yes, therapy helps!
Il tipico profilo psicologico del terrorista

Il tipico profilo psicologico del terrorista

Agosto 10, 2020

Ogni volta che c'è un attacco terroristico tutti chiedono la stessa cosa: "Come sei stato capace di fare qualcosa del genere?" È necessario avere qualche tipo di psicopatologia per eseguire questo tipo di atti? Che profilo hanno queste persone? In che modo qualcuno è capace di perdere la vita per un ideale?

Il fattore di apparente irrazionalità dei terroristi è ciò che più confonde le vittime, che non riescono a trovare spiegazioni logiche nelle azioni intraprese.

Terrorismo e malattia mentale: mito o realtà?

Per cominciare, è importante saperlo non esiste un disturbo mentale adeguato per queste persone dal punto di vista della psicologia clinica. Non sono psicopatici. Pertanto, dal punto di vista giuridico, sono persone totalmente attribuibili. Sono consapevoli delle loro azioni, sia nella responsabilità che nella capacità di governare la loro volontà. Tuttavia, alcuni psicologi parlano di patologia sociale o politica. Di solito non hanno sensi di colpa a causa delle loro convinzioni. Sono considerati martiri. In loro, il pensiero dicotomico cioè "o sei con me o sei contro di me".


La sua capacità di uccidere o perdere la propria vita può essere dovuta a background storico o ideologico, promesse di ascensione al paradiso, ratifica sociale o semplicemente benessere per lui e / o la sua famiglia. L'intenzione del terrorista va ben oltre il semplice omicidio multiplo. Il tuo obiettivo include causare l'effetto psicologico del caos, producendo impotenza, disperazione, terrore , paura, insicurezza. Il terrorista crede di avere uno scopo, può persino considerarsi un salvatore della società.

Il profilo tipico del terrorista

Il profilo è di solito un ragazzo di età compresa tra i 20 ei 35 anni . Le difficoltà di adattamento sociale di queste generazioni possono favorire questi atti sfidanti che raggiungono il punto di dare vita ad alcuni valori, senza che ciò supponga di per sé un disturbo psichiatrico. Di solito sono figli di immigrati che ora vivono in Occidente, ma che non sono riusciti ad adattarsi (o non ci hanno lasciato) nel sistema occidentale.


Non sono diversi da noi. Infatti, gli esseri umani in situazioni estreme sono in grado di svolgere questo tipo di attività con assoluta normalità. Un esempio? Le guerre mondiali o la guerra civile spagnola. Per non parlare di situazioni sociali e politiche come l'Olocausto nazista. In essi potresti uccidere il vicino per il semplice fatto di essere dall'altra parte. Questo è dove il concetto di categorizzazione sociale, dove la categorizzazione ci rende "noi" e "loro".

Per quanto riguarda il gruppo, ci sono le pressioni di gruppo e le distorsioni percettive di gruppo. Si verifica un'eccessiva generalizzazione, in cui tutto ruota attorno alle tue convinzioni e pensieri . La loro ideologia può arrivare a dominare ciò che fanno e ciò che pensano. Considerano il loro gruppo superiore e la necessità di meritare controllo e potere. Sentono il loro status di gruppo, hanno legami morali, religiosi o nazionalisti.


Ideologia, dogmatismo e derealizzazione

Subiscono un processo di disconnessione della realtà lentamente, così come a perdita di empatia con le loro vittime . Hanno forti sentimenti di appartenenza e coesione di gruppo. Sono individui che non agiscono isolatamente e individualmente. All'interno del gruppo, i bisogni personali che la società non ha fornito sono soddisfatti. Forniscono valori, motivazioni e persino speranza. Oltre alla possibilità di svolgere un ruolo nelle azioni di gruppo. Tutto ciò può anche portare al riconoscimento e al prestigio che non hanno mai avuto, diventando una motivazione esistenziale e una ricerca di accettazione di gruppo.

Il gruppo copre le loro esigenze di comunicazione, per essere ascoltato. In modo che finiscano per creare idee condivise nel gruppo e quindi rafforzare la coesione dei membri. Questo suppone maggiore identificazione di gruppo, maggiore obbedienza, dovuta alla necessità di continuare ad appartenere al gruppo e persino la possibilità di attuare un tipo di comportamento che produce risultati visibili all'interno della società per mostrare il suo impegno nei confronti del "loro".

Fanatismo e fattori psicologici che lo innescano

Può arrivare ad apparire nei momenti di massima pressione che in psicologia si chiama "visione a tunnel", cioè in una situazione di pericolo o di alta attività, insieme alla pressione fisica e mentale, la visione è semplicemente focalizzata su qualche oggetto comune o pericolo che si pone (in questo caso sarebbe la società occidentale). Le gerarchie, la disciplina o il rispetto dell'autorità sono alcune delle norme di gruppo stabilite.La stessa pressione del gruppo richiede l'assenza di dubbi e critiche.

Il soggetto, a volte, si considera vittima del sistema, mostrando gravi problemi di identità . Molti sono nati in Occidente, dove non si sentono integrati. Non sentono né una parte né l'altra. Questo, insieme ai social network, favorisce il reclutamento di giovani che hanno bisogno di ottenere un'identità, un futuro, un significato per la loro vita.

Sono fanatici? Può essere Anche gli occidentali lo sono. Bombardiamo anche le loro città senza problemi, per il semplice fatto di essere "loro" e non "noi". Non confondere tutto questo con un lavaggio del cervello. Il semplice sentimento di appartenenza può provocare una radicalizzazione dei soggetti, un grande esempio di base sono i radicali delle squadre di calcio.

In breve, il kamikaze è fatto, non nato .


COSA SAI DI COME TI MANIPOLANO? Marcello Foa (Agosto 2020).


Articoli Correlati