yes, therapy helps!
Dove si trova la mente?

Dove si trova la mente?

Dicembre 11, 2019

Nelle nostre conversazioni quotidiane succede spesso che, quando vogliamo parlare dell'essenza delle persone, parliamo delle loro menti.

Il film (Martín Hache), ad esempio, ha reso popolare uno dei proclami che meglio esprimono questa idea applicata all'attrazione: la cosa interessante non sono i corpi stessi, ma l'aspetto intellettuale degli esseri umani, qualcosa come la loro psiche. In altri casi, pensiamo che anche se il passare del tempo cambia il nostro aspetto, c'è qualcosa che rimane più o meno lo stesso, e cioè la mente, che ci identifica come individui pensanti.

Ora ... Sappiamo qualcosa su ciò che chiamiamo mente? Dove si trova, per cominciare? Questa è una domanda delicata e dà origine ad alcuni resoconti piuttosto provocatori.


  • Forse ti interessa: "Mentalismo in Psicologia, fede nell'anima e perché è un problema"

La posizione della mente nel corpo

I decenni passano nella storia della psicologia e delle neuroscienze, ma non attribuiamo ancora un posto specifico alla mente; al massimo, il cervello è l'insieme degli organi a cui attribuiamo, in modo piuttosto impreciso, quella capacità di ospitare la vita mentale . Ma questo è successo? Per capirlo, andiamo alle origini della domanda su dove sia la mente.

La teoria dualistica di Cartesio è forse il primo grande sforzo nella storia dell'umanità per localizzare quella vita mentale nell'anatomia umana: i francesi proposero la ghiandola pineale come la struttura da cui emanano i nostri pensieri. Ora, l'intero edificio concettuale è crollato nel momento in cui abbiamo negato la possibilità dell'esistenza dell'anima. Non per niente, Descartes è stato un forte sostenitore della divisione tra corpo e spirito, qualcosa che non regge scientificamente.


Ma sebbene in teoria le idee di Cartesio siano respinte dalla scienza attuale, di solito assumiamo che la cosa giusta da fare sia pensare come ha fatto questo filosofo, sebbene cambiare il concetto di anima per la mente . Gli esseri umani hanno una tendenza innata a creare categorie per ogni fenomeno e trama della realtà, ed è per questo che crediamo che ci sia qualcosa chiamato "mente", da cui emanano tutti i pensieri, le emozioni, le decisioni, ecc. E, quando si tratta di attribuire un posto a quella fonte da cui emerge l'intera psiche, scegliamo il cervello, proprio come Cartesio.

  • Forse ti interessa: "Dualismo in Psicologia"

La mente oltre il cervello

Come abbiamo visto, abbiamo una tendenza quasi istintiva a credere che le menti siano nelle nostre teste, pilotare i nostri corpi come se fossero piccoli uomini piccoli . A loro volta, molti scienziati, sia in psicologia che in neuroscienza, presumono che la mente si trovi in ​​un posto specifico nel corpo. Ad esempio, il lobo frontale di solito è dato molta importanza, poiché questa parte del cervello ha un ruolo molto importante nel processo decisionale e nell'iniziazione dei movimenti.


Altri ricercatori hanno fatto il contrario, associando la mente a posizioni più grandi. Al di là delle teorie pseudoscientifiche che parlano di menti cosmiche che conservano ricordi di vite passate, ci sono difensori di altri modi dell'idea che la mente è al di là del sistema nervoso. Ad esempio, dalla teoria della cognizione incarnata si considera che le posizioni, i movimenti del corpo, così come gli stimoli che catturano, fanno parte della vita mentale, poiché condizionano ciò che pensiamo e ciò che sentiamo.

D'altra parte, autori come Andy Clark, i difensori della teoria della mente estesa , credete che questo va al di là del corpo individuale delle persone, ed è anche nell'ambiente con cui interagiamo, poiché entrambi questi elementi esterni e le parti del nostro corpo sono essenziali per il comportamento della mente come Lo fa nel qui e ora. I computer, ad esempio, sono luoghi in cui archiviamo le informazioni e il nostro modo di funzionare li include già come parte di una memoria espansa.

La domanda fondamentale: la mente esiste?

Finora abbiamo visto tentativi di localizzare la mente, ma per chiedere dove sia la mente è necessario, prima di tutto, assicurarsi che ci siano ragioni sufficienti per considerare che esiste.

Gli psicologi comportamentali sono stati caratterizzati proprio dal rifiuto dell'esistenza di qualcosa chiamato mente ... o almeno, uno che può essere localizzato da qualche parte. Allo stesso modo in cui il movimento di un treno o il denaro che abbiamo nel conto non possono essere intesi come qualcosa di limitato a un luogo, lo stesso accade con la mente.

Da questa prospettiva, credere che la mente sia qualcosa di simile a un oggetto o a un soggetto è il risultato di essere caduti in una trappola concettuale.La mente non è una cosa, è un processo; un insieme di disposizioni che ha senso quando viene fornita una serie di risposte agli stimoli. Da qui il concetto di fallacia mereologica, la tendenza ad attribuire un posto (nel caso che normalmente ci interessa al cervello), qualcosa che è caratterizzato come un insieme di cambiamenti.

Ed è che se qualcosa caratterizza le nostre esperienze e il nostro modo di comportarsi è che si verifica sempre in circostanze diverse. Allo stesso modo in cui la primavera non è in un paesaggio o in un determinato paese, ciò che chiamiamo mente dovrebbe essere inteso non come un sostantivo.

L'idea che la mente non esista può sembrare provocatoria, ma non è meno vero che supponiamo che esista come un dogma, senza paranos di pensare se è davvero giusto. Ciò che è chiaro è che questo è un argomento che dà a discutere a lungo e duramente. E tu, cosa ne pensi?


10 ENIGMI DEL CRIMINE PER SVEGLIARE LA MENTE DETECTIVE CHE È IN TE (Dicembre 2019).


Articoli Correlati