yes, therapy helps!
Scrivere delle nostre emozioni può aiutare a chiudere le ferite

Scrivere delle nostre emozioni può aiutare a chiudere le ferite

Dicembre 7, 2021

Dai suoni e dai gesti primitivi emessi dal Homo habilis anche le complesse lingue sviluppate dal Homo sapiens, l'essere umano ha la capacità di trasportare tutto ciò che accade nella sua testa verso l'esterno attraverso vari suoni a cui è stato assegnato un significato.

Attraverso il linguaggio, possiamo parlare di cose accadute anni fa, pianificare un evento per un mese o semplicemente comunicare i nostri sentimenti e preoccupazioni ad un amico.

Ma questa capacità di esternare i nostri pensieri non è limitata al linguaggio, ma piuttostoe grazie a varie tecnologie possiamo registrare le nostre cognizioni nell'ambiente . Dalle pitture rupestri in cui i nostri antenati paleolitici rappresentavano le loro vite e costumi, passando per la scrittura di libri o di questo stesso articolo, fino all'invio di un messaggio di WhatsApp, la capacità di rappresentazione simbolica ci consente di comunicare i nostri pensieri e che tutto chiunque abbia accesso al mezzo di presentazione di questi può entrare in contatto con ciò che pensavamo in quel momento.


Gli effetti psicologici della scrittura

Ma gli effetti della scrittura non vanno solo da noi verso l'esterno; ha anche un impatto sullo scrittore. Oltre a comunicare, anche la scrittura ci consente di ordinare i nostri pensieri , passando da un flusso caotico nella nostra mente a una struttura lineare su carta.

"Le parole fanno rumore, sfocano la carta e chiunque può vederle e ascoltarle. Invece, le idee sono intrappolate nella testa della persona che le pensa. Se vogliamo sapere che cosa pensa un'altra persona, o parlare con qualcuno della natura del pensiero, non abbiamo altra scelta che usare le parole. "(Pinker, 1994).

Articolo correlato: "La psicologia ti dà 6 consigli per scrivere meglio"

Quali effetti può avere la scrittura sulla nostra salute?

Per quanto riguarda il titolo di questo articolo, sembra che, letteralmente, la scrittura possa aiutare ad accelerare il processo di riepitelizzazione di una ferita . Ma non tutti i tipi di scrittura funzionano.


In uno studio dell'Università di Auckland, Koschwanez ei suoi collaboratori (2013) hanno studiato come la scrittura espressiva influirebbe sulla guarigione delle ferite nelle persone di età superiore a 60 anni, poiché è il gruppo di popolazione in cui la funzione immunitaria è più visibile. compromessa. La riduzione della velocità di guarigione è solitamente associata a stress e sintomi depressivi .

Il metodo di scrittura espressiva di solito consiste in quello, in tre giorni consecutivi, la persona deve scrivere per 20 minuti circa l'esperienza più traumatica che ha sofferto , con particolare enfasi su sentimenti, emozioni e pensieri durante questo evento stressante.

Come è stato condotto lo studio?

Per testare la loro ipotesi, questi ricercatori hanno assegnato i soggetti a due condizioni. Da un lato, alcuni dovevano eseguire questa procedura di scrittura espressiva (gruppo di intervento) e, d'altra parte, il gruppo di controllo doveva scrivere 20 minuti al giorno per tre giorni consecutivi su cosa avrebbero fatto il giorno successivo, senza riferirsi alle emozioni o pensieri.


Per misurare la capacità di guarigione, due settimane dopo la prima sessione di scrittura, è stata eseguita una biopsia cutanea di 4 millimetri su tutti i partecipanti. Durante i 21 giorni successivi alla biopsia, un dermatologo ha periodicamente esaminato le ferite, classificandole in "curate" o "non curate", interpretando il termine "curato" come una guarigione completa.

I risultati, molto fiducioso

Per quanto riguarda i risultati dello studio, l'undicesimo giorno dopo la biopsia, il numero di persone le cui ferite erano guarite era già significativamente più alto per coloro che avevano scritto espressamente sulle loro emozioni. Il 76% aveva curato completamente le ferite, rispetto al 42% di coloro che avevano scritto dei loro piani quotidiani.

Precedentemente, il giorno 7 si è osservata una differenza, con 27% di cicatrici nel gruppo di scrittura espressiva rispetto al 10% nel gruppo di controllo . Gli autori ipotizzano che questi risultati siano dovuti al fatto che la scrittura espressiva favorisce l'elaborazione cognitiva di eventi traumatici, percependo l'evento da un'altra prospettiva e riducendo lo stress che ciò causa. Questa riduzione dello stress produrrebbe effetti positivi sul sistema immunitario, favorendo processi come, ad esempio, la guarigione delle ferite.

Questi risultati supportano altri studi in cui è stato trovato che alti livelli di cortisolo, ormone rilasciato come risposta allo stress, gioca un ruolo negativo nella velocità di guarigione.Questo effetto benefico della scrittura espressiva è stato visto anche in altre patologie i cui sintomi sono, in parte, modulati dallo stress, come l'AIDS (Petrie et al., 2004) e l'asma moderato (Smith et al., 2015).

