yes, therapy helps!
Perché alcuni bambini potrebbero essere in grado di uccidere?

Perché alcuni bambini potrebbero essere in grado di uccidere?

Potrebbe 16, 2021

José Rabadán, aveva 16 anni e ha ucciso i suoi genitori e sua sorella, handicappati mentalmente, con una katana, perché pensava che in quel modo avrebbe potuto rendere serena la sua vita. Raquel e Iria, di 17 e 16 anni, hanno ucciso un compagno di classe perché volevano scoprire cosa si prova ad uccidere e farsi conoscere.

Javier Rosado, 21 anni, insieme ad un amico di 17 anni, ha ucciso un passante selezionato casualmente. "El Nano", 13 anni, ha ucciso un amico di 10 anni con una pietra, perché quest'ultimo l'aveva insultato. Antonio Molina, 14 anni, ha gettato la sorellastra di 6 anni in una conduttura di distribuzione dell'acqua dove è morta asfissiata, perché era gelosa di lei. Enrique Cornejo e Antonio Aguilar, entrambi di 16 anni, hanno stuprato e pugnalato un bambino di 11 anni.


Bambini assassini: dati e spiegazioni dalla psicologia

Sebbene ogni caso sia unico e ogni autore abbia motivi diversi per eseguirli, tutti hanno elementi comuni: i crimini sono stati commessi da minori e si sono svolti in Spagna .

Ovviamente, quelli citati non sono gli unici casi di omicidio compiuti da minori che si sono verificati nel paese, ce ne sono di più, anche se questi sono passati alla storia a causa della violenza esercitata e delle motivazioni dei perpetratori.

Perché un minore commette un crimine di questa portata?

È agghiacciante pensare che sin dalla tenera età i bambini possano commettere atti di tale violenza, come manifestato nei casi sopra descritti e la domanda che ci poniamo prima di questi fatti è: come può un bambino sperimentare tali atti? di violenza?


Potresti essere interessato: "Bambini psicopatici: 5 casi di assassini minorenni"

Prove scientifiche: dalla personalità ai conflitti emotivi

Gli esperti che studiano questi fenomeni violenti sostengono varie cause. Echeburúa mette in relazione due ipotesi possibili al riguardo, una delle quali difende un'estrema impulsività causata da un danno cerebrale che colpisce i meccanismi che regolano il comportamento e, dall'altra, si riferisce a una vulnerabilità biologica o psicologica.

Da parte sua, il professore dell'Università di Barcellona Antonio Andrés Pueyo allude a personalità e fattori di opportunità . Questo autore sostiene che in certe situazioni emotive si innesca una serie di atti violenti che possono finire in un omicidio senza il desiderio di uccidere precedentemente mediato. Altre teorie affermano che i predittori che spiegano la violenza in generale, sono anche esplicativi per i casi in cui viene raggiunto omicidio o omicidio.


Alcuni di questi fattori sarebbero: fattori perinatali, educazione molto rigida o permissiva e stili genitoriali, non avendo sviluppato un buon attaccamento nella prima infanzia, sotto autocontrollo, basso rendimento scolastico, vivendo in zone di conflitto, avendo atteggiamenti antisociali, essendo stati vittime di abuso o abuso sessuale durante l'infanzia, uso di alcool e droghe e problemi o disturbi psicologici, come: disturbo antisociale della personalità o psicopatia.

Disturbi psicologici di fondo

Nel secondo caso, i problemi psicologici sono supportati da altre correnti teoriche che lo affermano i disturbi psicologici sono i fattori che fanno la differenza tra quelli che uccidono e quelli che non lo fanno nonostante sia esposto agli stessi fattori di rischio (Farrington, 2012).

Altri fattori che sono stati osservati sono il temperamento dei minori, lo sviluppo morale, l'autostima e l'assenza di empatia, anche se non dovrebbe essere dimenticato, che un'educazione adeguata e corretta può ridurre al minimo gli effetti nocivi che l'ambiente e il la predisposizione genetica può avere nel bambino e quindi ridurre la predisposizione a commettere atti violenti.

Fatto: il 54% dei bambini omicidi soffre di un disturbo di personalità

Uno studio condotto in Spagna con bambini e adolescenti condannati per omicidio, rivela dati molto rivelatori su questo tema: Il 54% di coloro che avevano commesso un omicidio ha sofferto di un disturbo di personalità o comportamento antisociale Il 4% aveva commesso l'omicidio sotto l'effetto di un'epidemia psicotica e il restante 42% erano normali ragazzi e ragazze che vivevano in famiglie apparentemente normalizzate.

La conclusione di questo fenomeno, come si può vedere, non è chiara e la letteratura che troviamo al riguardo è varia e allude a diversi fattori che convergono e scatenano in un atto di estrema violenza, come l'omicidio. Quindi non possiamo parlare in isolamento di opportunità per fattori criminali, psicologici, genetici o ambientali, ma la confluenza di essi. E tieni sempre a mente, proprio come Heide ha concluso Minori assassini tendono ad avere una precedente storia di crimini o comportamento antisociale .

Riferimenti bibliografici:

  • Farrington, D., Loeber, R. e Berg, M. (2012). Giovani che uccidono: un esame longitudinale prospettico dall'infanzia. PUBBLICAZIONI SAGE.
  • Pérez Oliva, M. (2008). Perché un bambino può uccidere? Il paese settimanale.
  • Minori e assassini. Elenco dei reati registrati negli ultimi 18 anni. (2010). Il mondo Estratto da: //www.elmundo.es/elmundo/2010/04/04/espana/1270373512.html
  • Giovani assassini, i casi più scioccanti in Spagna (2013). Teinteresa.es. Recupero da: //www.teinteresa.es/espana/Jovenes-asesinos-casos-estremecedores-Espana_0_958105162.html

WICKED! Children Confess To Killing Their MUM Through Witchcraft!!! (Potrebbe 2021).


Articoli Correlati