yes, therapy helps!
La teoria dello sviluppo morale di Jean Piaget

La teoria dello sviluppo morale di Jean Piaget

Ottobre 14, 2019

L'essere umano vive nella società, interagendo continuamente con i suoi pari e avendo le proprie conseguenze sugli altri. In questo contesto, è stato sviluppato un intero codice non solo normativo, ma anche morale secondo convinzioni condivise su ciò che è o non è accettabile o sui valori che seguiamo.

Sebbene dal momento in cui nasciamo siamo immersi in esso, la verità è che la moralità non sorge spontaneamente, ma si sta gradualmente sviluppando durante tutta la nostra evoluzione e maturazione. Questo ha un enorme interesse scientifico e molti autori hanno esplorato e sviluppato teorie su come la moralità appare nell'essere umano. Tra loro possiamo trovare la teoria dello sviluppo morale di Jean Piaget di cui parleremo in questo articolo.


  • Articolo correlato: "Teoria dell'apprendimento di Jean Piaget"

Piaget e sviluppo mentale

Jean Piaget è uno degli autori più riconosciuti per quanto riguarda il studio dello sviluppo del bambino , essendo uno dei genitori della psicologia evolutiva.

Uno dei suoi contributi più importanti è la sua teoria dello sviluppo cognitivo, in cui il bambino attraversa diversi stadi di sviluppo (sensorimotoria, preoperatoria, operazioni concrete e operazioni formali) in cui riconfigura la propria cognizione mentre si organizza o assimilare informazioni, così come Acquisire diverse facoltà e abilità mentali e rendendo il suo pensiero sempre più complesso.


Ma sebbene Piaget si concentrasse sullo sviluppo delle facoltà mentali e del ragionamento / ragionamento, valutò e generò anche una teoria dello sviluppo morale.

La teoria dello sviluppo morale di Piaget

La teoria dello sviluppo morale di Piaget è profondamente legata alla sua teoria dello sviluppo cognitivo. La moralità è valutata come un insieme di regole che il bambino è in grado di obbedire e comprendere in misura maggiore o minore, generalmente legata all'idea di giustizia.

L'autore ritiene che per parlare di moralità sarà necessario acquisire un livello di sviluppo equivalente a due anni, equivalente al periodo preoperatorio (in precedenza si ritiene che non ci sia abbastanza capacità mentale per parlare di qualcosa di simile al morale).

Da questo punto, l'essere umano svilupperà una morale sempre più complessa in base alla sua capacità cognitiva che sta diventando maggiore e capace di pensiero astratto e ipotetico-deduttivo. Quindi, l'evoluzione della moralità dipende da quella delle proprie abilità cognitive: per farla avanzare è necessario riorganizzare e aggiungere informazioni a schemi già esistenti , in modo tale che una conoscenza più profonda e più critica possa essere sviluppata con la considerazione che un determinato comportamento merita.


Oltre a ciò, sarà necessario interagire con i loro pari, in quanto meccanismo principale per acquisire informazioni e lasciare da parte l'egocentrismo proprio delle prime fasi della vita. Infine, è essenziale che, a poco a poco e man mano che le capacità e il pensiero ipotetico-deduttivo vengono acquisiti e padroneggiati, c'è un progressivo allontanamento e indipendenza dei genitori e il loro punto di vista, necessario per un certo sviluppo. relativismo e capacità critica propria.

Sebbene la teoria dello sviluppo morale di Piaget non sia attualmente la migliore da considerare, la verità è che i suoi studi servivano da ispirazione e anche come base per lo sviluppo di molti altri. Questo include la teoria di Kohlberg , probabilmente uno dei più noti.

  • Potresti essere interessato: "La teoria dello sviluppo morale di Lawrence Kohlberg"

Fasi di sviluppo morale secondo Piaget

Nella teoria dello sviluppo morale di Piaget, l'autore propone l'esistenza di come abbiamo detto un totale di tre fasi o stadi (anche se sono gli ultimi due che sarebbero propriamente morali), che il minore sta andando come acquisisce e integrando sempre più informazioni e abilità cognitive. Le tre fasi o le fasi proposte sono le seguenti .

1. Stadio di pressione premale o adulta

In questa prima fase, che corrisponde a un livello di sviluppo equivalente a quello di un bambino tra i due ei sei anni, il linguaggio emerge e iniziano a identificare le proprie intenzioni , anche se non c'è comprensione del concetto morale o delle norme.

I modelli di comportamento e le limitazioni a questo dipendono interamente dall'imposizione esterna da parte della famiglia o dalle figure dell'autorità, ma la regola o norma morale non è concepita come qualcosa di rilevante in sé.

2. Solidarietà tra uguali e realismo morale

La seconda delle fasi dello sviluppo morale avviene tra cinque e dieci anni, e appare come una regola esterna ma che è intesa come pertinente e obbligatoria, essendo alquanto inflessibile.

La rottura della norma è vista come qualcosa interamente punibile e visto come un difetto, quindi viene visualizzato male. Sorge l'idea di giustizia e onestà, nonché la necessità di rispetto reciproco tra pari.

La menzogna è disapprovata e la punizione per il dissenso è accettata senza tenere conto di possibili variabili o intenzioni attenuanti, le conseguenze del comportamento sono rilevanti .

Nel tempo, le regole non sono più viste come imposte da altri, ma sono comunque rilevanti di per sé senza richiedere una motivazione esterna.

3. relativismo morale o morale autonomo

Questo stadio nasce approssimativamente dai dieci anni, nella fase delle operazioni concrete e anche all'inizio di quelle formali. In questa fase il minore ha già raggiunto la capacità di usa la logica quando stabilisci relazioni tra informazioni e fenomeni che vivono .

A partire da circa dodici anni, c'è già la capacità di operare con informazioni astratte. Questo fa apparire a poco a poco una maggiore comprensione delle situazioni e l'importanza di diversi fattori quando si prendono in considerazione le regole, come l'intenzione.

È in questa fase che si raggiunge una morale critica, diventando consapevole che le regole sono interpretabili e che obbedire loro o no può dipendere dalla situazione e dalla propria volontà: non è più necessario che la norma sia sempre rispettata, ma dipenderà dalla situazione.

Valuta anche la responsabilità individuale e la proporzionalità tra punizione d'azione. La menzogna non è più vista come qualcosa di negativo di per sé, a meno che non implichi il tradimento.

Riferimenti bibliografici:

  • Piaget, J. (1983). Il criterio morale nel bambino. Editorial Fontanella.
  • Sanz, L.J. (2012). Psicologia evolutiva ed educativa. Manuale di preparazione CEDE PIR, 10. CEDE: Madrid.
  • Vidal, F. (1994). Piaget prima di Piaget. Cambridge, MA: Harvard University Press.

LO SVILUPPO MORALE - Psicologia dello sviluppo (Ottobre 2019).


Articoli Correlati