati mantenuti per anni, segnalando la fine della fase di mezza età e l'inizio della vecchiaia.

Edadeismo o discriminazione nei confronti degli anziani

Le persone tendono a sviluppare convinzioni stereotipate sull'età delle persone, che includono personalità, ruoli sociali o comportamenti "propri" di ogni fase della vita. Queste credenze vengono apprese in età molto precoce e trasmesse passivamente e attivamente, ad esempio, associando i capelli grigi con la vecchiaia o definendo "certi" determinati vestiti o comportamenti nelle persone anziane.


Secondo uno studio condotto da Cuddy, Norton e Fiske, le persone oltre 70 sono percepite come più incompetenti, dipendenti, gentili, calme e pazienti , così come con minore benessere mentale e fisico. Questi stereotipi, indipendentemente dalla loro connotazione, incoraggiano una visione semplificata ed errata della vecchiaia, ma la psicologia sociale ha trovato due interventi che possono ridurli. In primo luogo, promuovere i contatti tra le diverse generazioni al fine di promuovere la conoscenza reciproca e l'interdipendenza. In secondo luogo, educare ai valori e promuovere un trattamento rispettoso nei confronti delle persone di diverse età.

Come combattere gli effetti dannosi dell'invecchiamento sociale

Spesso le persone che vedono la loro auto-stima sociale danneggiata implementano strategie che, inconsciamente, può aiutare a sviluppare un'identità sociale positiva e migliorare il benessere soggettivo . Queste strategie sono applicabili agli anziani che sono vittime degli stereotipi legati alla vecchiaia.

1. Rinvia l'auto-categorizzazione sociale

Questa strategia, comune nelle persone di mezza età e nelle prime fasi di età avanzata, è posticipare l'autoclassificazione come membro della fascia di età più avanzata cioè spostando il punto di taglio da cui inizia la vecchiaia quando invecchi.

2. Ottimismo illusorio relativo

Questa strategia, nota anche come auto-sensato, rappresenta un modo per reagire alla minaccia all'autostima causata dall'appartenenza al gruppo di persone anziane . Consiste nel percepire se stessi più favorevolmente di altre persone della stessa età, a livello fisico, sociale o psicologico.

È stato studiato da Heckhausen e Krueger. Nella loro ricerca, le persone del gruppo oltre 60 erano le uniche a rispondere in modo diverso a se stesse e al resto dei membri della loro fascia di età. Alcune delle differenze evidenziate erano che avrebbero perso le loro caratteristiche positive più lentamente rispetto agli altri e che avrebbero impiegato più tempo a subire gli effetti negativi della vecchiaia.

3.Ottimismo illusorio assoluto

Quando ci troviamo in una situazione di incertezza, di solito esageriamo le nostre aspettative di controllo e sviluppiamo una visione ottimistica del futuro. Questa strategia è frequente quando, oltre all'incertezza, c'è una sensazione di vulnerabilità, come nelle persone con problemi di salute.

La differenza tra l'ottimismo illusorio relativo e assoluto è che in quest'ultimo, l'immagine positiva di sé è costruita senza bisogno di confronto con gli altri . Entrambi i tipi di ottimismo diminuiscono i livelli di stress e angoscia e la loro assenza è correlata ai sintomi depressivi e ansiosi.

4. Confronti sociali asimmetrici

Possono essere "giù" rispetto ad altre persone della stessa età ma in condizioni peggiori, o "su" se confrontate con persone in condizioni migliori. Nel primo caso, permettono di regolare i sentimenti negativi che provocano il deterioramento della vecchiaia e migliorano l'autostima. Sono comuni quando si tratta di difficoltà o perdite irreversibili , come l'invecchiamento fisico o la perdita di una persona cara.

D'altra parte, i confronti al rialzo forniscono speranza e motivazione per affrontare una situazione che provoca disagio ma ha un rimedio, poiché forniscono informazioni su come le altre persone hanno risolto un problema.

Altre strategie specifiche per gli anziani sono la selezione socio-emotiva (scelta di esperienze di vita soddisfacenti dal punto di vista emotivo), i meccanismi di compensazione (utilizzando risorse alternative che compensano le perdite di salute, come un accompagnatore o supporto strumentale) e la sottovalutazione della salute ( minimizzare l'importanza dei sintomi, considerandoli normali per l'età che si ha).


Psiche e soma: neuroscienze e emozioni (Ottobre 2019).


Articoli Correlati