yes, therapy helps!
Perché le terapie di conversione sono dannose

Perché le terapie di conversione sono dannose

Dicembre 7, 2021

Come in altre discipline scientifiche, lo sviluppo della psicologia non è stato privo di pregiudizi e pratiche omofobiche. Prova di ciò è stata la lunga e fino a poco tempo trascurata presenza dell'omosessualità come categoria clinica in psicopatologia; così come la creazione delle corrispondenti "terapie di conversione", "terapie riparative di correzione" o "riorientamento sessuale".

Anche se in molti contesti questo ultimo non solo è screditato ma penalizzato legalmente ; in altri luoghi, l'idea medievale e violenta secondo cui l'omosessualità è una malattia o un disturbo che può quindi essere invertito, continua in vigore.

Con l'intenzione di analizzare perché le terapie di conversione sono dannose , in questo articolo inizieremo esaminando cosa è e da dove queste terapie vengono, per vedere finalmente quali sono alcuni dei suoi effetti.


  • Articolo correlato: "5 miti sull'omosessualità smontati dalla scienza"

Psicopatologia e logica della correzione

L'idea di "guarigione", o piuttosto di "correzione", è una logica che attraversa tutta la produzione di psicopatologia, a volte esplicitamente a volte implicitamente. Questa idea diventa facilmente una fantasia che colma le lacune dell'ideologia occidentale più conservatrice e, pertanto, la psicopatologia è stata offerta facilmente come una potente strategia di controllo; in questo caso, di omosessualità .

Come direbbe Foucault negli anni '70 (cit in Montoya, 2006), fin dalla sua nascita, la psichiatria fu proposta come un'opzione che non era utile per "curare" in sostanza, perché ciò che fece fu di intervenire casi di anormalità risolti senza precise basi organiche .


Cosa potrebbe fare allora? Correggi quell'anomalia o cerca di controllarla. Oltre a diminuire un malessere psichico, la psichiatria acquisisce una funzione di protezione sociale; cioè, procurarsi l'ordine di fronte al pericolo rappresentato da ciò che è moralmente collocato come "anormale". In questo contesto, la sessualità, o meglio la non-eterosessualità, non era fuori dal punto di vista patologico . All'inizio è controllato dal caporale e successivamente dal psichico.

Si pone così una relazione inseparabile tra la morale, che viene letta in termini statistici di normalità; e medicina, che viene successivamente derivata in psicopatologia. Di conseguenza, l'eterosessualità è stata intesa in molti contesti come normale e sinonimo di salute. E l'omosessualità come l'anormale e il sinonimo di malattia o, nel migliore dei casi, come un disturbo.

  • Forse ti interessa: "Storia della psicoterapia e psicologia clinica"

La sessualità sempre sotto i riflettori

Essendo una parte fondamentale della condizione umana, la sessualità è rimasta molto presente nei dibattiti filosofici, scientifici e politici più in profondità. A volte, questi dibattiti hanno assunto la forma di prescrizioni morali sul comportamento sessuale; che a sua volta ha influito anche sui desideri, i piaceri, le pratiche, le identità e in generale le visioni sulla sessualità.


Infatti, fino a non molto tempo fa, era difficile rendere pubblico il dubbio generato dalle basi biologiche della sessualità, in base al quale quest'ultimo è ridotto alla capacità riproduttiva di uomini e donne . Non senza essere stato assente in altri tempi e società, è stato fino alla metà del secolo scorso quando la dissidenza sessuale è scesa in piazza per chiedere il libero esercizio della sessualità come diritto umano.

Con la cosiddetta "Rivoluzione Sessuale", molte vite, identità e piaceri che né la morale né la patologia erano riusciti a catturare guadagnavano visibilità; questo soprattutto nel contesto europeo e americano.

Questa è la ragione della lotta per la parità di diritti e per sradicare le forme di discriminazione basate sull'orientamento sessuale . Non solo, ma alla fine, nell'anno del 1973, l'APA si ritira dal suo compendio dei disturbi mentali all'omosessualità. L'OMS fa lo stesso fino al 1990 e, nel primo anno del nostro secolo, l'APA ha anche rifiutato pubblicamente l'implementazione di terapie di conversione.

D'altra parte, ma anche negli Stati Uniti, emerge una forte corrente conservatrice che lotta nella direzione opposta, quella di negare la diversità sessuale e sostiene la concessione dei diritti solo se la sessualità è vissuta in modo eteronormativo. Di fronte al problema di come renderlo eteronormativo, la psicologia conservativa e la psichiatria offrono la soluzione: una serie di terapie di correzione possono "invertire", o addirittura "curare", l'omosessualità.

Domande sull'immutabilità dell'orientamento sessuale

D'altra parte, anche se in minoranza, un'altra parte della scienza ha generato conoscenza che ci ha permesso di mettere in discussione fermamente l'idea dell'omosessualità come patologia.