Quali effetti sulla nostra salute mentale può avere la scrittura espressiva?

Concentrandosi sugli effetti psicologici della scrittura espressiva, ci sono numerosi studi che hanno studiato i loro benefici sia nelle popolazioni normative che in quelle a rischio di soffrire di un disturbo. Ad esempio, Krpan ei suoi collaboratori (2013) hanno voluto misurare l'efficacia della scrittura espressiva come complemento di altri interventi in persone con diagnosi di Disturbo Depressivo Maggiore, secondo il DSM-IV.

La procedura dello studio era la stessa di quella sopra menzionata, i partecipanti del gruppo di intervento scriveranno 20 minuti al giorno per tre giorni sui loro sentimenti più profondi riguardo a un evento traumatico. I partecipanti hanno ricevuto una serie di questionari e misure cognitive prima dell'intervento, un giorno dopo la fine dell'intervento e quattro settimane dopo. Tra questi sistemi di valutazione c'era il Beck Depression Inventory.

Per quanto riguarda i risultati ottenuti, un giorno dopo aver terminato l'intervento, la riduzione dei sintomi depressivi era già significativamente più alta in coloro che avevano scritto dei loro sentimenti , emozioni e pensieri rispetto alla misura prima di iniziare l'esperimento e, inoltre, rispetto a quelli che hanno scritto sulle loro attività future. Questa riduzione è stata mantenuta quando i partecipanti sono stati rivalutati quattro settimane dopo l'intervento, ottenendo anche punteggi subclinici.

Quali processi psicologici spiegano questi benefici?

Dopo una serie di studi, Park, Ayduk e Kross (2016) hanno scoperto che quando le persone scrivono di questi eventi traumatici, ciò che fanno è alterare la prospettiva da cui vedono il problema, cioè, cambia il modo in cui essi rappresentano cognitivamente l'evento .

Secondo questi autori, in un primo momento, quando qualcuno analizza un evento negativo, lo rivivono attraverso i loro occhi, cioè la persona che analizza l'evento è la stessa che cerca di ragionare internamente su di esso. Pertanto, esprimere sentimenti, emozioni e pensieri sulla carta ci indurrebbe ad adottare una prospettiva del problema da un punto più lontano. Voglio dire, Passeremo dal rivivere l'esperienza in prima persona a ricordarla come qualcosa di estraneo a noi , simile a come vedremmo un film o leggere una storia che è accaduta a un altro.

Essendo in grado di percepire il contesto dell'evento negativo in un modo più ampio, coloro che ne sono affetti possono costruire una narrazione su di esso, dandogli un significato e dandogli una serie di spiegazioni diverse. Tutti questi processi ridurrebbero l'avversione della memoria, permettendo a questo, secondo Park e ai suoi collaboratori (2016), una minore reattività emotiva e fisiologica. Questi effetti porterebbero a un miglioramento della salute mentale e fisica, e quindi alla qualità della vita.

Uno strumento promettente

In conclusione, a causa del basso costo economico e del tempo che questa attività richiede, dovrebbe essere preso in considerazione come possibile alternativa e complemento quando si tratta di eventi che ci riguardano emotivamente.

Proprio come ci rivolgiamo al nostro ambiente più vicino quando si verifica un problema e vogliamo sentire il vostro sostegno, una carta e una penna potrebbero anche servire come metodo di supporto nei momenti difficili .

Riferimenti bibliografici:

  • Koschwanez, H., Kerse, N., Darragh, M., Jarrett, P., Booth, R., e Broadbent, E. (2013). Scrittura espressiva e guarigione delle ferite negli anziani: uno studio controllato randomizzato. Medicina psicosomatica, 75 (6), 581-590.
  • Krpan, K.M., Kross, E., Berman, M.G., Deldin, P.J., Askren, M.K., e Jonides, J. (2013). Un'attività quotidiana come trattamento per la depressione: i benefici della scrittura espressiva per le persone con diagnosi di disturbo depressivo maggiore. Journal of affective disorders, 150 (3), 1148-1151.
  • Park, J., Ayduk, Ö., & Kross, E. (2016). Fare un passo indietro per andare avanti: la scrittura espressiva promuove l'auto-distanziamento. Emozione, 16 (3), 349
  • Petrie, K., Fontanilla, I., Thomas, M., Booth, R., & Pennebaker, J. (2004). Effetto dell'espressione emotiva scritta sulla funzione immunitaria in pazienti con infezione da virus dell'immunodeficienza umana: uno studio randomizzato. Medicina psicosomatica, 66 (2), 272-275.
  • Pinker, S. (1994). L'istinto linguistico. New York, NY: Harper Perennial Modern Classics.
  • Smith, H., Jones, C., Hankins, M., Field, A., Theadom, A., Bowskill, R., Horne, Rob. & Frew, A. J. (2015). Gli effetti della scrittura espressiva sulla funzione polmonare, sulla qualità della vita, sull'uso dei farmaci e sui sintomi negli adulti con asma: uno studio controllato randomizzato. Medicina psicosomatica, 77 (4), 429-437.

Tus deseos te están esperando por Alicia Sánchez (Dicembre 2021).


Articoli Correlati