yes, therapy helps!
La mentalità vincente: 4 passi per costruire il tuo successo

La mentalità vincente: 4 passi per costruire il tuo successo

Luglio 15, 2024

Quando parliamo di mentalità vincente, è facile per la prima cosa che immaginiamo essere un individualista il cui obiettivo principale è essere più competitivi rispetto al resto. Tuttavia, possiamo anche capire questo concetto in un modo che non ha nulla a che fare con l'avidità: Essere un vincitore può significare, semplicemente, non rinunciare a raggiungere quegli obiettivi personali che, se impegnati nello sforzo, possono essere raggiunti .

In altre parole, avere una mentalità vincente implica non essere sedotti dalle molte scuse che spesso ci poniamo per non abbandonare la nostra zona di comfort.

Rinunciando inconsciamente ai nostri obiettivi

Per molti anni abbiamo saputo fino a che punto l'essere umano è incline ad ingannare se stesso senza rendersene conto. Fenomeni come la dissonanza cognitiva, ad esempio, ci inducono ad accettare credenze irragionevoli per il semplice fatto che ci permettono di ridurre il disagio che appare quando notiamo contraddizioni nel nostro modo di pensare: avrei potuto studiare per l'esame ma non l'ho fatto anche se voglio approvare, ma alla fine non importa perché quell'insegnante mi avrebbe comunque sospeso.


Allo stesso modo, l'euristica, o le scorciatoie mentali della nostra mente, fanno sì che in pochi secondi "costruiamo" le ragioni per optare per una decisione che non sembra molto razionale. Ad esempio, vogliamo perdere grasso corporeo ma la confezione di un prodotto di pasticceria riempito con zucchero raffinato ci seduce, possiamo credere che mangiandolo ci darà l'energia per lavorare i muscoli in palestra e migliorare la nostra capacità di bruciare i grassi in seguito.

Sono esempi in cui l'obbedienza agli impulsi e ai desideri legati alla ricerca del piacere a breve termine si mimetizza sotto uno strato di apparente razionalità. Stranamente, gli esseri umani possono diventare molto creativi quando si tratta di rinunciare ai nostri obiettivi a lungo termine a favore di obiettivi a breve termine. Queste piccole trappole che ti metti sono il principale ostacolo con cui devi affrontare una mentalità vincente : molti degli obiettivi che ci daranno maggiori benefici possono essere raggiunti solo con persistenza e sforzo, e non li raggiungeremo mai senza allenarci in una certa autodisciplina.


Costruire una mentalità vincente

Per abituarsi a mantenere una mentalità produttiva è necessario adottare nuove abitudini e abitudini. Questi sono alcuni di loro.

1. Individuazione degli obiettivi

In primo luogo, è necessario sapere quali sono i nostri principali obiettivi nella vita o in un'area specifica in cui riteniamo di non andare avanti. Per questo è bene scrivere una lista di possibili obiettivi, in modo che non dimentichiamo dopo averli pensati per la prima volta, e poi facendo un esercizio di filtraggio, eliminando quelli meno importanti fino a non lasciare più di 4 o 5. Questo Ci permetterà di conoscere le nostre priorità e di conoscere meglio dove vogliamo concentrare le nostre strategie di sviluppo a medio e lungo termine.

2. Rilevazione delle scuse

Il secondo passo per costruire una mentalità vincente è esamina i tuoi pensieri e impara a individuare le scuse che ci tengono bloccati . È conveniente farlo senza pretendere di essere molto indulgenti con noi stessi e, se abbiamo dubbi, possiamo sempre chiedere l'opinione di persone fidate per avere una seconda opinione.


3. Lasciare la zona di comfort

Questo è il passo più difficile, poiché comporta l'esposizione a situazioni che sono piuttosto stressanti ma che ci avvicinano ai nostri obiettivi. Per questo è bene trovare strategie per "costringerci" a seguire una sequenza di azioni molto chiare e specifiche; in questo modo non possiamo giustificarci con scuse convenienti, perché le linee guida di ciò che dobbiamo fare sono così chiare che non ci sono dubbi sul fatto che le abbiamo fatte o no.

La procrastinazione, o "lo farò domani sindrome" è anche un rifugio molto comune tra le persone bloccate nei loro progetti, ed è per questo che è necessario prevenirne la comparsa rendendo tutto ciò che conta in un momento per essere ciò che sentiamo che dovremmo fare. Allo stesso modo, la paralisi dell'analisi (discussa in questo articolo) viene spesso utilizzata per mascherare l'inazione come se fosse un'attività produttiva.

4. Conserva l'abitudine

Una volta che abbiamo rotto con la dinamica dell'immobilità, è molto più facile andare avanti , ma dobbiamo anche monitorare ciò che facciamo in modo da non rinunciare al progetto.

Per questo è bene pensare alla soddisfazione che deriva dall'aver superato le difficoltà precedenti, che una volta ci ha dato tanta pigrizia o paura e pensando che molti piccoli premi come questi ci attendono. È inoltre necessario continuare a programmare piani d'azione sequenziali in fasi molto brevi e concrete, in modo che in qualsiasi momento sappiamo cosa fare e usiamo tutte le nostre energie per eseguire tali azioni.

conclusiva

Mantenere una mentalità vincente ci consentirà di essere avvisati delle scuse che usiamo per evitare di lasciare la zona di comfort e, allo stesso tempo, di vedere come gli obiettivi che fantasticiamo tanto in passato si stanno avvicinando o realizzando, a patto che dipendano solo da noi.

Ecco perché adottiamo questo modo di pensare, facendolo parte della nostra vita quotidiana avrà un impatto molto positivo sia sulla nostra autostima che sulla soddisfazione generata attraverso lo sforzo .


Personal Branding: istruzioni per l'uso (Luglio 2024).


Articoli Correlati