Montoya (2006) ci parla di alcune indagini che analizzano, ad esempio, lo sviluppo e la diversità gonadica, cerebrale e psicologica. Quest'ultima domanda la visione essenziale ed immutabile dell'eterosessualità , oltre a rendere visibile che non sono stati trovati geni o fattori anatomici o comportamentali che possano spiegare pienamente l'orientamento sessuale.

Quindi, l'orientamento sessuale non è qualcosa di predeterminato e immutabile, ma piuttosto un "processo di interazione continua tra la struttura biologica e psichica della persona e l'ambiente in cui esprimono la loro sessualità" (ibidem: 202).

Terapie di emergenza e di conversione

Abbiamo visto da una prospettiva di Foucault che, nei suoi inizi, la psichiatria è considerata una tecnologia di correzione, in cui la sessualità gioca un ruolo da protagonista. Quando si pensava che quest'ultimo fosse stato superato, il 21 ° secolo arriva a condensare tutto quanto sopra nell'emergere di tecniche che vengono offerte come un'opzione correttiva per l'omosessualità.

La terapia riparativa è emersa per la prima volta nel 1991, un anno dopo l'OMS ritirò l'omosessualità dal compendio delle malattie . Il termine è attribuito allo psicologo clinico americano Joseph Nicolosi, che lo propose come un modello terapeutico che avrebbe permesso di passare dall'omosessualità all'eterosessualità. Fondamentalmente l'idea del "terapeutico" assume in modo generalizzato che l'omosessualità è, in realtà, eterosessualità latente, e che è una condizione che genera infelicità o importante disagio psichico; con il quale, devi correggerlo.

Il terapeuta è così posizionato da un paternalismo omofobico che sopprime l'autonomia della persona. E parte delle opzioni disponibili dal condizionamento avversivo con la terapia elettroconvulsiva alla pratica del celibato attraverso il rafforzamento del senso di colpa .

Da lì, le terapie di correzione non sono considerate come opzioni basate su una visione integrale, rispettosa e rispettosa della diversità, che ci permette di esplorare disagi oltre l'argomento (ad esempio, come conseguenza delle difficoltà di esprimere socialmente il sessualità), ma come un tentativo di correggere la persona perché vive in una sessualità non normativa.

  • Forse ti interessa: "Terapia elettroconvulsiva (ECT): caratteristiche e usi in psichiatria"

Danni e domande etiche

L'APA (2000) afferma che "le modalità psicoterapeutiche volte a cambiare o riparare l'omosessualità si basano su teorie dello sviluppo la cui validità scientifica è discutibile" e raccomanda anche che i medici etici si astengano dai tentativi di cambiare l'orientamento degli individui e considerino i possibili danni.

Il secondo possono essere effetti psicologici che includono l'aumento dell'omofobia interiorizzata (con la conseguente interruzione della libertà sessuale e dei diritti), ma anche manifestazioni cliniche di depressione, ansia e comportamenti autodistruttivi.

Nella sua analisi bioetica sull'argomento, Montoya (2006) ci dice che le principali questioni etiche che possono essere fatte per le terapie di conversione sono le seguenti:

  • Non c'è abbastanza corpo di conoscenza scientificamente validato da sostenere l'efficacia delle terapie riparative .
  • A causa di quanto sopra, si può difficilmente affermare che ci sono professionisti che sono veramente qualificati per applicarli; i singoli criteri ideologici sono facilmente imposti.
  • Nel consenso informato vengono enfatizzate le possibilità di successo, vale a dire le false conseguenze riparative e i danni sono ridotti al minimo .
  • Partono dalla premessa che il comportamento omosessuale e l'identità sono moralmente inaccettabili e quindi una patologia.
  • Non conoscono il rispetto di l'autonomia e la dignità della persona .
  • Esse implicano tecniche di dissuasione rafforzando nella persona l'idea che la loro sessualità sia patologica, inferiore o riprovevole.
  • Non sono innocui : aumentare l'omofobia e aumentare il rischio di suicidio.
  • Non conoscono i risultati raggiunti in materia di diritti umani, sessuali e riproduttivi.
  • Nascondono la diversità umana.
  • Essi travisano il potere del medico.

Riferimenti bibliografici:

  • Montoya, G. (2006). Approccio bioetico alle terapie riparative. Trattamento per il cambiamento dell'orientamento omosessuale. Acta Bioethica, 12 (2): 199-210.
  • APA (2000). Dichiarazione di posizione sulle terapie incentrata sui tentativi di modificare l'orientamento sessuale (terapie riparatrici o di conversione). Azioni ufficiali APA. Recuperato il 25 luglio 2018. Disponibile nella posizione sull'APA focalizzato sulle terapie.

UNIVERSO VERSATILE (Dicembre 2021).


Articoli Correlati